LAVORI PUBBLICI

Inadempienze, ritardi, costi esagerati, lavori sfiniti, insomma tutto quello che riguarda una vitale (soprattutto per i costi che ricadono sulla cittadinanza) attività sulla quale la chiarezza NON sarà mai troppa. Ma anche proposte, idee e quant’altro possa servire a migliorare la qualità della vita nella ns città.

Il tema è molto delicato e vi avviso che non vorrei essere costretto ad attivare il controllo personale su quanto postato. Mi costringereste ad un lavoro non indifferente. Vi prego di evitarmelo ma, nel caso vogliate comunicare “particolari” notizie, inviatemele per email. Sarà mia cura pubblicarle per intero a due condizioni: NON devono essere anonime e NON devono contenere notizie non adeguatamente documentate e verificabili.   Grazie


154 risposte a LAVORI PUBBLICI

  1. dan7m ha detto:

    Buon anno a tutti.

    Stando all’ultima querelle cittadina, un “forestiero” ha avuto l’ardire di sostenere che Cisterna sia una città brutta -o meglio, imbruttita- e che i turisti evitino di passarci quando vanno a Ninfa.
    L’italiano-tipo sente subito odor di battaglia, abituato com’è a conformarsi
    sotto ogni singolo campanile, e ad un cenno del capitano tutti i seguaci stanno pronti all’arme per pugnare (pur senza crederci granchè, ma “ci chiama”):
    “Non è vero!
    La nostra è una città bellissima!
    Vengano a vedere, i criticoni!
    Sono pagati da qualcuno (o sono comunisti)!
    Abbiamo fatto mille grandi opere e questo e quest’altro!
    Così offende un’intera cittadinanza!” (perchè un pò di italico vittimismo non guasta mai).

    Personalmente non mi è mai capitato di restare imbottigliato nel traffico
    cisternese per colpa di frotte di turisti arrapati d’arte che occupano ettari di suolo pubblico per ammirare le nostre grazie urbanistiche. Sarò stato sfortunato…
    Oddio, di stranieri ne ho visti un bel pò, qualcuno anche dentro casa, ma erano tutt’altro che muniti di macchinetta fotografica; dunque la mia impressione di Cisterna è di una città non prettamente turistica.

    Il problema è che si confonde sempre il dito con la luna. Il signor Sgarbi ha parlato in uno sgarbato sgarbese, come suo solito, ma noi invece di tagliare gli estremi della dichiarazione, tirandone fuori il nucleo privo di orpelli, ne enfatizziamo proprio l’estetica, tralasciandone l’aspetto critico e
    potenzialmente interessante. E’ come giudicare un frutto dalla buccia.

    Cosa ha detto Sgarbi?
    Che Cisterna è una città non bella, già brutta a causa della distruzione bellica, ma abbruttita maggiormente da una pesante revisione estetica -a cura dell’arch. Zagari- che l’amministarzione comunale ha sempre difeso a spada tratta. Una città brutta (pubblico) con al suo interno un “paradiso” (privato, fondazione Caetani) di nome Ninfa.
    Fin qui mi pare una legittima dichiarazione di un critico d’arte, tra l’altro niente di trascendentale ma neanche blasfemo. Un’opinione.

    Ma la solita solfa dei cittadini orgogliosi della propria città, questo no: questo ha un pò stufato… E a questo non ci crede neanche il Sindaco stesso, il quale qualche tempo fa in una trasmissione su Extra tv, ha avuto modo di assaporare ancora una volta l’opinione in merito dei suoi concittadini: poco entusiasti, per dirla gentilmente. Poteva per giunta risparmiarsi la deprimente dichiarazione a Ciarrocchi con la quale invitava chicchessia a spalare fango su Cisterna, purchè se ne parli: “Ci fa pubblicità”. Roba da provinciale, da aspirante soubrette televisiva, disposta a tutto pur di avere visibilità. Bleah

    Tuttavia, come con quelle di Sgarbi, anche dalle dichiarazioni del Sindaco bisogna togliere il superfluo ed arrivare al nocciolo. Perchè è comprensibile che egli usi delle frasi fatte, dichiarazioni equilibrate, scontate, anche un pò banali, molto politicamente corrette: fa parte del suo ruolo. Se un Sindaco potesse dire tutto quello che pensa, poche teste sarebbero sopra al collo e la sua vita politica sarebbe travagliata più che mai…
    Spogliando queste dichiarazioni però, appare che quella di Merolla era solo una difesa d’ufficio: un breve elenco di piccoli impegni iniziati o portati a
    termine, e poco più.

    E’ decisamente poco per una città che come tutte ha i suoi problemi. Rimanendo in quello dell’estetica, nessuno ha visto la differenza per quanto riguarda ad esempio la valorizzazione di Ninfa.
    Il bus-navetta, è un mezzo per valorizzare, non la valorizzazione in sè.
    Nessuno ha visto la risoluzione del problema buche da ground-zero: stiamo ancora pensando se il colpevole sia Bin Laden o Carturan, e l’omo campa.
    Cisterna Vecchia a quanto pare c’è o non c’è cambia poco, visto che “Cisterna non è più un borgo medievale, ma una città moderna” (Sermoneta può pure crollare, tanto esiste Sermoneta Scalo, no?).
    Ora capisco il senso con il quale a 100 metri da palazzo Caetani è stato eretto uno stonatissimo Palazzo dei servizi in stile moderno, con tanto di marmo (materiale così distante dalla storia medievale di Palazzo Caetani e Cisterna Vecchia); oppure il fatto di ristilizzare piazza XIX Marzo ponendo i pali della luce senza tenere conto dell’ingresso della chiesa… Tutte cose ben note, d’accordo, ma non impariamo dagli errori?

    Il Sindaco, l’Amministrazione comunale, la politica in generale, hanno dalla loro il fatto che demolire è 1000 volte più facile che costruire, criticare è 1000 volte più facile che fare, ora come ora a ciò si aggiunge pure la crisi, le casse comunali asciutte e il patto di stabilità, ma l’impressione -ancora una volta- è che non sia ben chiaro il fatto che da riedificare ci sia soprattutto una mentalità. Non c’è demiurgo che ci possa liberare dal male, anche Cristo in Italia sarebbe impotente allo stato attuale. Possibile che l’unica speranza debba venire da chi è nato dopo il ’70? Ve lo immaginate un sindaco in consiglio comunale coi pantaloni a vita bassa e mutande fucsia?

    Quale potrebbe essere la soluzione?

    Di nuovo buon anno a tutti

    Daniele

  2. Gabriele Paterlini ha detto:

    http://www.comune.cisterna-di-latina.latina.it/

    Festa dell’albero a Cisterna.
    Cerimonia “solenne” per la messa a dimora di giovani piante nelle scuole dell’Istituto Comprensivo Leone Caetani.
    Una bella iniziativa che trova continuità da 11 anni.

    Domanda:
    a quando le esequie per l’abbattimento delle piante sul Corso della Repubblica Cisternese?

  3. U79 ha detto:

    Premessa: eh si….questa è la mia sezione preferita ed ora che è stata riaperta, a costo di essere l’unico, ci scriverò spesso 🙂 .

    Segnalo nella rassegna stampa del 22 Ottobre (del comune), l’articolo a pagina 11 inerente il Palazzetto dello sport. Io non conosco l’esatta verità, e non è che i comunicati in merito fiocchino, però penso che l’articolo sia veritiero.

    Tra l’altro è ricordato in alcune righe come i tre punti “caldi” per la giunta al momento siano: le buche in centro, il detto Palazzetto e la Casa della Salute.
    Parere mio, magari impopolare: la casa della salute al momento deve essere tutt’altro che una priorità.
    Daccordissimo (e non potrebbe essere altrimenti) in merito agli altri due punti, però partire con un cantiere quando ce ne sono “pending” e da troppo tempo altri, mi sembra fuori luogo.
    Si chiuda il Palazzetto prima, secondo le modalità che Merolla ritiene più opportune e spero che il sindaco e la sua squadra abbiano a mente le considerazioni che sono riportate nell’articolo in merito ai costi di arredamento e di gestione.
    Si rimettano in moto i cantieri in centro con una soluzione che dia quelle garanzie che evidentemente al momento dell’assegnazione dell’appalto non c’erano e/o non erano state richieste.
    Si chiudano gli altri punti aperti: la cosidetta pista ciclabile sulla provinciale per Latina ed il marciapiede di via Monti Lepini.
    Io penso che questi debbano essere gli obiettivi minimi.
    Poi si può parlare di fare altro, ma anche se questa situazione si palesasse, altre devono essere a mio avviso le priorità:
    1. Io mi ricordo che in un passato non troppo lontano si era parlato di allargare il parcheggio della Stazione anche negli spazi adiacenti il Palazzetto fino a creare una circolazione ad anello che, togliendo un po’ di spazio alla protezione civile, creasse un circolo a senso unico attorno al “Polo sportivo” (ingresso dov’è ora, all’altezza dello stadio, ed uscita sul curvone dell’ex Locatelli).
    2. Andrebbe velocizzato l’iter per la creazione di un polo museale (Palazzo Caetani), recupero dell’ex Convento di Sant’Antonio Abate, implementazione di un circuito archeologico (Tres Tabernae, tombe,…) e di un circuito cicloturistico (Cisterna – Filetto Sbardella – Ninfa/Ninfa2…ragazzi una volta terminata l’attuale pista ciclabile, me lo dite a cosa serve? da dove parte? dove arriva? io credo sia veramente fine a se stessa allo stato attuale del percorso). Perché anteporre questo punto alla Casa della Salute? Semplice: portare a casa questo risultato creerebbe posti lavoro per la comunità cisternese…la Casa della salute avrebbe un impatto occupazionale nettamente inferiore secondo me.
    3. Edilizia Publica: pur con i suoi modi Virghil dice alcune cose vere, tra queste la necessità di tornare all’edilizia popolare, volta al sociale ed al sostegno di quelle famiglie che non ce la fanno a procurarsi un tetto. Non può essere che questo aspetto passi in secondo piano rispetto alla pur nobile Casa della Salute.
    Si immagini una Cisterna in cui in 4-5 anni siano realizzati questi punti: una cittadina con un teatro, con un parcheggio attrezzato in centro o nelle vicinanze (perché no, a pagamento come in altre realtà: Sperlonga, Perugia per dirne un paio); un polo sportivo a gestione mista dotato di un sistema di viabilità ben programmato; un polo museale, centrato in Palazzo Caetani e con la possibilità di contare su un recuperando ex Convento di Sant’Antonio Abate; un circuito ciclabile turistico-ambientale come descritto in precedenza; famiglie con basso reddito sistemate in nuove case popolari; cementificazione fermatasi (xché oggi stiamo veramente al limite per una cittadina storicamente legata all’ambiente rurale e a determinati parametri paesaggistici). A quel punto si può impotizzare che
    – cominci a muoversi un turismo verso Cisterna
    – che di conseguenza potenziali imprenditori comincino a sentire profumo di affari (che non è una brutta cosa eh: chi investe non lo fa, giustamente, per beneficenza, ma per lucrare, pure Alice nel paese delle meraviglie se ne renderebbe conto…) con nascita magari del sospirato cinema, di strutture ricettive, ristorazione di livello (quello attuale è comune, banale, standardizzato, scarso nella maggior parte dei casi)
    – che questo turismo porti beneficio al commercio perché più gente nelle strade cisternesi = maggiore denaro potenzialmente in circolo (dico “potenzialmente” perché anche i commercianti devono destarsi dal torpore e dalla pigrizia che li attanaglia da sempre). Senza contare quei privati che possono reinventarsi Bed&Breakfast, arrotondando lo stipendio come succede in altre realtà (qui veramente gli esempi sono n^n nelle realtà con meno potenziale del nostro)
    – che l’economia cisternese diventi più diversificata: nel momento in cui l’industria ha cominciato a lasciare la cittadina, c’è stato un vero e proprio terremoto sociale, per l’assenza di richiesta in altri settori (certo: non esistono altri settori!). Per tanti anni Cisterna è stata Agricoltura e Industria; le quote dell’industria stanno diminuendo. E’ fisiologico xché le aziende spostano GIUSTAMENTE le fabbriche nei paesi dove la mano d’opera costa di meno (europa dell’est, oriente) e dove la pressione fiscale è inferiore (es Svizzera, ebbene si: lo sapere che molte fabbriche sono spostate nella federazione Svizzera dove la mano d’opera costa di più ma dove le “regioni” possono farsi concorrenza a colpi di vantaggi fiscali per creare lavoro?!…ah “maledetto” e “diabolico” federalismo!!). Bisogna reinventarsi in altri settori (commercio, servizi: chi è costretto a “migrare” verso Roma, che ruoli va a coprire? ingegneri, programmatori, professori, statli, avvocati, ragionieri, studenti, …) e chi lo capisce prima avrà un grande vantaggio domani. Sempre che le amministrazioni siano brave a guidare questo cambiamento e a creare terreno fertile (il punto 2. che ho scritto in precedenza ad esempio, ma altri n a cui non ho pensato).
    Io immagino una Cisterna insomma, non impossibile o utopistica, condotta con razionalità e sangue freddo in una nuova era più stabile e prospera dell’attuale (non è che ci voglia molto). Un’era che offra delle opportunità reali.
    A quel punto si può parlare di Casa della Salute…ma a quel punto…perché non parlare di Ospedale??

    Intervento lungo ma spero costruttivo; che possa fornire spunti a chi ci governa e di quando in quando da una letta a questo spazio. Alla fine sono un cittadino che ha a cuore le sorti della propria terra: la mia opinione è importante perché esprimo un’esigenza che viene dalla collettività.

  4. U79 ha detto:

    Segnalo gli articoli in rassegna stampa del 17/10 alle pagine 3 ed 8. Nella pagina 3 ho ritrovato lo sconcerto che ho avuto io nel constatare l’operato: dalla sezione dei tronchi tagliati si vede benissimo che non c’erano ragioni di ordine “naturale” per operare quello scempio; sono un cittadino amareggiato per quell’assurdità.

    Prossimamente Fiera della Recalata: tutti pronti per la fiera del bestiame? Pronti per acquistare animali, da compagnia o da allevamento che sia? Pronti ad acquistare piante ornamentali o da frutto che siano? Pronti a vedere la mostra storico-iconografica che ci parlerà di come questo avvenimento sia nato, sia cambiato nel tempo e sia arrivato ai giorni nostri allestita nella bella e accogliente cornice del Palazzetto dello sport di fianco all’ormai collaudatissimo Stadio Comunale (inaugurato, come auspicato, regolarmente per la stagione 2010/11)?
    E mi raccomando: soprattutto se la giornata è soleggiata, fatevi una passeggiata che l’ex Nalco è vicina al centro ed i marciapiedi realizzati recentemente su via Nettuno vi permettono di raggiungere in totale sicurezza e senza barriere architettoniche di sorta il sito (l’anno prox poi ci sarà il sottopassaggio che permette di attraversare senza il rischio di un passaggio a raso lo spazio tra il parcheggio e l’area del mercato)!

    Se siete in cerca di cineserie assortite, capi di abbigliamento di dubbia provenienza e di scarsa fattura, di improbabili bancarelle etniche “tuttologhe”, di calzature made in culonia, di cosidetto “artigianato” del 3° mondo, di stracci merrecani, rimarrete delusi: questi articoli sarebbero offensivi e denigranti verso la storia e la nobiltà di questa tradizione che affonda le radici nella storia e nello spirito di Cisterna.

    Vabbè sono le 16:30: è il caso che mi svegli e che smetta di sognare.

    • Gabriele Paterlini ha detto:

      “Segnalo gli articoli in rassegna stampa del 17/10 alle pagine 3 ed 8. Nella pagina 3 ho ritrovato lo sconcerto che ho avuto io nel constatare l’operato: dalla sezione dei tronchi tagliati si vede benissimo che non c’erano ragioni di ordine “naturale” per operare quello scempio; sono un cittadino amareggiato per quell’assurdità.”

      Caro U, come ben sai quasi un anno fa feci presente questo scempio documentandolo con foto “spettacolari”.
      Ebbene, ho continuato a scattare foto da allora e ne ho certe che testimoniano la “evoluzione” dello stato dell’arte che…..“manco a li cani”….. 🙂

      • U79 ha detto:

        Altroche se ricordo GP; la mia amarezza infatti è dovuta anche al fatto che già in un recente passato quei cittadini che avevano notato la cosa, tu e di riflesso gli altri utenti di questo blog, avevano in maniera abbastanza compatta e trasversale criticato o quanto meno non compreso quella decisione.

        S’è evidenziato che il sindaco (ed io credo anche altri membri dell’amministrazione) di quando in quando legge questi spazi quindi penso che questo malcontento gli era arrivato (anche allora uscirono articoli sui giornali se non ricordo male).

        La mia sensazione è che in illo tempore si decise di non procedere oltre e di fare “calmare le acque” fino ad arrivare ai giorni nostri, con l’attenzione bassa, per dare altri due colpi.

        Siamo nel 2010 (duemiladieci) possibile che per risolvere il problema delle radici degli alberi ci sia solo il loro taglio come soluzione?!

        Beh allora mi permetto di segnalare in questo spazio qualche altro problema:

        – Piazza Michelangelo: le magnolie nel periodo delle migrazioni (questo ad esempio) si riempiono di uccelli e, a parte il casino, sono teatro di autentiche piogge di guano. Questo danneggia le attività commerciali della piazza, senza contare che li c’è anche una fermata di autobus ed i marciapiedi che puzzano…Propongo di abbatterle tutte.

        – Collina dei pini, entrata della Madonnina, l’impianto radicale dei pini ha dissestato parti della strada tanto che chi deve parcheggiare nei pressi della pasticceria (frequentatissima nei giorni festivi) si trova a rischiare il danneggiamento dell’automezzo. Li vogliamo fare sparire o no?? (ah giusto…li è privato…beh l’invito allora lo rivolgo ai privati)…

        – A proposito di Collina dei Pini…vogliamo parlare dello stato dei marciapiedi che portano al popoloso quartiere, danneggiatissimi dai pini secolari?! Dai su: abbattiamoli!

        – I Cipressi al cimitero sporcano molte tombe…mica li vogliamo lasciare li!

        Insomma abbattetele tutte!!!!

        C’è la soluzione facile e c’è la soluzione intelligente: spesso queste due non coincidono…

  5. Carmen ha detto:

    Avevi qualche dubbio a proposito?
    ci fanno , ci fanno!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    Questo argomento e’ stato oggetto di tanti scambi di opinione , e i commercianti che sicuramente ci leggono , non sono stati capaci di trovare nessuno spunto di rinnovo per i loro esercizi, hanno avuto solidarieta’ e comprensione
    da parte degli organi competenti, ma non s’e’ mossa paglia!
    e allora? chi e’ colpa del suo mal pianga se stesso!!!!!
    e noi siamo costretti a volar x altri lidi!!!!!!!! (purtroppo)
    e di certo non e’ colpa del CORSO.

  6. U79 ha detto:

    Leggo l’articolo posto in ultima pagina della rassegna stampa comunale odierna e mi chiedo se gli esercenti del corso di Cisterna ci fanno o ci sono (ci fanno) e pensano che i lettori siano tutti dei dementi (lo pensano lo pensano).

  7. U79 ha detto:

    Pagina 10 della rassegna stampa del 25 Maggio. Indiscrezioni su una prossima soluzione al problema dei crateri: se ci fosse del vero, Merolla potrebbe aver messo a segno un colpo eclatante, sebbene con delle perdite.

    • U79 ha detto:

      …e nella rassegna stampa dell’8 Giugno, si fa un minimo di cronostoria recente sulle buche: si ricorda che è tutto fermo e si rileva che non si scorgono novità all’orizzonte.
      Può essere che ancora non si abbia la minima idea di come risolvere questo drammatico problema?

  8. CARMEN ha detto:

    Cara Luana il mio post non voleva ,e non ha offeso nessuno ,tanto meno ha il sapore del sarcasmo.
    Pero’, proprio su questo blog i “sentito dire” hanno creato un po’ di agitazione, in quanto alle volte non veritieri. Ed e’ per questo che penso che forse e’ meglio andare o scrivere un’e-mail direttamente al comune . Io se avessi informazioni certe sarei ben felice di comunicartele, perche’ credo che le giuste informazioni anche se brutali fanno sempre e solo bene .
    Un caro saluto

  9. Luana ha detto:

    Grazie U79 delle informazioni. Per me i “sentito dire” sono molto importanti, soprattutto quando si affrontano certe tematiche, perché sono la perfetta dimostrazione di quanto viene fatto in termini di promozione e comunicazione.

  10. CARMEN ha detto:

    Andare direttamente in comune e negli uffici preposti no ?
    nei sentito dire c’e’ sempre tanta confusione!!!!!

    • U79 ha detto:

      Queste sono le informazioni che io, in buona fede e nel solo intento di aiutare Luana, sono stato in grado di dare. Poi se c’è qualcuno, ivi compresa la stessa Luana, che ha la possibilità di spendere tempo per recarsi durante il giorno in comune a chiedere queste informazioni, certamente questo è l’approccio migliore.

      Un errata corridge comunque: il rimborso che mi risulta è di “MASSIMO” 2500euro.

  11. Luana ha detto:

    Ok per i GAC nessuna risposta ;), ho un’altra domanda vediamo se stavolta sarò più fortunata: ho letto stamane sul sito del comune di cisterna che è stato aperto un Bando per l’accesso ai contributi per l’allestimento, miglioramento e conservazione delle vetrine ed insegne nel Centro Commerciale Naturale e non so perchè la cosa ha destato in me cattivi pensieri.
    Il centro commerciale naturale a cisterna???quale area include?? quali sono stati gli interventi di qualificazione/riqualificazione?Le iniziative a favore dei commercianti del centro commerciale naturale? quelle a favore della valorizzazione del centro cisternese??? Cosa è stato fatto a favore le botteghe storiche e/o artigiane???
    Il bando parla di una mappa ma io nn sono riuscita a recuperarla. Restando in attesa di ricevere smentite piuttosto che conferme auguro a tutti una buona giornata.

    • U79 ha detto:

      Che io sappia l’area coperta è quella del Corso della Repubblica, non so se Cisterna vecchia sia contemplata.
      Ho sentito dire che per chi rinnova/ha rinnovato la vetrina si prevede un contrbuto (rimborso spese?) di tipo 2500euro. In ogni caso un ex negoziante di Cisterna mi ha detto un mesetto fa che in realtà questo strumento non è nuovo e che c’è sempre stato. Questo è il “sentito dire”, poi per informazioni certe, non posso aiutarti.

  12. Luana ha detto:

    Qualche settimana fa sono uscite le graduatorie (con relativi importi assegnati per singolo comune) dei GAC (Grandi Attrattori Culturali). Sapendo che anche il comune di cisterna è stato finanziato vorrei chiedere se c’è qualcuno tra i lettori che conosce il progetto e sa dirci quali saranno gli ambiti di intervento.
    Con l’occasione auguro Buona Pasqua a tutti

  13. mike ha detto:

    il concorso dei vigili è in atto, i comuni assumo per concorso non lo sapevate?

    • U79 ha detto:

      Io quello che ho visto, l’ho visto durante ore diurne e penso anche l’episodio segnalato riguardante il sindaco. Se non ci sono vigili per controllare la situazione notturna, non ci vuole molto, così come si fa durante le sere estive, si chiude il corso tagliando le possibilità: non entrano macchine = macchine non possono essere parcheggiate sui marciapiedi. Francamente non vedo proprio il problema.

      P.S.
      In casi di criticità come quello dei fine settimana cisternesi, si può prevedere di fare lavorare in notturna, a turno i vigili urbani in organico che, diciamocelo, al di la di tutti gli storici luoghi comuni decisamente non s’ammazzano di lavoro e forniscono un’immagine spesso indecorosa. Mi dirai “si ma lo paghi tu lo straordinario?”…ed io forse risponderei “si ma chi pagherà la manutenzione dei marciapiedi danneggiati?”, “chi paga il danno di immagine che subisce Cisterna?”, “chi paga il danno subito dai pedoni che devono slalomeggiare tra le auto in uno spazio che dovrebbe essere loro riservato?”.

      Qui non scrivono persone onniscenti, e spesso si depositano dei commenti “emotivi” più che “razionali”, però chi posta non è proprio ignorante ignorante…

  14. de marius ha detto:

    carmen lascia perdere…Virghil incarna il tipico elettore deluso di sinistra…non hanno più a che appigliarsi e non gli rimane che sparare su tutti, odiare, odiare, odiare….NON HANNO PIU’ NULLAAAAA!!!!

    L’ITALIA SI RIALZA E LORO SONO ANCORA QUI A VEDERE CHI PARCHEGGIA SUL MARCIAPIEDE!

    • U79 ha detto:

      De marius, non entro in merito alle considerazioni su Virghil, però sul marciapiede si.

      Io sono invece un tipico elettore di destra, soddisfatto di quanto sta facendo il governo in molti campi (e perplesso comunque sulla condotta Berlusconiana in alcuni ambiti, xché uso il cervello nel valutare le situazione, che è al centro, e non la mano con cui…scrivo).

      Eppure la questione del marciapiede non è affatto banale. L’Italia deve rialzarsi non solo economicamente, ma anche in termini di civiltà e valori. Forze dell’ordine e detentori di cariche istituzionali sono i primi servi del popolo e contestualmente i suoi maggiori rappresentati. Hanno un ruolo “pubblico” estremamente importante per le generazioni attuali, che ne osservano l’operato misurando il proprio grado di soddisfazione, e per quelle future, per le quali devono essere da esempio.
      Se mi dici che del sindaco conta di più quello che fa la sua amministrazione di dove parcheggia, ci posso stare, è incontestabile. Se mi dici che della Polizia occorre innanzitutto valutare i risultati ottenuti contro il crimine di dove parcheggia, non posso che concordare.

      Ma il fatto che loro calpestino le regole (che non si può parcheggiare sui marciapiedi, penso tu lo sappia no?) e le regole basilari di civiltà, posteggiando l’automobile in uno spazio non consentito, è altrettanto vero. E INACCETTABILE.
      Forse la cosa a te pare una quisiquiglia, a me, elettore di centro destra/destra, no. A me pare ci sia una connessione tra un “piccolo” episodio come questo e il degrado civile e culturale italiano e, nel dettaglio, cisternese. Se chi dovrebbe difendere a spada tratta le regole, per piccole che siano, le calpesta, cosa ne è del suo popolo? (e questi peraltro penso siano concetti trasversali, che non hanno colore politico)

  15. CARMEN ha detto:

    Sono d’accordo con te con quello che scrivi, pienamente d’accordo, infatti il mio disappunto non e’ questo, ma e’ l’accanimento e i paraocchi che si hanno a giudicare i fatti che accadano nel ns paese, ma sopratutto alle volte, senza neanche informarsi di come sono andate realmente le cose.

  16. CARMEN ha detto:

    Non e’ una questione tra me e Virghil e’ che non ne passa una, tutti pronti a condannare ed a d offendere , dico semplicemente che qualche volta a ns insaputa forse una giustificazione c’e?.
    Certo che poi non possiamo giustificare le auto della polizia a prendersi il pranzo, come tre vigilesse a fare colazione con il traffico impazzito o a parlare al cellulare mentre dirigono il traffico o ,meglio, ancora a masticare gomma americana a bocca aperta. No non vanno giustificati . pero’ qui se ben ricordi caro U79 la lotta e’ pura e solo contro l’amministrazione, tutto questo gran parlare della sosta selvaggia non mi sembra ci sia mai stata o se ne e’ parlato appena per quei gran maleducati dei ragazzi che si sentono padroni assoluti , e’ questa x me l’illogicita’. Poi voi prendete gli scritti come meglio vi garba e questa e’ un’altra che non mi piace, e che non sopporto. Mi parli di “repulsione”? i ragazzi di oggi? ma va la’ …………………..se domandi loro chi e’ il presidente della Repubblica neanche lo sanno ! se parli di telefonini o firme dei pantaloni allora sona attenti.
    Altrimenti “che me frega a me”:
    Questo argomento merita ore di confronto, purtroppo.

    • U79 ha detto:

      Carmen c’è una cosa, non so da quanto è che frequenti questo blog, però io ricordo bene che della problematica in questione si è parlato in maniera pluridimensionale e, per renderti il “quadro completo”, ti faccio un sunto di mesi e mesi di commenti (dimenticherò qualcosa quindi è sicuramente passibile di integrazioni):
      1. La responsabilità dell’amministrazione passata: si è detto, pardon scritto, innanzitutto che la tolleranza smisurata verso l’inciviltà che colpisce il corso della Repubblica (in particolare nelle serate del fine settimana) è una delle pesanti eredità di chi è venuto prima, che ha abituato male, con la sua colpevole latitanza.
      2. La responsabilità dell’amministrazione attuale, cui all’inizio c’era chi attribuiva delle colpe specifiche (a mio avviso in maniera prematura), ma anche chi predicava un minimo di pazienza (mi metto tra questi). Però ora come ora penso che sia il momento di pretendere un’azione che ancora non si vede. Merolla se non ricordo male scrisse proprio su questo blog mesi fa che si stava muovendo per assumere dei vigili urbani con l’intento di coprire anche le ore notturne, ma alle parole non sembra siano seguiti fatti concreti. Tra l’altro vorrei sapere: chi ha la colpa di non “vigilare sui vigili urbani”? Loro sbagliano, ma non c’è nessuno che ne esamini la condotta in servizio mi sembra.
      3. La responsabilità della cittadinanza: si è scritto che i primi responsabili sono coloro che commettono il fatto. Gente incivile che non ha rispetto per il bene pubblico, che se ne frega delle regole, che risponde persino male se qualcuno giustamente si ribella, che ha un atteggiamento arrogante. Questi, per il 90% ragazzi, sono degli ineducati, non dico maleducati, nel senso che non sono stati proprio trasmessi loro dei valori. E spesso parliamo di esponenti della meglio gioventù di Cisterna, figli delle “meglio famiglie” che parcheggiano le loro macchine costose (curioso: a volte senza che abbiano neanche un lavoro…) dove è vietato.
      4. Proposte: si perché qualche volta si è provato persino a proporre qualche soluzione. Io ricordo di aver scritto cose cervellotiche del tipo: mettere su dei cartelli la piantina della cittadina con segnalati i parcheggi, chiudere il Corso della Repubblica dalla Baffona a Scalese nelle serate del fine settimana onde impedire proprio agli autoveicoli di entrare, predisporre delle navette che facciano la spola da alcuni parcheggi non centrali (es, area ex.NAlco) al centro cittadino. Insomma magari delle stupidaggini ma comunque con spirito costruttivo.
      Poi posso essere daccordo che c’è chi è ciecamente a testa bassa contro, ma non è un atteggiamento di tutti e soprattutto non credo sia lo spirito del blog.

  17. CARMEN ha detto:

    Virghil visto che parli sempre offendendo e nessuno mai si degna di risponderti per le rime io lo faccio: mi fai pena!!!!!!
    Mi fai pena xche’ a me sembri una persona che nella vita non gli sia mai capitato qualcosa di bello e prezioso.
    Sorridi che forse la vita la vedi meno amara!
    Per te le cose sono bianche o nere e non c’e via di mezzo , ti sbagli caro mio. Offendi tanto la destra che Vivaiddio
    non cova l’odio che traspare dai tuoi scritti . Parli tanto di Berlusconi e delle sue malefatte, ma guai a parlarti dei dittatori di sx o delle loro malefatte, (tranquillo che ce ne sono tante).
    Ti puoi permettere di dire quello che vuoi perche’ L’Italia e’ una nazione democratica e libera e non dire x merito dei
    partigiani , perche’ anche questa e’ una favola da sfatare!!!
    ci sei mai andato nei paesi dove la dittatura di sx e’ uguale a quella di dx ???????? e vai vaivai……………………………….
    Il confronto e’ utile quando e’ formativo ed intelligente con te no’ non c’e’ gusto . sei stomachevolmente fazioso e senza larghe vedute.
    Ed ora dite quello che volete !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! senza offese!!!!!!

    • U79 ha detto:

      Carmen, mo la questione tra te e Virghil sono affari vostri e va beh, ma torniamo al fatto: nel caso specifico, il sindaco non deve essere giustificato perché è…il sindaco, anzi va doppiamente biasimato per il suo ruolo di privato cittadino e per quello di personaggio pubblico.
      E aggiungo anche un altro episodio simile che ho visto sabato e mi ha fatto veramente inc…are come forse, dico forse, dovrebbero indignarsi tutti i cittadini alla vista che mi si è parata davanti.
      Il fatto:
      Dove – Mariapiede fronte Pizzeria Rossi
      Quando – Sabato pomeriggio
      Cosa – Macchina della polizia (è l’Alfa che penso tutti abbiamo visto girare per Cisterna) parcheggiata per tutta la sua lunghezza sul marciapiede di fronte la pizzeria, tra la fioriera e l’ingresso dell’esercizio commerciale in questione.
      Perché – Ritiro cena presso la rosticceria (con N. 2 buste non eccesivamente pesanti da caricare nel bagagliaio)
      Li dobbiamo giustificare?
      Ma forse ho sbagliato io ad interpretare la situazione, forse stavano facendo un blitz per catturare un pericolosissimo boss del traffico dei polletti al girarrosto.

      E segnalo pure
      1. le N volte che ho visto parcheggiata la stessa ed altre auto delle forze dell’ordine nella (intendo proprio all’interno) piazza di fronte alla stazione perché dovevano prendersi un caffè (in pratica di fronte all’ingresso del bar, dietro la statua a doppio spregio…per prendersi un caffè, ma te rendi conto Carmen?!),
      2. le M volte che li ho visti parcheggiare proprio di fronte a Rossi ma sulle strisce pedonali (per prendersi un pezzo di pizza Carmen, ma stai a capi?!)
      3. le X volte che, nelle immediate vicinanze della caserma dei Carabinieri, ho visto parcheggiare impuniti a ridosso dell’incorcio con la vietta laterale che arriva da via Lancia, talvolta anche di personale della caserma, creando difficoltà a chi doveva svoltare e anche al traffico della discesa per via del restringimento della carreggiata…
      Li dobbiamo giustifcare? Dovremmo forse pensare “no no per il loro ruolo non possono perdere tempo a camminare o trovare un posteggio”? Beh io non penso proprio, il loro comportamento è bieco ed odioso perché sfruttano la divisa, l’auto “griffata” con il corpo di cui fanno parte per fare qualcosa che non è permesso fare: lo trovo scandaloso ed estremamente grave, ideologicamente poi è un vero e proprio tradimento dei principi che dovrebbero difendere.

      Per favore chi va in giro con la fotocamera documenti, che questa è ‘na barzelletta (amara).

      Sindaco, Polizia, Carabinieri, questi devono essere alcuni dei riferimenti ed esempi sociali e invece fanno come je pare, se ne infischiano. Poi senti i ragazzini che non rispettano il codice stradale e ce l’hanno con “le guardie”…te credo, se vedono quello che vediamo noi come fanno a non provare repulsione nei loro confronti e di quello che rappresentano?!

    • Virghil ha detto:

      “Virghil visto che parli sempre offendendo e nessuno mai si degna di risponderti per le rime io lo faccio: mi fai pena!!!!!! ”

      ….Non ho assolutamente bisogno di compassione alcuna , ne’ tantomeno della tua !

      “Parli tanto di Berlusconi e delle sue malefatte, ma guai a parlarti dei dittatori di sx o delle loro malefatte, (tranquillo che ce ne sono tante).”

      Per quanto mi riguarda , nella storia recente italiana , c’e’ stato un unico esempio di dittatura !

      E fortunatamente dittatori di sinistra con le loro malefatte non ci sono MAI STATI .

      Berlusconi si sta’ rivelando per quello che e’ sempre stato , un perfetto sostenitore del progetto P2 !

      Un moderno dittatore , che per evitare tutte le sue vicende giudiziarie fa’ continuamente ricorso al suo potere !

      …..E la mia non e’ la sola considerazione , visto che cio’ e’ stato piu’ volte ribadito dallo stesso presidente della camera Fini !

      Infine , l’idiozia senza misura :

      ” Ti puoi permettere di dire quello che vuoi perche’ L’Italia e’ una nazione democratica e libera e non dire x merito dei partigiani , perche’ anche questa e’ una favola da sfatare!!! ”

      …..Ci possiamo permettere di dire tutto quello che vogliamo , grazie proprio al coraggio eroico della resistenza fatto da partigiani di ogni provenienza ( socialisti , cattolici i , liberali ) che hanno contribuito a far nascere la nostra COSTITUZIONE !

      Oppure credi che il merito sia stato dei repubblichini ?

  18. CARMEN ha detto:

    non ho dato giustificazioni a vanvera , dico che forse prima di parlare a sproposito dovremmo riflettere!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    i suoi impegni non li conosciamo , forse il sindaco si puo’ giustificare , ma non i maleducati che sostano sui marciapiedi solo x parlare con l’amico ecc.ecc.

    • Virghil ha detto:

      Esilarante la giustificazione a difesa del primo cittadino data da Carmen :
      ” forse il sindaco si puo’ giustificare , ma non i maleducati che sostano sui marciapiedi solo x parlare con l’amico ecc.ecc. ”

      Quindi QUANDO E’ IL SINDACO a sostare sul marciapiede e’ unicamente per motivi legati ai suoi impegni .
      ….Quali sarebbero questi impegni che giustificano la sosta selvaggia non sono dati a saperli .

      Mentre invece QUANDO SONO I COMUNI CITTADINI a sostare sul marciapiedi , quest’ultimi sono solo da considerare maleducati . ….Bho ?!

      Il buon senso porterebbe invece a non giustificare nessun cittadino , che adotti un tale comportamento cosi incivile .

      …..Ci sono forse maiali piu’ uguali degli altri ?

  19. CARMEN ha detto:

    Grazie U79,
    ritengo che la polemica del parcheggio temporaneo di un sindaco non sia prova alcuna , perche’ e’ un sindaco e noi non possiamo sapere cosa stesse facendo e il perche’ di questa sua sosta!, e di certo non da’ cattivo esempio.
    Quello che mi fa’ pensare e’ la malignita’ che avete nel vedere in ogni gesto solo manchevolezze, e dai a infangare !!!!

    • U79 ha detto:

      No Carmen dai…pure su questa cosa no…

      Non se doveva permette in nessun modo e per nessun motivo…lo sa come stiamo ridotti co questi marciapiedi e lo sa quanto è delicata la situazione di inciviltà che si è venuta a creare a Cisterna nelle sere del fine settimane.
      E dava un pessimo esempio, ma brutto veramente (ripeto sto prendendo per vere quelle parole).

      Non lo giustifico in nessun modo, a maggior ragione se ha un autista, che è una aggravante pesante come un macigno.

      Ma come puoi giustificare un’azione di questa gravità? Non riesco proprio a capire, non ce la faccio; secondo te cosa avrai mai dovuto fare da non poter dire all’autista di aspettarlo altrove o di farsi un giro in attesa che lui finisse…stava forse defibrillando un uomo morente? stava aiutando una vecchina (caduta su un avvallamento del marciapiede)?

      Se è stato riportato un fatto poi…il termine “infangare” è del tutto senza senso: macchina sul marciapiede = grave errore (nel contesto in cui siamo) punto. Chi scrive qui evidentemente sa che Merolla legge e vuole fargli notare che è una leggerezza che lui non si può permettere più di chiunque altro, che così mina non dico i fatti (che ancora latitano si chiaro) ma le parole che ha speso in merito di educazione stradale e risoluzione del problema parcheggio selvaggio.

      Ma giusto in Italia se possono trova giustificazioni a una cosa così schifosa.

      • Virghil ha detto:

        Condivido pienamente quanto scritto da U79 .

        ….Le regole , anche quelle di civilta’ , vanno rispettate !

        Le regole , vengono stabilite per essere estese a tutti i cittadini , ….a maggior ragione il sindaco !

        Specie quando un qualunque cittadino , presumibilmente , immagina il primo cittadino ad invitare il proprio autista ad accostare sul marciapiede nonostante non sia consentito !

        Sarebbe altrettanto lecito sapere se anche il costo dell’autista personale del sindaco , derivi dalle pubbliche casse comunali ?

        U 79 scrive :
        “Chi scrive qui evidentemente sa che Merolla legge e vuole fargli notare che è una leggerezza che lui non si può permettere più di chiunque altro,…”

        Augurandomi che il primo cittadino legga i nostri interventi , sarei curioso di sapere a chi spetta il compito del controllo sul DECORO URBANO e sulle affissioni , dopo tutto quello che si e’ visto nel nostro territorio e dopo aver consentito al suo compare di Fondi fazzone , l’affissione abusiva dei suoi manifesti in tutta l’area del mercato !

        I successivi disagi e i costi per la rimozione delle migliaia di manifesti che hanno imbrattato l’intera citta’ , ….. A CHI SARANNO ADDEBITATI ?

        Qual’e’ stata l’azione di contrasto per impedire tale scempio illegale ?

  20. CARMEN ha detto:

    dove sta’ il bar rosa blu?

  21. dan7m ha detto:

    RIPROVIAMO:

    …mi comporto di conseguenza, anche nelle cose più piccole e stupide. LONGANESI DICEVA : “L’ITALIA DOVREBBE RECARE NELLA BANDIERA NAZIONALE LE PAROLE TENGO FAMIGLIA” COME A DIRE CHE PER L’ITALIANO va bene i princìpi…

    (il vigile vicino a voi)….non avrà ordine di intervenire. “TIENITI DENTRO IL TUO SENSO DI GIUSTIZIA”, questo è il messaggio.

  22. de marius ha detto:

    questi comunisti ti censuranooo!!!!

  23. dan7m ha detto:

    Ma perchè mancano i pezzi? Avevo scritto Così il senso è stato stravolto! Manca anche Boh!

  24. mike ha detto:

    è vero di cose che non vanno ce ne sono molte, ma come mai tutti questi anni nessuno è mai stato così solerte ad essere attivo e criticone su ogni piccolo dettaglio, forse perchè non aveva qualcuno che l’ascoltava oppure quando l’ascoltava alzava la voce, oppure andava bene la politica di dare il contentino cioè il faro sotto casa il cassonetto spostato ect. Come mai solo ora sono tutti li a fare solo comunicati stampa, commenti sui vari blog ect. le considerazioni non vanno fatte a naso o prendendo in considerazione i proclami di qualcuno che ha tutto l’interesse a screditare chi lavora e poi cosa fondamentale bisogna conoscere come funzione una macchina amministrativa, le difficolta nel creare i bilanci comunali e le imposizioni da leggi restrittive………..

    • dan7m ha detto:

      Mike, io rispondo solo di me stesso, se scrivo opinioni su un blog che fino a prova contraria vuole farsi “luogo di incontro”, è perchè credo che in un luogo di incontro uno ci va per incontrare qualcuno con cui si presuppone valga la pena di avere uno scambio. Se questo presupposto non lo si ha, è tempo perso sommato a veleni. Che ci vado a fare nel luogo di incontro se -senza ascoltare- urlo slogan? Non è come fare la medesima cosa davanti ad uno specchio?
      Comunque mi interessa poco dei vari comunicati stampa e delle critiche varie, anche se non ho ben capito a chi ti riferivi precisamente, a me interessa di quello che considero importante per la mia città e in scala più larga nel resto della società. Non per fini personali, ma per un senso di giustizia che sento e che valuto con i MIEI metri, come tu farai altrettanto per quel che ti riguarda. Possono asfaltarmi la via e mettere i lampioni che vogliono, ma la mia opinione rimane la stessa se il problema per me è un altro. Io soffro pure a vedere Pomezia, Aprilia e Latina, centinaia di ettari lottizzati e dati in mano ai palazzinari…e io abito a Cisterna, capisci? Il Belpaese…
      Di questioni amministrative non ne capisco niente, cerco di interessarmi proprio per questo: avessi trovato ancora qualcuno che mi abbia detto che è impossibile risolvere la questione Centro Storico! Ci sono leggi regionali, ci sono fondi appositi… Non ti verrebbe il sospetto che sia un fatto di volontà? E’ legittimo anche non voler intervenire e comunque nessuno che abbia buon senso può accusare Merolla della situazione Cisterna Vecchia, visto che si prolunga da 60 anni; sta agli elettori giudicare.
      Concludo -sono sempre troppo prolisso, chiedo scusa- : c’è secondo me un abbassamento generale dell’interesse verso la cosa pubblica, della sua tenuta e salvaguardia. Abbiamo il dovere morale di DARE il nostro contributo, per quanto piccolo sia, affinchè prevalga l’interesse comune su quello del singolo. Belle parole? Può darsi, ma intanto ne sono estremamente convinto e mi comporto di conseguenza, anche nelle cose più piccole e stupide. . Va bene i principi, va bene tutto, ma poi quand’è il momento…dottò capisci a me, tengo famiglia. Il mio è un tic, che ci posso fare? Ma mi va il sangue negli occhi quando vedo l’auto del sindaco, guidata dall’autista, parcheggiare SUL MARCIAPIEDE mentre il sindaco scambia due chiacchiere davanti al bar! Ed è quello che ho visto oggi, ore 19, davanti al bar Rosa Blu. Quando vedrete un tizio che farà la stessa cosa, e se il vostro senso di giustizia vorrà farvi intervenire, sappiate che il vigile vicino a voi -che impersonificherà in quel momento il comune, quindi anche il sindaco- non avrà ordine di intervenire. questo è il messaggio. E questo è quello che mi convince a DARE IL MIO CONTRIBUTO. Piccolo ma importante, almeno per me

      • U79 ha detto:

        (ammetto per vero quel che leggo: non ho ragione di credere il contrario)
        La macchina del sindaco sul marciapiedie…che grande delusione. Io capisco che è orgoglioso di essere Cisternese, però deve essere orgolioso e farsi esempio delle qualità dei cisternesi non dei loro peggiori difetti…
        Non ci posso credere (veramente…giuro)…la macchina del sindaco sul marciapiede…

  25. dan7m ha detto:

    Premetto che non ho mai avuto tessere di partito, nè ho mai fatto parte di partiti, lobby, correnti politiche di qualsiasi livello -comunale o nazionale o altro- e aggiungo che sono un lavoratore dipendente; tutto ciò per chiarire bene che non sono al corrente di alcunchè. Tuttavia, sono come tutti Voi un CITTADINO e non è detto che siccome sono fuori dalla politica io non possa avere dei giudizi sull’operato dell’amministrazione comunale, come non è detto che io non possa fare delle previsioni sulla sua durata. Se può far contenti il sig. De Marius e la sig.ra Carmen, metto bene in chiaro che in verità la considerazione sulla durata dell’amministrazione Merolla è fatta “a naso”, leggendo i giornali e pesando l’aria che tira; tutto qua. E’ quindi per “sentito dire”. Anch’io penso che ci siano dei , e sempre da CITTADINO spero che Merolla e gli assessori, democraticamente eletti, riescano a governare al meglio delle loro posiibilità, sperando che riescano a completare ciò che è scritto nel loro programma (in cui tra l’altro vi è un accenno riguardo al centro storico, tema che, come avrete capito, considero nel mio piccolo fondamentale); ma se questo si deve tradurre in un’agonia, in una immobilità di 5 anni, allora è meglio andare alle urne. Parere personale.
    Ciò che mi rammarica -detto francamente- è che in Italia non si può prescindere dal “referendum”, ovvero dalla contrapposizione tra due opposti inconciliabili, e molti post che ho letto anche in questo blog lo confermano. Ci si priva secondo me di cercare una visione imparziale delle cose, che consenta di esprimersi senza “urlare” (come in tv), la cui conseguenza è lo slogan continuo, ossessivo, improduttivo, da una parte come da quella opposta. Mi dispiace dirlo, cari sig.ri De Marius e Carmen, ma siete stati PREVEDIBILI. E’ bastata mezza frase che ho scritto a farvi carpire la mia complicata visione del mondo, la mia posizione rispetto alla politica nazionale, rispetto a quella di Merolla, rispetto alle regionali, rispetto all’eutanasia, all’aborto, ai clandestini, ai magistrati, a Berlusconi, a Obama, a Brunetta, alla Gelmini, a Previti, alla mafia, all’antimafia, all’antipolio, all’antistaminico, all’antifurto, a che squadra tifo, chi voterò e qual’è il mio codice fiscale.
    Ma stamo a parlà!
    Perchè immediatamente schierarsi pro o contro?! Etichettare una persona come rossa o berlusconiana?!
    Parafrasando la riforma protestante: perchè non dare da soli una lettura delle cose, senza farsi condizionare dal prete (leggasi destra e sinistra) che ce le declama in “latino”? Perchè non dare una lettura da noi soli del mondo? Pifferaio (Berlusconi, Cgil, chicchessia) chiama…tutti in piazza! Ma si può?

  26. CARMEN ha detto:

    Credo e mi auguro che tu , come tutti gli uccellacci maleauguranti rimmarete a bocca asciutta!
    Perche’ augurarsi che un sindaco onesto che sta’ cercando di arginare i volponi affinche’ non mangino Cisterna , cada , credo sia una cosa alquanto deleteria per tutti noi cittadini.
    Scusa ma tu hai la palla di vetro o sei qualcuno che trama e si nasconde dietro un nomignolo? ????????????????????????

  27. de marius ha detto:

    dan7m : FAI IL VEGGENTE???

    Se si cambia mestiere…

  28. Gabriele Paterlini ha detto:

    “…Ecco quindi uno dei motivi di forte disapprovazione dei commercianti allo spostamento del mercato settimanale. Da qui l’affannosa ricerca da parte dell’ amministrazione comunale di riportare le “categorie che spendono” a passeggiare sul Corso, ed ecco che sono nate le varie Notti Bianche, Notti di luna nuova (spero di ricordare bene il nome), Centro Commerciale naturale ecc. , tutte iniziative -a mio modesto avviso- che servono solo a zittire un pò i negozianti e a riportare parte del mercato sul corso…”

    Peccato però che i negozianti abbiano per lo più “snobbato” queste iniziative. Se non ricordo male, credo di averlo letto sulla rassegna stampa, la maggior parte dei negozi sono rimasti chiusi durante quelle manifestazioni, specialmente in concomitanza con il “centro commerciale all’aperto”.
    Dicevo snobbato, in realtà non conosco bene le ragioni per le quali molti siano rimasti con le saracinesche abbassate, ma questo rimane comunque un dato di fatto.

    Saluti,
    Gabriele

  29. dan7m ha detto:

    Salve Signor Belli, sono un utente che da molto legge questo interessante blog, pur senza aver mai postato interventi. Mi sento di farlo ora, ringraziandoLa per questa opportunità e per il servizio che offre a noi Cisternesi. Vorrei intervenire a proposito di recenti questioni cittadine, perchè è troppo tempo ormai che esse si trascinano, portandosi dietro la città intera con tutti i suoi problemi, senza che l’amministrazione abbia mai sciolto un nodo che sia uno. Vorrei soffermarmi in particolare sulla S.T.U., e sulle polemiche che riguardano l’urbanistica e il nostro Corso della Repubblica, fonti di polemiche e di battaglie da parte dei commercianti. Tralascio le discussioni strettamente politiche poichè mi causano nausea. I giochi di potere si sono fatti oggi più che mai fastidiosi, chi vi è dentro si sente impunibile e non rende conto a nessuno dei propri fatti e misfatti, a dispetto del ruolo pubblico che ricopre. Questo vale per la politica a tutti i livelli, senza distinzioni di sorta.
    A mio modesto parere il nostro centro cittadino soffre di un grave problema quale quello della sua conformazione. Noi siamo soliti considerare il vero cuore di Cisterna (giustamente) quei 500 metri del Corso. Già cosi la sua vita commerciale parte menomata, visto che un pubblico adulto -ovvero coloro che nell’economia famigliare fanno “le spese”- terrà in considerazione Corso della Repubblica solo per andare a “quel” preciso negozio, non certo per fare la passeggiata. La sua voglia di passeggiata la farà in posti o più belli o più “passeggiabili” come ad es. un centro commerciale, o una città vicina come Nettuno, Latina, coi suoi portici, i negozi, i posti dove mangiare… Non che tutto ciò manchi a Cisterna, ma non è a misura di shopping, a misura di adulto. Domanda facile: chi frequenta di più il corso in orari di negozi aperti? Di giorno gli anziani, verso sera i “pischelli”, ovvero categorie che -prego di leggere fra le righe ciò che scrivo, non vorrei essere frainteso- non “spendono”. Per comodità ho voluto generalizzare ed esagerare, ma credo di non essere andato lontano dalla realtà dei fenomeni visti in larga scala. Ecco quindi uno dei motivi di forte disapprovazione dei commercianti allo spostamento del mercato settimanale. Da qui l’affannosa ricerca da parte dell’ amministrazione comunale di riportare le “categorie che spendono” a passeggiare sul Corso, ed ecco che sono nate le varie Notti Bianche, Notti di luna nuova (spero di ricordare bene il nome), Centro Commerciale naturale ecc. , tutte iniziative -a mio modesto avviso- che servono solo a zittire un pò i negozianti e a riportare parte del mercato sul corso (sì, perchè troppo spesso sono ritornate le solite bancarelle del mercato o di cianfrusaglie spacciate per iniziative speciali).
    Se posso esprimere la mia opinione, tutto ciò serve a ben poco se non a tirare avanti un pò, ma IL VERO PROBLEMA VIENE SOLO AGGIRATO, mai affrontato veramente. Esso secondo me sta nello stato di totale incuria ed abbandono del nostro Centro Storico. Ipotizziamo che Cisterna Vecchia non sia la “periferia in pieno centro” qual’ è, e pensiamo se solo fosse fiorente, con negozi, locali serali, uffici… Ipotizziamo che sia un luogo curato, dove poter fare una PASSEGGIATA, piacevole ed ordinato, una bella piazza (S.S. Pietro e Paolo), un luogo tipico e particolare (piazza degli angeli)… Ne trarrebbe beneficio anche il Corso, visto che “quelli che spendono” non farebbero la solita “fuga” da Cisterna, ma avrebbero motivi per restare. Con una adeguata pubblicità si richiamerebbero persone dai comuni confinanti. Allora sì che avrebbe senso un Centro Commerciale Naturale, o una iniziativa come quelle che saltuariamente vengono tirate fuori. Avremmo la possibilità di abbinare il”bisogno primario”, cioè mangiare, con i “bisogni secondari” o indotti, che sono quelli su cui si basa il commercio di piacere, lo shopping. Gli interventi su Cisterna Vecchia sarebbero indiscutibilmente pesanti ed onerosi, ed ammetto che semplicisticamente ho voluto “dare una soluzione” senza conoscere a fondo i meccanismi che regolano queste questioni, ma sono certo che se l’opinione pubblica -cioè NOI- non puntiamo l’attenzione su questo punto il problema del commercio a Cisterna è solo rinviato. Ricordo male o la “fuga” dei Cisternesi della sera c’era anche con il Corso a doppio senso? Non ci sono soluzioni che tengano se non si dà una ragione per rimanere alle persone. Non avremmo più solo 500 metri di Corso ma anche una zona caratteristica, curata e “viva” (il modello che avrei in mente è Sermoneta, vista l’origine comune dei due antichi borghi) dove passeggiare e passare del tempo, molto di più che non ora.
    A cosa dovrebbe servire allora la S.T.U. se non a questo (oltre che al problema “buche”) ? Eliminarla potrebbe solo essere una soluzione populista, facilitata dal fatto che dipingerla (giustamente o meno) una macchina mangia-soldi fa molta presa sull’opinione pubblica. Piuttosto occorre vigilare affinchè non sia uno strumento della solita politica clientelare, ma che serva ad assolvere quello per cui veramente è nata. Si chiama “Società di Trasformazione Urbana”: vogliamo dire che di trasformazione non ci sia bisogno? Io sono convinto che sia doveroso far tornare a nuova vita Cisterna Vecchia e non credo sia così improponibile come molti pongono la questione (invito tutti gli scettici a vedere cosa hanno fatto a Londra con le Docklands). Vorrei condividere con più persone possibile la questione perchè mi è a cuore, da cisternese soffro a vedere come è ridotto il nostro cuore storico, vittima prima dell’urgenza sacrosanta di ricostruire la vita dalle macerie, poi del solito difetto italiano di mantenere un eterna provvisorietà allo stato delle cose.
    Saluto e ringrazio, Daniele

    • U79 ha detto:

      Daniele, io appoggio in pieno, condivido le tue stesse idee sull’importanza strategica della rivalutazione del centro storico nel più ampio contesto di una rifioritura commerciale (e non solo) del centro urbano di Cisterna.
      Il modello che avevo in mente, per dimensioni e presenza di vie strette intervallate da un paio di piazze è quello del borgo storico di Nettuno. Io ad esempio in questa cittadina ci vado per il borgo antico, cui aggiungo una passeggiata sulla strada principale che porta a Santa Maria Goretti e nelle altre vie laterali, dove vedo vetrine e talvola faccio acquisti.
      Io auspico laboratori artigiani e artistici nelle vie di Cisterna Vecchia, intervallati da localini dove mangiare e bere e da negozi di qualità (non certo la roba che popola l’ottanta per cento delle vetrine e degli scaffali cisternesi), librerie, attività ibride (mi viene in mente proprio una libreria con bar sulla falsariga della mondadori a Latina). Auspico le piazzette di Cisterna vecchia palcoscenici naturali di mostre all’aperto, rappresentazioni teatrali, concerti. Dei salottini nel cuore della storia cisternese, dotati di fioriere, panchine, targhe commemorative sulle emergenze architettoniche che hanno memoria.
      Chiaro poi che un Cinema e soprattutto un Teatro avrebbero una gran rilevanza nel portare “pubblico pagante”; che un parcheggio serve come il pane; che Palazzo Caetani deve diventare un VERO museo; che l’ex Convento di Sant’Antonio Abate (in cui ho sentito dire che in giorni recenti sono stati fatti dei sopralluoghi da parte di architetti, qualcuno sa qualcosa?) va recuperato; che bisogna sfruttare meglio l’affluenza a Ninfa (a due passi da Cisterna vengono migliaia di visitatori che ci facciamo regolarmente scappare!!); etc…

      • dan7m ha detto:

        Le vicende degli ultimi giorni non fanno che confermare che l’amministrazione comunale -attuale e passata- non sente come urgente il problema del centro storico. Lo dimostrano il fatto della oscena pittura gialloblù della Fratres, il costante problema delle buche e dei sanpietrini divelti, lo stato di abbandono e trscuratezza di palazzo Caetani -vedi foto in home page- , lo scippo in via Paliani ai danni di una signora con relativa beffa (ovvero la borsa lasciata in piazza 19 Marzo! in orario tardo pomeridiano…! ma i vigili??) e ultimo in ordine di tempo un’auto, poi risultata rubata, parcheggiata da anni in pieno centro storico senza che nessuno abbia mai chiesto lumi etc,etc,etc….
        Prima delle ultime amministrative sono andato in comune a farmi dare copia dei programmi di tutti i candidati a sindaco: pressapochismo, imprecisione, scarsità di dettagli, in alcuni c’era la totale assenza di riferimenti al recupero del centro storico… Cos’altro bisogna aspettare dopo che in consiglio sono stati approvati i piani di recupero? Sul sito del comune ho letto varie volte i documenti presenti a riguardo nella sezione “AREA TECNICA ED URBANISTICA > PIANO DI RECUPERO DEL CENTRO STORICO”: sono dettagliatissimi! Quando cadrà -perchè dopo le elezioni, purtroppo o per fortuna, cadrà- l’amministrazione Merolla, voterò un candidato a sindaco che abbia questo problema come priorità: lo troverò mai??

  30. cittadino nero ha detto:

    Ma lo siamo!!!! senti piu’ parlare cisternese?

  31. Fab ha detto:

    il “vanto” di Cisterna fino a poco tempo fa, era avere strade quantomeno buone: venivano riasfaltate anche strade che secondo il mio modesto parere non avevano alcuna necessità di essere “messe a nuovo” (non esprimo il mio parere a riguardo, sennò mi censurano il commento)………… ora manco più quello…. stiamo diventando sempre più simili ad un paese dell’interland napoletano…

  32. U79 ha detto:

    Sito del Comune di Cisterna di Latina – Rassegna stampa odierna – Pagina 3 “Una città colabrodo”…

  33. Gabriele Paterlini ha detto:

    Posto il messaggio anche di qua….

    rassegna stampa del giorno 03/03/2010 – pagina 9

    Ma il Sig. Sambucci non è il presidente della 4° Commissione (PUBBLICA ISTRUZIONE, CULTURA, SPORT, TURISMO E SPETTACOLO)?

    In ogni caso…visto che almeno lui e l’assessore Leone si sono mossi in loco per una verifica importante, vorrei formalmente invitare i Sig.ri Sambucci e Leone a recarsi in zona S.Antonio a verificare lo stato in cui versano i marciapiedi nella zona stessa.
    A loro sarebbe bello si potesse unire anche il Sig. Gildo Di Candilo (Assessore Bilancio e Programmazione – Pubblica Istruzione ed Edilizia Scolastica – Arredo Urbano e Verde) così che possa constatare di persona come sta procedendo il lavoro di abbattimento delle piante….

    Spero non si renda necessaria la fondazione di un Comitato di S.Antonio per richiedere l’intervento delle istituzioni….
    Piuttosto confido nel buonsenso di lor Signori che immagino leggano questo blog.

    A proposito: qualcuno sa dirmi come si presenta ufficialmente un reclamo, una segnalazione all’attuale Amministrazione Comunale?

    Grazie e buona giornata.

  34. cittadino nero ha detto:

    Che ne pensate dei mal di pancia di Carturan ? come volevavi dimostrare non gli e’ stato dato il giochetto (REGIONALI)
    ed ora fa i capricci!!!!!!!!!!!!!!!!!! ma nessuno lo ha voluto !!! e lo vuole piu’ ma lui non CAPISCE CHE A LUNGO ANDARE LA SUA ARROGANZA E IL SUO ESSER DESPOSTA E IL SUO MODO OFFENSIVO DI TRATTARE MAGGIORANZA E OPPOSIZIONE STANCA
    A CARTURAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!!

    Mi sapete dire come si fa’ a difendere uno sbaglio e una perdita cosi’ palese??? in consiglio comunale? ha perso un’ottima occasione per stare zitto, perche’ credo che con il silenzio lo abbiano difeso abbastanza.
    L’opposizione dimentica di quando stava al governo ,e la colpa non la vuole perche’ il caprio espiatorio c’e’!

    • U79 ha detto:

      Essendo questa la sezione “LAVORI PUBBLICI” forse non siamo proprio nella “location” adatta a parlare dell’argomento; comunque meglio così (se fosse vero); anzi se si ritirasse in campagna e dalla vita pubblica e politica farebbe ancora meglio. Per ora mi accontento che, a quanto pare, si metta in angolino “micio micio” senza alzare la voce e rompere le balle. Da un lato questo rende Merolla ed il suo team più indipendente, mentre dall’altro lo responsabilizza perché d’ora in poi qualunque cosa emerga dai lavori consiliari, nel bene e soprattutto nel male, sarà senza dubbio farina del loro sacco e delle loro idee.

  35. Fab ha detto:

    Carissimi, pongo una domanda, sperando che qualcuno possa darmi risposta: ma l’obbrobbrioso progetto del parcheggio multipiano adiacente Chiesa Santa Maria Assunta-Comune, verrà mai portato a termine ? In un paese dove l’importante è costruire parcheggi e case, questa ultima “schifezza”, ha tolto il già poco verde presente a Cisterna, dove bambini e scout potevano giocare…
    Grazie a chi potrà rispondermi

    • Virghil ha detto:

      ….Sono gia’ in atto altri tipi di “riqualificazione” ( secondo alcuni ) come l’INGIUSTIFICABILE taglio di alberi adulti dalla chioma rigogliosa in pieno centro cittadino !

      Tanto che volete che siano 20 o 30 anni per la crescita di eventuali nuove alberature ?

      ….Evviva la citta’ dei butteri !

    • U79 ha detto:

      Qui mi sento di spezzare una lancia sulla schiena delle amministrazioni comunali: alla fine del lavoro del parcheggio multipiano, al livello del piano terra comunale non dovrebbe essere ripristinato il prato? O avevo capito male?

  36. nerodiseppia ha detto:

    Hai ragione: il tempo, caro Merolla, è scaduto. Progetti e parole non ci bastano più

  37. Gabriele Paterlini ha detto:

    Quella che segue (spero si veda) è la foto di quello che per me è l’ennesimo scempio cisternese.
    Era una pianta rigogliosa, stupenda. L’hanno tagliata ieri….e a ben vedere è quella che ha prodotto meno danni ai vecchissimo marciapiedi.
    Non ho parole. Stamattina ho fatto diverse foto e mi sti apprestando ad inviarle al Sig. Belli nella speranza venga dato risalto a questo scempio di un ulteriore tratto di Via Appia (zona S.Antonio, tra incorcio con via Roma e casa cantoniera)!!
    [img]http://img269.imageshack.us/img269/3200/quellachehaprodottomeno.jpg[/img]quella che prodotto meno danni è stata “segata”….

    [img]http://img195.imageshack.us/img195/6337/pavimentazionedanneggia.jpg[/img]
    Questa è prodotto danni ben più evidenti…..

  38. Gabriele Paterlini ha detto:

    Rassegna stampa del 23/Feb/2010
    Pagina 5….

    Secondo voi, come vanno interpretate le riflessioni del Consigliere delegato Sig. Giarola e del Sindaco Merolla?
    Mi piacerebbe poter indire un sondaggio su queste pagine per capire cosa ne pensano i Cisternesi.

    Io qualche dubbio me lo ero posto in tempi non sospetti proprio su questo blog…..
    Oggi, obtorto collo, mi tocca registrare che probabilmente ci avevo azzeccato…(pensando male)!!!
    Ebbi l’impressione che i lavori allo stadio stessero ricominciando perché la Vigor Cisterna si avvaleva della Presidenza di un esponente politicamente molto importante legato alla nuova giunta Merolla.

    Oggi proprio dalla giunta Merolla sopraggiungono voci inquietanti che leggo in una sola maniera e vogliate perdonarmi se anche stavolta vado “a pensar male”, ma mi riesce difficile essere ottimista….

    Le riflessioni del Sig. Giarola possono essere lette come una sorta di allarme del tipo “abbiamo fatto lo stadio (spendendo un bel gruzzolo di soldi, aggiungo io) e adesso che c’è lo stadio rischiamo di trovarci senza la squadra che avrebbe dovuto disputarci il campionato di calcio”, come a dire che son stati spesi un fracco di soldi (e altri ne servono ancora) per un’opera che probabilmente non verrà utilizzata!!!!
    E’ un’interpretazione errata la mia? Sicuramente ce ne saranno delle altre meno “maligne” di questa però bisognerebbe che lor signori iniziassero a dare qualche risposta concreta alla popolazione che lo scorso anno li ha scelti come Amministratori cittadini – e non solo a quella – altrimenti ci sarà un numero sempre maggiore di “mal pensanti” come me che si sentiranno autorizzati a credere di averci azzeccato.

    La passata amministrazione ha lasciato a questa attuale una quantità “discreta” di opere incompiute più altrettante eseguite in maniera quanto meno discutibile – es. vedi Corso della Repubblica – tanto che per molte di esse si renderà necessario aprire nuovamente i cantieri con ulteriore spesa di danaro pubblico (tanto i responsabili dello scempio non salteranno mai fuori a risarcire il danno….si, perchè di danno si tratta).
    Oggi fanno discutere le ormai famose buche ereditate dal precedente governo, ma insieme ad esse c’era anche lo stadio Bartolani.
    Mi domando: sto benedetto stadio serve davvero alla ns. cittadina? Oppure serviva soprattutto alla Vigor Cisterna???
    O meglio, viste le priorità edilizie e strutturali, nonché i disservizi, presenti in pieno centro cittadino, non sarebbe stato il caso di “investire” quei danari nelle opere incompiute o in quelle mal eseguito presenti in pieno centro rendendo la città più vivibile??? Sarebbe stata possibile una cosa del genere oppure i fondi per ultimare lo stadio arrivano da Regione/Provincia ed erano dunque destinati ad opera specifica?

    Certo, uno stadio perfettamente funzionante può essere utilizzato per diverse e molteplici attività, ma la preoccupazione principale del consigliere delegato Sig. Giarola sembra essere concentrata verso la Vigor Cisterna del dimissionario presidente Sig. Capitani, dunque….!!!!
    N.B.
    Sembra ormai definitiva la decisione di posare il prato sintetico sul campo di calcio. Bene, qual’ora lo stadio dovesse ospitare un concerto, una manifestazione, una festa…ecc ecc, cosa ne sarà del manto sintetico? E previsto che lo Stadio possa ospitare eventi del genere? Oppure deve “solamente” servire agli allenamenti e alla disputa delle partite della squadra di calcio?

    Spero di non averci capito una fava anche stavolta e da cittadino Cisternese spero davvero che qualcuno si decida una volta per tutte a dirci come stanno davvero le cose, come mai il persistere di tanti lavori incompiuti ed il perché di scempi veri e propri come quello del disastrato
    Corso della Repubblica, leggasi SS7 APPIA!!!!

    Cordiali saluti,
    Gabriele Paterlini

    • U79 ha detto:

      Premessa: su questo spazio ho invitato alla pazienza e a dare il tempo a Merolla di affrontare le tante problematiche che la scellerata precedente amministrazione gli ha lasciato. Ora, per i miei canoni, il tempo è scaduto e le risposte sono state insoddisfacenti quindi comincio a criticare, bene inteso, con la MIA TESTA e le MIE IDEE.

      Gabriele sfortunatamente ho capito che l’attuale amministrazione non risponde alle domande “scomode”, nè a parole, delle quali alla fine si sente un bisogno relativo, nè con i fatti. In questi primi mesi mi sembra sia stato fatto molto senza fare niente. Progetti sul polo sanitario, accordi per la valorizzazione turistica, ecc… insomma molta carta. Di concreto ho visto ben poco. I cantieri in centro stanno ancora la ed il sindaco è incapace di dare risposte che a questo punto è più che lecito PRETENDERE. La famosa sbarra che chiude il parcheggio entrando a Cisterna (mi sembra all’altezza della banca San Paolo) la sera continua ad abbassarsi. Il piccolo ma utile parcheggio vicino l’I.T.I.S. (quello dell’ex sede della Polizia) non è stato più aperto. La sera continua il barbaro scempio dei marciapiedi del Corso nel totale disinteresse del Sindaco, dei Vigili Urbani, dell’amministrazione tutta. La pista ciclabile non è fruibile. L’amministrazione comunale non tutela la cittadinanza perché, se lo facesse, avrebbe sporto denuncia per la “qualità” dei lavori sul Corso della Repubblica; ma non lo fa perché questo vorrebbe forse dire compromettere la posizione di “amici e amici di amici”.
      Via Parini (se non ricordo male è questo il nome della strada che costeggia il comune dietro S.ta Maria Assunta in cielo) vede ogni giorno il parcheggio selvaggio: nel lato destro andando verso la chiesa infatti non si può parcheggiare, ma è sempre SEMPRE pieno. Solo l’altro giorno ho visto un vigile urbano appropincuarsi alla via che “stranamente” era libera!
      L’Ex Convento di S. Antonio Abate non si sa di che morte deve morire: per ora si sa che lo si vuole tutelare, ma il tempo passa ed ogni giorno in più è un’altra crepa alla sua struttura. Finirà che un dì crollerà e l’amministrazione dirà “avremmo voluto ma non abbiamo avuto il tempo di agire”.
      Cisterna continua ad essere una “carogna” di cui pochi avvoltoi continuano a nutrisrsi ingrassando tra consorsi/cooperative in cui gli amministratori girano con macchinoni, hanno ville e fanno 2-3 viaggi di piacere l’anno mentre i lavoratori (cioè quelli che producono) non ricevono gli stipendi; tra imprenditori “cementizi” che per costruire le loro mega opere sono disposti a passare sopra chiunque metta loro i bastoni tra le ruote (ad es. il piccolo proprietario che vuole vendere la sua proprietà commerciale al suo prezzo e non a quello dell’imprenditore di turno, che però troverà il modo di metterlo con le spalle al muro), etc…

      Cisterna è come Gotham City, una cittadina corrotta a tutti i livelli e non parlo di mazzette ma di una corruzione morale e sociale; in cui non si può avere successo e non si può diventare qualcuno senza fare qualche favore, vendere qualche voto, senza arruffianarsi qualche potente. In cui la gente sa ma si tura il taso e chiude occhi e orecchi perché non ha scampo. In cui un libero professionista non farà mai il salto di qualità se non si “guadagna” l’amicizia di qualche potente…che poi parlare di “potenti” quando penso a quegli ometti è un azzardo. In cui ottieni non perché meriti, o comunque non solo, ma perché ti sei costruito un credito con qualcuno. E questo modo di comportarsi è proprio a tutti i livelli tanto che le dinamiche politiche sono sotto gli occhi di tutti (vedi la “pseudo-crisi”: perché e come è nata, com’è stata affrontata e come è stata risolta). Qualcuno dirà “si ma dappertutto è così”, io rispondo che se basta così poco a mettere il bavaglio alla propria coscenza beh allora ce lo meritiamo questo schifo. Dicevo, Cisterna è come Gotham City, ma non ci sono Batman e Robin, solo tanti Harvey Dent (meglio noto come Due Facce) e Pinguin.

      Dove voglio arrivare? Semplice a Cisterna le cose arriveranno quando converrà che arrivino, ma converrà non per Cisterna ma per tutti quei pochi furbetti (innanzitutto i politici tutti, a destra e a sinistra) che hanno da guadagnarci qualcosa.

      Ho il sospetto che anche nel Paradiso dei Cisternesi entrerà solo chi ha fatto qualche favore in vita a qualcuno…

      • Gabriele Paterlini ha detto:

        U79 purtroppo, ripeto purtruppo e ribadisco PURTROPPO….devo sottoscrivere in todo il tuo commento.

        Dicevo “purtroppo” perchè io ci speravo davvero in un cambiamento pur essendo molto scettico già durante la campagna elettorale circa la coalizione divenuta poi di maggioranza dopo il plebiscito di consensi sancito dalle urne!

        Speravo dopo aver visto il Sindaco rispondere più volte nel suo sito.
        Tocca altresì registrare oggi la totale assenza di risposte nonchè la sparizione di quel sito che il Sindaco aveva indicato voler tenere aperto proprio per promuovere il dialogo con i cittadini!

        E quel che è peggio sta nel fatto che la maggioranza comunica nel proprio interno (ma sarebbe più giusto dire nel proprio “esterno”) a mezzo stampa.

        Gabriele Paterlini

  39. Gabriele Paterlini ha detto:

    Oggi piove e tira vento….

    Poco più di un mese fa segnalai su questo blog la presenza inquietante di un albero di mimosa che pende in maniera evidente sulla strada Provinciale in direzione Latina.

    Ho inoltrato 2 segnalazioni via e-mail, una al Comando dei Vigili urbani utilizzando l’indirizzo e-mail riportato sul sito del Comune ed un’altra l’ho inviata alla Protezione Civile di Cisterna di Latina utilizzando il modulo di segnalazioni presente sul sito della stessa.
    Qualche giorno fa l’albero era ancora pericolosamente inclinato verso la sede stradale……spero sia stato tagliato…..oggi piove e tira vento!!!!

  40. Virghil ha detto:

    ….Sorpresa !!!

    Pochi giorni fa’ , ho avuto necessita’ di recarmi all’ufficio postale di Cisterna e ancor prima della lunga e interminabile coda agli sportelli , ho notato per l’ennessima volta che l’unico spazio pedonale ( non idoneo , non della sufficiente misura e non pavimentato ) al lato di via Porta Agrippina era come SEMPRE selvaggiamente occupato da automobili lasciate tranquillamente in sosta dai loro proprietari mentre erano ad attendere il loro turno agli sportelli postali .

    E’ ovvio che per tali “signori” poco o nulla importa degli scarsi spazi pedonali esistenti e ancor meno importa a costoro di fare qualche passo a piedi in piu’ ( il posteggio del CC la grancia ad es, ) per raggiungere l’ufficio postale .

    Ebbene FINALMENTE ( speriamo ) ieri nello stesso punto ho notato delle delimitazioni per l’inizio ( si presuppone ) dei lavori di sistemazione del marciapiede .

    E la stessa delimitazione , costituita semplicemente da una fragile rete in plastica HA IMPEDITO LA SOSTA SELVAGGIA !!! EUREKA !!!!!

    SPERIAMO che i lavori vengano eseguiti al piu’ presto e allo stesso modo speriamo che prevalga il buon senso degli automobilisti , altrimenti anche dopo il ripristino del marciapiede ( in curva ) si potrebbe fare ricorso alla “delimitazione ” !

    • U79 ha detto:

      …e infatti basterebbe poco: qualche paletto connesso dalla catena: non sarebbe necessario in un paese civile, ma Cisterna evidentemente non lo è…

  41. Virghil ha detto:

    Ragli e ritagli :

    ….Una maggioranza che gode del pieno sostegno dei cittadini, ….il sindaco che continua ad incensare il suo predecessore per ” quanto fatto ” in precedenza ,mentre i lavori incompiuti e le grandi opere fatte in precedenza dal ” brillante ” predeccessore extralarge , sono ancora sotto gli occhi di tutti i cittadini nel pieno del loro degrado!

    E quel che e’ peggio e’ che a far notare cio’ , siano gli stessi componenti dell’attuale maggioranza .

    Prendiamo ad esempio il vice presidente della commissione commercio , eletto nella lista Merolla , Emiliano Cerro ….ebbene ma a costui gli e’ stato spiegato che egli stesso fa’ parte della maggioranza ?

    Di quella parte politica cioe’ che dovrebbe occuparsi della risoluzione dei problemi attuando un programma politico .

    Invece il consigliere E. Cerro , sembra non accorgersi del suo ruolo e ogni tanto da segni di ” confusionaria dissociazione ” e crisi d’identita’ dimostrando di non rendersi conto di quale parte egli faccia , …prima la crisi occupazionale e l’immobilita’ della politica locale ( della quale dimentica di esserne componente ) adesso pur facendo parte della maggioranza , che non perde occasione per venerare e beatificare l’ex sidaco fasciatricolore in formato doppio-fustone per tutte le “grandi ” opere realizzate (?) , se la prende con la disastrosa situazione dei parcheggi .

    Facendo addiruttura ricorso ad una interrogazione scritta per sapere se l’amministrazione , abbia provveduto alla elaborazione di piani parcheggi nella zona centrale e storica di Cisterna , ….insomma oltre ogni demenzialita’ !

    E come se l’amministratore di condominio scrivesse a se stesso , per sapere di come procedano i lavori per la sistemazione dell’ascensore o del citofono dell’edificio che egli stesso gestisce.

    Grandi opere , senso unidirezionale in continua manutenzione del corso della Repubblica e per la zona parcheggio ….ognuno si arrangi !

    E si arrangino pure coloro che vogliano lasciare la propria automobile in zona S. Antonio , nell’area della banca S. Paolo , infatti il parcheggio e’ a tempo regolato da una barra che chiude l’ingresso nelle ore serali e nei fine settimana, …il sindaco Merolla e’ stato lapidario , egli non puo’ farci nulla TUTTO DIPENDE DAL TAR !!!!!

    Eppure , qualcuno ha fatto notare che molto piu’ semplicemente basterebbe annullare l’ordinanza .

    …..Sara’ solo una coincidenza che l’area “lamitex ” in realta’ faccia riferimento al consigliere di maggioranza Lauri ? …E quindi il trattamento deve essere di riguardo ?

    Mah ?! ….Tanto vale lasciare le automobili in doppia fila sorvegliate dall’attento vigile di turno !

    • Gabriele Paterlini ha detto:

      Il “bello” è che certe richieste al Sindaco vengano fatte addiritura a mezzo stampa (Latina Oggi in primis…). E non è nemmeno la prima volta che accade….qualche settimana fa ricordo che Cerro diede un “consiglio” al Sindaco Merolla sempre a mezzo stampa…..
      C’è dialogo tra loro oppure parlano per monosillabi?
      Eppure sull’organigramma del Consiglio Comunale si legge Emiliano Cerro (Merolla Sindaco)

      Saluti,
      Gabriele Paterlini

    • Gabriele Paterlini ha detto:

      “Mah ?! ….Tanto vale lasciare le automobili in doppia fila sorvegliate dall’attento vigile di turno !”

      Quale vigile di turno? Hai mai visto dei vigili in azione a S. Antonio? Era una battuta vero? Non l’ho capita subito, ma era una battuta…..era una battua vero?
      😉

  42. U79 ha detto:

    Rassegna stampa odierna pagina 3 aritcolo di A. Baccari. Si parla di Asilo Nido, si parla di stadio, si parla di palazzetto dello sport e polo sanitario, si parla di pista ciclabile Cisterna-Ninfa invocata anche su questo blog in tempi non sospetti. Come sempre teniamoli d’occhio ed assicuriamoci che le promesse siano mantenute.

    • Gabriele Paterlini ha detto:

      Non so te, ma io nel leggere la rassegna stampa di oggi mi sono fatto una gran bella risata…
      Leggi cosa dice l’assessore ai LAVORI PUBBLICI Leone sulle opere di urbanizzazione primaria delle zone C8 e C9 e poi leggi pagina 11 della r.s.!!!!

      C’è un contrasto importante tra chi, da un lato, promuove con efasi l’inizio delle opere di urbanizzazione primaria di una determinata area e chi, dall’altro, fà notare come l’inizio della realizzazione di quelle opere sia in netto ritardo rispetto a quanto previsto.

      Quel che è singolare è che entrambe le affermazioni siano state pubblicate lo stesso giorno da 2 quotidiani diversi…..un chiaro esempio di “marcatura a uomo”!!

      Ma queste mie son solo chiacchiere, parole al vento che si perdono insieme alle altre…..
      Quello che dovrebbe invece far riflettere i cittadini fino a farli “allarmare” è sapere che la ns. Amministrazione comunale considera la realizzazione del nuovo Stadio Bartolani un’ opera prioritaria per la cittadinanza e dimentica, o fa finta di dimenticare, che Cisterna soffre di carenze infrastrutturali gravi su tutte le arterie stradali….tanto per parlare di qualcosa di veramente prioritario per la sicurezza dei cittadini!!!!

      Io poi non ho ancora capito chi ripararà lo scempio del Corso della Repubblica, leggasi strada Appia, a che costo e soprattutto CHI pagherà per sanare un lavoro già pagato e fatto decisamente male…..

      Deploro l’utilizzo di Suv e di “fuori-strada” nel centro cittadino, ma ormai credo siano gli unici mezzi utili, unitamente a moto da enduro e mountain bike, per poter circolare in “sicurezza” nel centro cittadino!

      Cordiali saluti,
      Gabriele Paterlini

  43. U79 ha detto:

    Scrivo qui per una forma di “assonanza” in quanto di lavori si tratta sebbene non pubblici. Leggo e Osservo la situazione dell’ex “La Capannelle” passato di manonegli anni recenti e demolito nei giorni passati; com’anche, inm precedenza, tutto ciò che lo circondava.
    Ebbene leggo che sarà creato un complesso residenziale con locali commerciali (mi aspetto che anche qui si scavino buche perché un complesso residenziale in pieno centro, oggi come oggi, non può esulare da un adeguato parcheggio sotterraneo.
    Io dico “teniamoli d’occhio”. Vero è che si tratta di privati, pertanto non stanno utilizzando fondi pubblici, però lavoreranno ad una considerevole porzione di spazio del centro cittadino quindi, in qualche modo, anche la celerità e la qualità dei loro interventi avranno un impatto sulla cittadina ed i suoi abitanti.
    C’è una cosa poi: io anni fa sentii dire che li, tra le altre cose, avrebbero messo su anche un cinema (grave e vergognosa mancanza nella nostra cittadina, non più però di quella di un teatro), qualcuno ne sa qualcosa?
    In quella vasta area, che voi sappiate, è previsto uno spazio verde o comunque dedicato ai bambini?
    Mi affianco a Cicchitti nelle sue dichiarazioni: sarebbe servito un albergo in centro, al posto del compianto Capannelle. Vero è che qui è l’iniziativa privata che deve intervenire, però come si fa ancora a spacciare il concetto di Cisterna turistica senza avere praticamente alberghi??

  44. Gabriele Paterlini ha detto:

    Buon giorno a tutti,

    stamattina, percorrendo la Strada Provinciale ( in direzione Cisterna), notavo i danni causati dalla tromba d’aria, per lo più alberi abbattuti e rami spezzati e a tal proposito mi preme segnalare almeno un paio di situazioni di pericolo:
    passata la rotatoria dell’intersezione tra strada Provinciale e Via Ninfina, sulla sinistra (appena dopo la casa del Prof. Bellardini) c’è una pianta di mimosa che pende (danneggiata dalla tromba d’aria) in maniera abbastanza evidente verso la Strada Provinciale. Poco dopo, sempre sulla sinistra in direzione Cisterna, ho visto fugacemente un’altra pianta che sta più o meno nelle stesse condizioni.

    Spero che questa segnalazione venga letta da qualcuno dell’amministrazione Comunale che possa adoperarsi per le opportune verifiche del caso.
    Magari ho valutato male, magari la situazione non è di estremo pericolo, tuttavia, nel dubbio, un sopralluogo da parte di persanale competente credo sia opportuno.

    In oltre ho notato che proprio in prossimità della rotatoria di cui sopra, le piante ed i rami caduti sono ancora ammassati ai bordi della strada che a sua volta è disseminata di rametti e ramoscelli.
    Insomma, non il massimo della sicurezza per ciclisti, motociclisti ed automobilisti.
    Prego gentilmente il Sig. Belli di inoltrare questa segnalazione agli organi competenti e per questo lo ringrazio anticipatamente.

    Cordiali Saluti,
    Gabriele Paterlini

    • U79 ha detto:

      Mmm non so se la competenza in quel tratto sia del comune o della provincia…cmq segnalazione per segnalazione…lungo l’appia nord direzione Velletri, ora non ricordo a che altezza, ma di sicuro nel tratto di Collina dei pini, c’è da mesi un pino con un ramo di dimensioni consistenti spezzato e penzolante (mi sono stupito che ancora non sia caduto). Prima o poi verrà giù anche perché si nota che è secco, speriamo non cada sulla strada mentre passa qualcuno…Dall’altro lato della strada invece speriamo che il danno causato al marciapiede (divelto) dall’infausta caduta del pinosia una buona scusa per riqualificare TUTTO il marciapiede. Anche se ho il sospetto che al massimo metteranno la solita toppa d’asfalto…ormai su queste cose non ho più fiducia ne speranza.

  45. U79 ha detto:

    Anche se l’aria è festiva e anche un po’ vacanziera, i problemi in vacanza non ci vanno mai: rassegna stampa del 28 dicembre, pagina 6

  46. U79 ha detto:

    Nell’odierna rassegna stampa del comune di Cisterna (pag. 3) si fa accenno ad un progetto, in stato embrionale, per un parco al centro della città…potrebbe avere a che fare con il filetto Sbardella? Anche perché altro verde limitrofo a o in centro, giardino pubblico escluso, non lo vedo…Speriamo bene…per il momento godiamoci i progressi della NOSTRA Ninfa.

  47. Luana ha detto:

    salve a tutti, volevo sottoporre all’attenzione di tutti gli interessati che a Sezze si sta pianificando un percorso formativo, finalizzato a trasferire competenze specifiche in tema di educazione alimentare, a favore degli operatori dei centri sportivi, residenti o domiciliati nella Regione Lazio, in possesso di un diploma di istruzione superiore, occupati presso centri sportivi aventi sede nel territorio della Regione Lazio.
    L’intervento formativo si concluderà con il rilascio di attestato di frequenza da parte della Regione Lazio.
    E’ previsto un rimborso di partecipazione pari a € 2/h per ora di effettiva partecipazione, e sono ammesse al massimo il 20% delle ore di assenza.
    L’attività formativa dovrà essere svolta al di fuori dell’orario di lavoro e dovrà avere una durata non superiore a 160 ore di cui 120 ore di aula e 40 di project work
    Grazie a tutti!

  48. luciano chiarucci ha detto:

    Scusa alcuni errori.
    Volevo precisare che comune di Cisterna per quella settimana, se non ricordo male, non ha speso un Euro.
    Affluenza visitatori circa 8000 provenienti da tutta la provincia di Latina e provincia di Roma.
    Anche questo è un dato interessante.
    Buona Giornata.

  49. luciano chiarucci ha detto:

    Per mike

    caro mike forse sei troppo giovane per questo non ricordi
    il lavoro svolto sia dal sottoscritto che da Alfio Cicchitti per valorizzare la storia della nostra città. Io personalmente ho molto da imparare da Cicchitti pur conoscendolo da anni e pur condividendo con lui la stessa passione “la storia della nostra città”. Non ti stò qui a scrivere ciò che Cicchitti ha fatto negli anni però ti voglio solo ricordare soltanto che la prima Ass. di Butteri Cisternesi è stata costituita da Cicchitti.
    Non voglio elencare ciò che io ho fatto o potevo fare ecc. ecc. se sono state fatte bene o male ecc. ecc. di una cosa sono convinto che ho sempre agito nell’interesse collettivo e mai nel mio interesse personale.
    Permettimi soltanto di ricordarti una delle tante cose a cui tengo moltissimo: “se un giorno Cisterna avrà un nuovo Stadio Bartolani e un palazzetto dello Sport (3.000 posti) in area Ex Nalco lo dovrà per gli incarichi che io diedi in qualita di Ass. ai LL.PP. nel 1997.
    Se c’è stato notevole ritardo nella realizzazione di queste opere è perche il Sindaco precedente ha ritenuto impegnarsi di più nel lavoro dell’ Assessorato in URBANISTICA rispetto all’ Assessorato ai LL.PP.
    Per quanto riguarda la Coppa del mondo a Cisterna se sia cultura e storia forse ricordi male o non ricordi affatto per questo ti invito a vedere la rassegna stampa del Comune di Cisterna del 25/10/2008 dove potrai leggere dall’articolo della “Provincia” le dichiarazioni del Dott. Mauro Grimaldi (uno degli organizzatori dell’evento) che spiega la funzione dell’esposizione della coppa del Mondo .
    ” Alla base di questa manifestazione c’è la consapevolezza che la funzione legata all’organizzazione e allo svolgimento di attività sportive è sopratutto, educativa. Si è ritenuto che l’esposizione della Coppa del Mondo fine a se stessa sarebbe stata riduttiva rispetto a quello che questo trofeo rappresenta, ai valori educativi che porta con se, al forte impatto che lo sport-e non solo il calcio- ha rappresentato nella crescita sociale del nostro paese”. L’ ESPOSIZIONE DELLA COPPA DEL MONDO, è stata infatti preceduta da un insieme di eventi, inseriti in un contenitore denominato “In viaggio verso la Coppa del Mondo”che da una parte hanno offerto un sostegno educativo ed informativo ai giovani e dall’altra hanno accompagnato gli appassionati attraverso un viaggio virtuale che ha ripercorso il cammino storico sportivo di un secolo di calcio.
    E’ stato un piacere.
    Buona giornata

    • Gabriele Paterlini ha detto:

      Quoto pienamente l’intervento di Luciano Chiarucci. Tra l’altro, sui lavori di riqualificazionedello stadio Bartolani, ci sarebbe da dire che…..no, meglio di no, meglio sorvolare, per ora!

  50. mike ha detto:

    ma uno non era sindaco e l’altro assessore? sinceramente non ricordo molto sulle loro azioni rivolte alla valorizzazione della storia cisternese, o portare la coppa de mondo a cisterna è cultura e storia?

    • Virghil ha detto:

      Il mio commento non vuole di certo “difendere ” l’ex consigliere Luciano Chiarucci , anche perche’ come ho gia’ scritto in precedenza i miei ideali sono completamente all’opposto , quindi non avrei alcuna motivazione per “difendere” l’ex consigliere .

      Piuttosto il mio intervento e’ per dare atto che Luciano Chiarucci ha da sempre manifestato vivo interesse per Cisterna ed in particolare per i siti archeologici recentemente tornati alla ribalta , inoltre a differenza di ” altri ” rappresentanti comunali durante il suo mandato istituzionale si e’ sempre reso disponibile al dialogo e al confronto , ANCHE CON IL SOTTOSCRITTO !!!

      Nonostante che negli anni precedenti , di certo non lo abbia risparmiato da dure critiche e commenti tutt’altro che ” zucchero e miele ” .

      Confronto e disponibilita’ invece ,SEMPRE NEGATO , anche facendo ricorso a mezzi piu’ che discutibili , da chi invece aveva un ruolo ben piu’ importante e rappresentativo dell’intera citta’ !

      Inoltre e’ bene ribadire che finora , e’ l’unico ( in veste da comune cittadino ) che rivendica l’assurda situazione dell’area parcheggio lamitex ( banca S. Paolo ) .

  51. Gabriele Paterlini ha detto:

    Nota (OT) per il Web Master: pur essendo attiva la maschera di commento all’articolo dell’aggressione a Berlusconi, non si riesce a postare il commento….

  52. Gabriele Paterlini ha detto:

    rassegna stampa, pag. 5.

    Cicchitti e Chiarucci. Binomio insolito, ma hanno un intento comune, dunque mi auguro rieascano a conseguire i migliori risultati possibili per la valorizzazione della storia cisternese.

    Buon lavoro,
    Gabriele Paterlini

  53. cittadino nero ha detto:

    Pazienza x chi arriva da fuori e non conosce il posto,
    prima di natale il caos e il traffico la fanno da padroni ovunque, pero’ avete dimenticato la strada “privata ” di Ceracchi e i parcheggi selvaggi nella strada ? questo e’ il regalo di Carturan per la nuova amministrazione, pero’ che dire delle persone che abitano a S. Pietro e vanno con la macchina a far spesa? Il carrello no!!!!!!!!! perche’ usarlo? l’incivilta’ fa parte di noi o perlomeno dalla stragrande maggioranza, EDUCAZIONE CIVICA A SCUOLA . Forse pero’ piu’ che incivilta’ e’ l’arroganza che non manca mai!!!!!, dobbiamo tutti riflettere.
    Saluti

  54. Gabriele Paterlini ha detto:

    D’accordo con U79 e Virghil.
    Aggiungo:
    a) assenza totale di vigilanza anche nella zona S.Antonio….dove, a ben vedere, tra soste in doppia fila e soste “bizzarre”, potrebbero fare tante di quelle multe da poter rimpinguare le casse del Comune!
    b) assenza totale di civiltà e rispetto. Si che a Cisterna di parcheggi ce ne sono pochini, ma è pur vero, come diceva U79, che ci mettiamo molto del nostro per peggiorare la situazione.
    Il disagio è spesso figlio della pigrizia e dell’inciviltà.
    Un fatto, l’ultimo (oltre a quello già citato tempo fa sempre su questo topic), l’ho potuto verificare giusto questa mattina. Strada Appia, all’altezza del nuovo negozio di elettrodomestici, fila, coda….penso un incidente, macchè incidente!!!
    C’era la fila per usufruire delle promozioni allettanti, il cancello del nuovo store era chiuso. Le macchine parcheggiate in ogni dove, sopra i marciapiedi, in doppia fila in mezzo alla strada…strada APPIA!!!!
    Decine e decine di persone in attesa che venisse aperto il cancello; attendevano trepidanti ed ansiosi sia sui marciapiedi che in mezzo alla strada!!!
    Ed il parcheggio davanti al vicinissimo Lidl VUOTO!!!
    Dico, c’erano da fare due passi a piedi, il che è pure salutare, ma niente, meglio la macchina in doppia fila, meglio bloccare il traffico su un’arteria importante e trafficata come l’Appia, meglio impossessarsi del marciapiede piuttosto che fare due passi a piedi.
    Ieri mattina, a S.Antonio, stessa fava, ma li, stavolta, c’è scappato il tamponamento con ferito.
    Macchina parcheggiata in mezzo alla strada, traffico “nevoso” che si districa tra gli “ostacoli” e cozzo quasi inevitabile. Forse il tamponamento è stato causato dalla distrazione, forse si sarebbe verificato anche senza la sosta selvaggia…..ma quello che accade quotidianamente a S.Antonio e a Cisterna è davvero una schifezza.

    • ben ha detto:

      Per Gabriele
      ……parcheggio del Lidl VUOTO !!!!!
      Ma il parcheggio del Lidl è riservato ai clienti Lidl.
      Forse dico una frescaccia ma un centro commerciale nel rapporto mq. vendita non dovrebbe avere mq. di parcheggi ? ed il rapporto per il nuovo centro di elettrodomestici (non ricordo il nome) sulla via Appia
      è giusto ?
      Per il quartiere S. Antonio : c’è chi mantiene la sbarra abbassata da anni e non mi sembra (se privato) di vedere esposta la concessione pagata del passo carrabile.

      • Gabriele Paterlini ha detto:

        ??? Mi hai fatto venire un grosso dubbio….
        Se non erro il parcheggio lungo la strada (di fronte a Lidl) dovrebbe essere pubblico….
        Spesso ci sono posteggiati dei camion in sosta “ricreativa”.
        Stasera magari provo a buttare l’occhio da quelle parti….
        Stamane, intanto, stesso copione, strada bloccata da auto e maleducati in mezzo alla strada stessa.
        Vigili manco l’ombra. Sarà anche brutto a dirsi, è da scongiurarsi, ma il rischio che qualcuno si faccia male è davvero alto, molto alto.
        Che poi basterebbe che un vigilante del negozio andasse almeno ad aprire il cancello del parcheggio alle prime ore del mattino per spostare il caos dalla strada all’interno del parcheggio.
        Non sarà certo una soluzione definitiva (l’inciviltà è una brutta bestia…), ma se non altro servirebbe a fare un pò d’ordine su una strada così “complicata” come l’Appia.

  55. U79 ha detto:

    Sento spesso parlare, e mi ci riempio la bocca anche io per carità, di cosa è fatto/non fatto e come dall’amministrazione. Però, vogliamo parlare di quanto molti di noi cittadini ci mettono del proprio a peggiorare le cose?
    Arrivo al dunque, e quanto sto per scrivere si veda come un esempio che può valere per molte, troppe situazioni che ci sono a Cisterna.
    Dove: La pista ciclabile in esame negli ultimi commenti, se non ricordo male più o meno a metà strada tra Maury’s e l’edicola.
    Quando: ieri, ovvero pochi giorni dopo l’asfaltatura della pista.
    Chi: un concittadino, uno di noi che dovrebbe tenere alle proprie cose.
    Come e perché: boh non lo so ma tutto è riconducibile alle parole “inciviltà” e “maleducazione” (o proprio “ineducazione”).
    Ieri sera tornando da Latina ho notato una macchina grigio metallizzato (azzardo una ford focus…ma francamente non ricordo il modello e mi rammarico anche di non aver preso la targa: l’avrei scritta volentieri qui) comodamente parcheggiata sulla pista ciclabile. I miei più vivi complimenti all’autista, fulgido esempio per tutti noi, che ci da la possibilità di fare delle considerazioni interessanti sul chi sia il reale colpevole dei problemi di Cisterna.

    • Virghil ha detto:

      U79 scrive :

      “…..Però, vogliamo parlare di quanto molti di noi cittadini ci mettono del proprio a peggiorare le cose? ”

      Senza dubbio d’accordo , pero’ e’ anche vero che a Cisterna vige l’ ASSOLUTA TOLLERANZA .

      Non solo di notte , ma nell’arco dell’intera giornata e perfino con la compiacenza ( come potrebbe chiamarsi altrimenti ? ) dei vigili di turno .

      L’occupazione di spazi pedonali , doppie file , invasione di marciapiedi avviene regolarmente in pieno centro figuriamoci in zona decentrata .

      Rimane poi ancora inspiegabile la logica per cui , almeno un paio di vigili sono sempre presenti all’incrocio di Piazza Battisti via M. Lepini Corso della Repubblica , dove gia’ il semaforo funzionante svolge la propria funzione , mentre invece nell’incrocio della chiesa di S. Francesco ( poche decine di metri di distanza ) non esiste ne’ semaforo funzionante ne’ presidio di alcun vigile . ….Qual’e’ la logica adottata ?

    • U79 ha detto:

      Torno a trattare della ineducazione di molti noi cittadini traendo spunto da un articolo di oggi (23 Dicembre) in rassegna stampa, ultima pagina, in cui si lamenta il parcheggio selvaggio nei pressi di via Puccini (case popolari attorno cui in passato facevano il mercato principalmente degli stracci americani). Ebbene due cose:

      1. Avvalendomi di un noto sito internet per il calcolo dei percorsi (anche a piedi) per gli spostamenti logistici, ho calcolato che tra la zona incriminata e il parcheggio dietro giovanni cena (di fronte a quello che un tempo era l’asilo nido gestito dai Giupponi se non ricordo male ora non so) ci sono circa 200/250 metri mentre la distanza rispetto al parcheggio dietro l’edicola fronte “palazzone rosso” (curioso: anche questo adiacente a case popolari…come i primi due) è di circa 300/350 metri mentre rispetto al parcheggio dietro l’ex Convento di Sant’Antonio è di meno di 500mt. Ora forse scrivo una boiata non so, ho pochi elementi per esserne sicuro, però credo che questi parcheggi non siano quasi presi in considerazione dagli automobilisti che parcheggiano nella zona incriminata. Questo da un lato. Dall’altro invece non ricordo di aver mai visto vigili urbani (ecchettelodicoaffà) a, mi si perdoni il gioco di parole, “vigilare” sulla situazione in una piazzetta dove anche io ricordo i bambini giocare al sicuro dalle vicine e relativamente trafficate strade.

      2. Aggiungo, ho sempre detto, e confermo, che per la risoluzione della questione “parcheggio multilivello” (direi a ground zero, più che nella piscina comunale) ci sarebbe voluta pazienza perché il sindaco e la sua squadra prendessero coscenza delle problematiche e stilassero un piano di battaglia.
      Ora sono passati sei mesi abbondanti più o meno e vorrei sapere, anche dal sindaco se sta leggendo, a che punto siamo? In questo lasso di tempo plurimestrale si è riusciti a raccogliere gli elementi necessari per pianificare la risoluzione? Qual’è l’attuale stato dell’arte (Se così possiamo chiamarlo)? In che direzione sta andando la pianificazione? Quali sono i nomi e cognomi delle figure che stanno lavorando per risolvere il problema?

      Chiudo lanciando una proposta articolata: in ciascuno degli n parcheggi di Cisterna (perché se vi guardate attorno vi accorgete che NON sono così pochi come si dice) si potrebbe mettere un pannello con la mappa del centro di Cisterna e la segnalazione di tutti i parcheggi gratuiti e a pagamento perché magari può anche essere che un automobilista non ci pensi, si dimentichi o non conosca la città (esempio un turista che viene a visitare il polo museale…). In più si potrebbe sperimentare un parcheggio (con la prospettiva di realizzarne anche 3-4) a pagamento decentrati in cui, facendo il ticket di sosta, si ottenga la possibilità (non l’obbligo) di utilizzare una navetta (il polo di ricerca per la mobilità eco-sostenibile ce ne proporebbe di elettriche, come già fatto per il cimitero, ma più grandi ovviamente) che, a getto continuo, compia il tragitto verso il centro e ritorno. L’importo si potrebbe parametrizzare, utilizzando un prezzo fisso per le auto + un tot a persona che deve usufruire del passaggio navetta (es. auto 50 cent l’ora per un max di 2euro + 30 cent a persona, per cui una famiglia di 4 persone spenderebbe al max 3,20 euro per sostare anche tutta la giornata). Il parcheggio di “prova” potrebbe essere realizzato in una porzione dell’area adiacente l’Ex-Nalco (normalmente vuoto e quindi sottosfruttato, in luogo di una macchinetta si potrebbe mettere un ufficio-container con del personale con contratto a progetto). Insomma i presupposti per provarci, con una bassa spesa ci sarebbero secondo me.

      Non so sicuramente nell’equipe di Merolla già si stanno proponendo n idee tutte valide e tutte più valide della mia, comunque spero possa essere un contributo per rendere migliore Cisterna.

  56. Gabriele Paterlini ha detto:

    Pista ciclabile dite? Scusate, ma meno di un chilometro di strada piena zeppa di intersezioni stradali per voi può essere considetata una pista ciclabile??
    A ridosso di una provinciale ad altissima densità di circolazione?
    Se si voleva fare una pista ciclabile si poteva puntare su 167/S.Valentino/Franceschetti….credo….

    Saluti,
    Gabriele

    • Virghil ha detto:

      …. Un semplice tratto stradale riservato a spazio ciclabile , non collegato ed isolato serve solamente ad ingraziarsi gli elogi dei residenti , in quanto e’ perfettamente inutile senza alcuna logica e inspiegabile sperpero di denari pubblici .

      Spiegare la logica di tale assurda scelta , spetterebbe ai nostri amministratori . Ufficiosamente , mi era stato assurdamente spiegato da un consigliere della precedente amministrazione ( nuovamente confermato ) che tale scelta era stata fatta in quanto si erano trovati dei fondi in piu’ di disavanzo nelle casse comunali .

      Come cittadini invece dovremmo stare in guardia , affinche’ tali “opere” non vengano strumentalizzate ai soli fini elettorali per le prossime elezioni regionali , proprio come e’ stato fatto nelle precedenti elezioni .

      LEGGE 28 \ 2000 .

      • Gabriele Paterlini ha detto:

        Hai usato la terminologia giusta: assurdamente spiegato
        Da quando in qua asfaltare costa più che “mattonare” un marciapiede? Cioè, a me sembra il contrario: forse, anche in questo caso, le casse erano al verde e dunque una bella pezza di asfalto è servita a coprire tutto….come per il centralissimo tratto di Via Appia…..

      • Gabriele Paterlini ha detto:

        Magari i fondi in più, quelli in disavanzo, sono serviti per allungare il tratto di marciapiede che fino a questa estate si fermava ad una 50ina di metri dall’edicola adiacente l’intersezione con Via Toti.
        Adesso, se non altro, il marciapiede asfaltato arriva fino all’edicola.

  57. U79 ha detto:

    Ottimo sindaco, ottimo anche sapere che state puntando sul sintetico (come detto faccio il tifo per questa soluzione). Ma è vero che la situazione è in stallo, e per questa ragione, oppure anche questa notizia che mi è giunta è falsa?
    Grazie per la pronta risposta.

  58. Antonello Merolla ha detto:

    caro U79 ti preciso che il campo previsto era in erba e viste le caratteristiche di manutenzione ed l’utilizzo di un campo sintetico l’amministrazione ha deciso di modificare il progetto ed installare un campo sintetico. saluti Antonello Merolla

  59. Virghil ha detto:

    Rettifica : la legge che vieta “inaugurazioni ” e “comunicazioni ” in periodo elettorale e’ la 28 del 2000 e non la 29 come erroneamente postato .

  60. Virghil ha detto:

    Sempre a proposito di lavori pubblici , faccio notare che a Cisterna in zona S. Antonio , persiste tranquillamente una posizione d’abuso nei confronti dell’area parcheggio in area commerciale ( banca S. Paolo ) .

    Infatti in tutta Cisterna tale area E’ L’UNICA CHE CONSENTE L’ACCESSO SOSTA E PARCHEGGIO A TEMPO , in quanto essendo dotata di sbarra l’accesso al parcheggio viene inspiegabilmente negato dopo le h 20,00 , in barba alle disposizioni vigenti che non consentono tale abuso .

    ….Sara’ forse solo un caso che tale area, faccia riferimento ad un attuale consigliere comunale di maggioranza , oppure ?

  61. Virghil ha detto:

    Interessanti , senza dubbio interessanti queste considerazioni.

    Intanto per chiarire ogni dubbio , il tratto ai margini della ss provinciale direzione Latina in localita’ Cerciabella , e’ una pista ciclabile in fase di realizzazione .

    U79 ha perfettamente rese note le intenzioni di ” recupero ” da parte dell’amministrazione , l’intenzione pero’ rimane tale e basta . In quanto come avevo gia’ fatto notare in precedenza il tratto ciclabile in via di realizzazione e’ un inspiegabile moncone !

    E di certo non servira’ a rivoluzionare la mobilita’ sostenibile cittadina e soprattutto come fatto notare , Come può accedere un ciclista alla pista ?

    Se prima di tale tratto , la strada e’ pericolosa piu’ che mai e ad alta intensita’ di traffico ?

    Ad ogni modo , quale sia stata la logica di tale scelta rimane un mistero .

    Che la scelta sia poi ricaduta nella zona di Cerciabella e’ un po’ meno misteriosa , visto che in tale zona probabilmente e’ attivo un ampio bacino di elettori .

    Un ampio bacino che potrebbe rivelarsi utile e indispensabile al prossimo appuntamento elettorale .

    E magari in piena campagna elettorale , fare ricorso allinaugurazione della nuova ( e quasi inutile ) opera , per farsi della pubblicita’ gratuita .

    Esattamente come successo nella precedente campagna elettorale , dove sono stati inaugurati la ripresa dei lavori dell’edificio scolastisco in zona ex Nalco .

    Un motivo in piu’ per stare in guardia comunque , in quanto ho scoperto che tali forme di “inaugurazioni ” fatte in periodo elettorale sono vietate ( ARTICOLO 9 DELLA LEGGE 29\2000 ) , ….chissa’ se le opposizioni se’ ne’ renderanno conto prima o poi !

  62. U79 ha detto:

    Anche io ho avuto il sospetto che hanno voluto “recuperare” una grave mancanza di Cisterna, realizzando estemporaneamente un tratto che potesse fare da pista ciclabile, laddove doveva nascere secondo progetto un marciapiede (e mettici pure che di sicuro è costato di meno asfaltare che fare il marciapiede come nell’altro lato). Però, mi chiedo anche alla luce di quello che vedo altrove: è l’asfalto il manto più adatto? Comunque i lavori non sono finiti quindi, se di una pista ciclabile si tratta (di cui la cittadinanza mi sembra non sia stata informata…o forse non sono informato io) lo scopriremo perché, in tal caso, si devono dipingere le strisce a terra e deve essere messa a dimora la segnaletica idonea. Assumiamo sempre che di pista ciclabile si tratta: parliamo di un tratto che parte da dopo la rotonda sotto il cavalcavia della circonvallazione e arriva all’incrocio con Borgo Flora. Come può accedere un ciclista alla pista (da dove ci arriva insomma)? deve coprire alcuni tratti di strada “normale” (che passa attraverso due rotonde delicate come la croce e la successiva)? Poi, è pianificato un proseguimento della pista dall’incrocio? in quale direzione? Latina? Borgo Flora? Sono previste le creazioni di pensiline di sosta per i ciclisti con fontanelle?
    A mio parere comunque un punto strategico da dove far partire la pista sarebbe l’area ex-Nalco: basta creare pensiline attrezzate in uno dei parcheggi, magari con bagno pubblico visto che si tratta di un “polo fieristico” per renderlo un ideale punto di partenza.

    A proposito di lavori pubblici che riguardano sport e tempo libero…si vocifera che i lavori allo stadio abbiano (finalmente) trovato l’atteso nuovo punto di stallo che, vi dirò, un po’ mi mancava. Il motivo secondo voci di corridoio (o di corso sarebbe da dire) è che a differenza del progetto iniziale al comune si sia deciso di virare sul campo d’erba, rispetto quanto inizialmente pianificato (campo sintetico). In tutto ciò la ditta appaltatrice giustamente, se la voce fosse vera, sta facendo resistenza. Sarà vero? Sarà falso? Sarah Ferguson? Chi ne sa qualcosa di più magari ci potrebbe scrivere… Io comunque voto per il sintetico: avrà anche un costo iniziale maggiore ma richiede un po’ di manutenzione in meno visto che non necessita di impianti di irrigazione e di lavori di giardinaggio assortiti (rasatura, rizollatura,…). In caso di fondatezza della notizia mi chiedo perché noi cittadini non abbiamo ricevuto la notizia tramite vie ufficiali.

  63. mike ha detto:

    non pensi che sia una pista ciclabile???

  64. Gabriele Paterlini ha detto:

    Bellissimi i marciapiedi di Cerciabella….da una parte pavimentazione mattonata e (ben) rifinita, dall’altra asfalto, asfalto ed ancora asfalto…
    Se tutto va bene fra un paio di anni saranno da riasfaltare nuovamente….sono pronto a scommerci un obolo!

  65. U79 ha detto:

    Dopo l’anello ed i nuovi posti auto pianificati nella zona adiacente la stazione, lato stadio, un altro progetto annunciato per la zona ex-Nalco: la casa della Salute che rappresenterà un nuovo polo sanitario di Cisterna. Un altro cantiere che sarà aperto, da quel che si legge, nei primi mesi del 2010. Speriamo che nel mentre almeno quello dello Stadio sia chiuso, ma anche che siano ripartiti quelli in centro. Mi preoccupa un po’ l’apertura di un nuovo cantiere a fronte di quelli aperti, alcuni dei quali bloccati da anni ed altri che necessitano ancora di mesi di lavoro per essere chiusi (Palazzetto, Scuola, Stadio).

  66. U79 ha detto:

    Da quel che leggo nella rassegna stampa del sito comunale del 23 Ottobre, pag. 8, ci sono buone nuove per i pendolari motorizzati e per chi nel tempo frequenterà per piacere o professione l’area ex Nalco.
    Penso sia una notizia incoraggiante però faccio una amara constatazione (l’ennesima di un pendolare della linea che attraversa Cisterna). Tutti i comuni si stanno attrezzando per poter avere un crescente numero di posti auto adiacenti le stazioni ferroviare e sembra una buona cosa. Aumentare questo tipo di comodità, unito all’espansione urbanistica che si registra un pò ovunque, probabilmente attirerà sempre più persone nei paesi interessati, gente proveniente da Roma ma non solo. L’amara considerazione è che questo fenomeno, che secondo me sta già avvenendo, non è accompagnato da una politica di “sostenibilità” da parte di trenitalia: in stazione la mattina, soprattutto nel periodo delle lezioni universitarie e nei lunedì, siamo sempre di più; ma i treni non crescono con noi. Anzi trenitalia manda dei convogli più corti e scomodi (vedasi il saturissimo treno delle 7:24 proveniente da Terracina per Roma Termini). Il problema è comune a pendolari di molti comuni: non solo Cisterna, ma anche Latina, Cori, Sezze, Pontinia, Pomezia, e via discorrendo. Io penso che tutti questi comuni debbano unirsi e fare pressioni sulle istituzioni e su Trenitalia affinchè noi pendolari possiamo viaggiare come esseri umani e non come bestie. In finale si chiede: spazi, puntualità, treni accoglienti e funzionanti, decoro, igiene.

    Mi rendo conto che non sarebbe questa la Soluzione: quanto migliorerebbero le cose ad esempio se fosse creata una grande università pontina? quanto migliorerebbe la situazione se si trovasse il modo creare nella zona pontina, quel lavoro che molti di noi sono costretti ad andare a cercare a Roma? La verità è che se da un lato cresce ogni giorno il numero di persone che si dirige verso Roma, dall’altro bisogna analizzare perché questo accade; perché non so gli altri, ma se io potessi trovare lavoro nel mio campo nel territorio dove abito, eviterei molto volentieri di farmi corrodere dallo stress che tutti quei chilometri ogni giorno mi danno.

  67. Gabriele Paterlini ha detto:

    Pagina 7 della Rassegna stampa odierna (20/10/2009)….

  68. luciano chiarucci ha detto:

    L’ esproprio di un terreno richiede sempre dei tempi un pò lunghi ma dieci anni sono una esagerazione.
    E’ mancata la volontà politica.
    I soldi ………progetti validi e correre in Regione dove abbiamo tre Consiglieri eletti nella nostra Provincia ed i finanziamenti arrivano.
    Questa mattina ho fotografato un tratto della VIA APPIA in località le castella è ricoperta di terra se Belli vuole posso inviare le foto.

    • Gabriele Paterlini ha detto:

      Immagino sia lo stesso pezzo di Appia antica che ho potuto ammirare anch’io un bel pò di tempo fà.
      Se stiamo parlando dello stesso pezzo….beh, anche li sarebbe il caso che si prendessero dei provvedimenti seri per la salvaguardia della zona poichè anche li qualcuno ha pensato bene di appropriarsi di preziosi reperti che in quel caso sono rappresentati da parti dell’antico basalto viario….

  69. Luana ha detto:

    Non voglio credere che un comune non è in grado di stanziare dei soldi per procedere ad un esproprio o ad attuare un’azione alternativa per tutelare un bene sito nel proprio territorio.
    Credo femamente che la necessità fa virtù.
    Negli ultimi anni la Regione Lazio ha presentanto diversi bandi in tal senso, mettendo a disposizione anche bei soldini; non so se il nostro comune ha partecipato a qualcuno di questi, credo e spero di si!
    Se così non fosse, hai ragione tu GABRIELE, a sottolineare una mancanza di volontà.

  70. Luana ha detto:

    Esistono fondi che hanno destiantari diversi dalla pubblica amministrazione, quali associazioni, fondazione, ATI/ATS. ecc ecc. Se solo si riuscisse a fare un pò di chiarezza sulla questione “tres tabernae” non sarebbe impresa impossibile presentare un progetto di valorizzazione e riqualificazione del sito archeologico, ed avviare un percorso in questo senso.
    In ogni caso credo che sarebbe opportuno che il comune espropriasse il territorio di riferimento, ed iniziasse un percorso diverso da quello intrapreso fino ad oggi.
    Tra l’altro sta prendendo piede il progetto della Via Francigena nei comuni dei Monti Lepini, e purtroppo ho notato l’assenza della città di Cisterna.

    Buona Giornata a tutti!

    • Gabriele Paterlini ha detto:

      Espropriare il terrritorio di riferimento credo sia un’operazione praticabile, ma comporta una spesa, credo non da poco.
      Dunque siamo di nuovo punto e a capo.
      Prima di tutto ci vogliono i fondi, i soldi. Se mi convincerete che trovarli non sarebbe stato (e non sarà) un problema, allora la faccenda sarà ancor più grave perchè vorrà dire che quella che è mancata fino ad ora è la VOLONTA’. Spero non sia così per il futuro prossimo altrimenti resta e resterà un’opportunità persa!

      Saluti,
      Gabriele

      • U79 ha detto:

        Trovare soldi, tanti soldi nel caso specifico, non è MAI facile questo è chiaro.
        La volontà è mancata anche questo secondo me è chiaro. Dieci anni! DIECI!
        Soldi che sono stati trovati per: stadio, mini palazzetto dello sport di S. Valentino, modifica radicale del centro urbano,…
        In dieci anni, se fosse stato avviato un percorso ormai staremmo in dirittura d’arrivo.

        Credo che la soluzione migliore sia convolgere più realtà: la cittadinanza, le istituzioni (Provincia, Regione, Ministeri, Comunità Europea), gli sponsor (aziende del territorio che potrebbero sfruttare eventuali spazi pubblicitari), i partner (Touring Club Italiano, FAI, Università – facoltà di storia e archeologia,…). Serve gente preparata e capace nella raccolta di fondi.

        Tutto ruota intorno chiaramente alla Volontà di cui sopra.

      • Gabriele Paterlini ha detto:

        ….Soldi che sono stati trovati per: stadio, mini palazzetto dello sport di S. Valentino, modifica radicale del centro urbano….

        Serve aggiungere altro? Credo di no 😉

  71. Gabriele Paterlini ha detto:

    Ok, grazie per il chiarimento e scusate per la confusione.
    Ho le idee un pò più chiare adesso.

    Buona giornata,
    Gabriele

    P.s.
    Sulla crisi politica mi pare di ricordare che la stampa abbia iniziato a parlare di CRISI dal giorno 11/settembre 2009…pagina 7 di questa rassegna stampa , dunque non credo che la crisi politica non abbia nulla a che vedere con contributi Regionali e Provinciali.
    Magari non con i contributi che si vorrebbero per il sito archeologico….

  72. luciano chiarucci ha detto:

    Caro Gabriele,
    qualsiasi comune o associazione riconosciuta può avere progetti finanziati dalla Provincia, dalla Regione e dalla Comunità europea………………………

    Due esempi: il rifacimento del palazzo Caetani e la costruzione della palestra della scuola Giovanni Cena hanno usufruito di contributi regionali (a fondo perduto).
    Il comune potrebbe far finanziare un progetto per il sito archeologico se ne fosse il proprietario. ecc. ecc. ecc.

    La crisi politica al comune di Cisterna (non entro nel merito)è un’altra cosa e non ha nulla a che vedere con contributi che oltretutto si debbono ancora richiedere.

    Sito Tres tabernae ……Opportunità persa ?
    Con carturan SI !

    Saluti.

  73. luciano chiarucci ha detto:

    Cara Luana
    concordo con te su “Tres tabernae” come per l’aercheologia in genere a Cisterna ben vengano tutte le soluzioni possibili affinchè si dia la giusta considerazione
    ed il giusto risalto alle BELLEZZE archeologiche sul nostro territorio a PRESCINDERE DEL COLORE POLITICO.
    Di una cosa ti assicuro, personalmente non ho nessuna intenzione di far passare nel dimenticatoio Tres Tabernae
    ed altro.
    Mi auguro che altri cittadini di Cisterna e non, si aggiungano con entusiasmo a questa “Cultura dell’Archeologia” che sicuramente è mancata nella nostra città.

    Ti informo che a tutt’oggi il Comune di Cisterna non ha ancora provveduto ad espropriare il terreno dove è sepolta Tres tabernae.

    CI SONO ALTRE SCOPERTE ARCHEOLOGICHE A CISTERNA MA FINO A QUANDO NON VERRANNO MESSE IN SICUREZZA E’ PREFERIBILE NON RENDERLE DI DOMINIO PUBBLICO.

    Mi auguro che questa Amministrazione faccia tutto il possibile per far conoscere e salvaguardare i nostri siti archeologici.

    • Gabriele Paterlini ha detto:

      Ciao Luciano,

      premetto che il sottoscritto è un neofita senza alcuna esperienza in materia. Se ne tenga conto qual’ora dovessi andare a scrivere delle castronerie qui di seguito…

      Se ho ben capito ci sarebbe la possibilità per il Comune, o per le organizzazioni/associazioni preposte, di “sfruttate” la contribuzione della Regione e della Provincia per la valorizzazione e la promozione turistica dei siti ARCHEOLOGICI e aree monumentali della provincia di Latina.
      Praticamente una manna dal cielo per il sito ARCHEOLOGICO di Tres Tabernae!!!
      Domanda: questi contributi sono gli stessi per la cui spartizione il Governo cittadino ha conosciuto la sua prima crisi a soli 3 mesi dal suo insediamento?
      Oppure questi sono altri fondi?

      Lo chiedo perchè se davvero ci siamo lasciati “scappare” l’opportunità di sfruttare tali fondi per lo scopo specifico per i quali sono stati messi a disposizione….beh, temo allora che dovremo rassegnarci all’idea di sapere Tres Tabernae come l’ennesima delle opere incompiute di questa città.
      Tu dici, giustamente, che il colore politico non dovrebbe ostacolare la valorizzazione di opere così preziose, ma da quel poco che ci ho capito quei fondi sono stati usati per altri scopi e per di più hanno sancito una crisi POLITICA non da poco. Come dire: oltre al danno la beffa!!!
      Insomma, ho pigliato lucciole per lanterne (nel qual caso mi scuso con tutti) oppure davvero ci siamo lasciati sfuggire un’occasione propizia?

      Saluti,
      Gabriele Paterlini

  74. Gabriele Paterlini ha detto:

    14-10-2009

    La via Appia nel Lazio, il documentario dell’associazione culturale Versys

    La presentazione: il 16 ottobre al museo Cambellotti

    Nell’ambito di valorizzazione culturale e promozione turistica dei siti archeologici e aree monumentali della provincia di Latina che vede il contributo della Provincia di Latina e della Regione Lazio, verrà presentato il 16 ottobre alle ore 11,30 presso il Museo Cambellotti di Piazza San Marco i primi 5 minuti del documentario “La Via Appia nel Lazio”. L’ideazione e progettazione è dell’associazione culturale Versys di Latina, autrice del filmato Stefania Bove e la regia di Carolina Rigacci. Alla presentazione interverranno il Presidente della Provincia di Latina Armando Cusani, l’assessore provinciale alla Cultura Fabio Bianchi e il Presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo. La Via Appia parte da Roma e attraversa tutta l’Italia del sud fino a raggiungere Brindisi. Per secoli fu percorsa da milioni di persone, di mercanti, di eserciti di tutte le nazionalità. Essa incontra monumenti e scorci di valore assoluto in campo artistico, religioso, culturale sia nelle città che nei piccoli centri e percorrerla è come attraversare duemila anni di storia lungo le miglia del suo lungo cammino. L’Appia può davvero servire a visualizzare la storia. A ritroso nel tempo, il documentario della durata dio 60 minuti, ripercorre tutte le tappe significative della storia della Provincia di Latina, dall’epoca romana alla bonifica di Pio VI, ricostruendone virtualmente le maggiori attrazioni storico-culturali. Grazie alla particolare cura posta nell’acquisizione dei dati, alla qualità delle immagini e alle tecnologie in 2 e 3D utilizzate, offre un prodotto ricco di comunicatività, creatività e originalità.

    Fonte Latina Notizie

    Capito come funziona? Noi che l’Appia ce l’abbiamo in pieno centro la disintegriamo con opere tanto imponenti quanto inutili e infinitamente costose, opere che poi andiamo a rattoppare con pezze di asfalto disseminato tra ciottoli e pietre ammucchiate alla meglio sul fondo stradale più costoso ed impraticabile che Cisterna abbia mai avuto.
    Gli altri ci fanno documentari di 60 minuti nei quali, a questo punto, sarei curioso di vedere come viene raccontato questo pezzo di Appia che attraversa la nostra cittadina…..

  75. Luana ha detto:

    Seguo le vicende su questo blog da poco tempo. Riguardo la vicenda “tres tabernae” vorrei restare informata anche grazie al vostro aiuto.
    Credo che questa questione debba essere portata avanti indipendentemente dal colore politico. E invito TUTTI a pensare attivamente ad una possibile “soluzione/alternativa” da presentare non solo agli organi che ci governano, ma anche alla popolazione tutta, per evitare che questa questione passi nel dimenticatoio.
    Cosa possiamo fare, noi semplici cittadini per tutelare questo Luogo???????
    Confido in un coinvolgimento ATTIVO e PROPOSITIVO di chiunque abbia un’idea per far si che questo diventi un sito archeologico di interesse turistico.

    Grazie

    • U79 ha detto:

      Vista la natura dell’argomento penso che noi cittadini possiamo fare ben poco, perché qui devono attivarsi le istituzioni, c’è poco da fare. Comunque ne butto li qualcuna, magari bislacca:
      1. Chiamare Striscia la notizia
      2. Provare, per chi ne è socio, a sensibilizzare il FAI (e comunque passerebbe sotto la sua gestione, ovvio)
      3. Istituire una raccolta fondi (C/C postale, SMS, 8 x mille,…) coordinata magari da un cominato
      4. Parlarne in giro a quante più persone possibile (non solo cisternesi)
      5. Offrirsi volontari per eventuali scavi archeologici (mi risulta che questa pratica esista) qualora ne dovessero partire in quell’area.

      Ribadisco quello che penso: se non si svegliano le istituzioni a tutti livelli, ed il comune deve essere il primo magari con appoggiandosi a strutture universitarie, Trs Tabernae rimarrà sempre un campo incolto.

      • Gabriele Paterlini ha detto:

        Ciao U79,

        Nell’ambito di valorizzazione culturale e promozione turistica dei siti archeologici e aree monumentali della provincia di Latina che vede il contributo della Provincia di Latina e della Regione Lazio….

        C’è chi con quei contributi ci ha fatto un documentario sulla strada Appia…..magari puoi aggiungere questo come 6° punto alla tua lista 😉

  76. cittadino infuriato ha detto:

    Gentilissimo sig.Belli,
    approfitto di questa sezione per esprimere tutta la mia rabbia,ormai trasformatasi in rassegnazione, per il rifacimento in data odierna della segnaletica stradale.
    Ho potuto notare che nella zona di piazza Caetani i posti auto sono stati ridotti, poichè in un vicolo le famiglie possiedono 14 auto per soli 6 posti appena disegnati sul manto stradale.
    Questo per dirle soltanto il dato apparente senza sottolineare le ore di attesa che ho dovuto trascorrere nella mia auto quando, sia la mattina che il pomeriggio (per non parlare delle mitiche feste di ferragosto e San Rocco) sono uscito (come tutti gli altri cittadini cisternesi) e ho trovato con la solita quotidianità tutti i posti auto occupati.
    In piazza Caetani,come nelle zone adiacenti, parcheggiano non solo residenti ma anche cittadini che si recano nei negozi,negli uffici pubblici e in chiesa per non parlare di chi ci lavora!
    Perchè, mi domando,debbono diminuire i posti auto?
    Per non parlare dell’ingresso in piazza Caetani (che ricordo essere esattamente sulle grotte) di tir o altri mezzi pesanti che secondo il buonsenso di chi li guida e anche secondo i relativi segnali stradali non possono transitarvi.
    E’ normale dunque che in una città grande come Cisterna ,che forse supererebbe anche Atene come numero di auto pro- abitante si debbano creare questi disagi enormi?
    Lascio a tutti i lettori l’interpretazione di quanto scritto e mi accingo, con molta pazienza ,finchè me ne rimane, a veder aumentare le ore di attesa sotto casa per aspettare che si liberi un posto (un mio diritto!!!!).
    Grazie per l’attenzione.

    • U79 ha detto:

      Dai che con i parcheggi multilivello che stanno preparando li vicino fra un po’ avrai l’imbarazzo della scelta.

    • Gabriele Paterlini ha detto:

      Caro cittadino infuriato,
      mal comune mezzo gaudio 😉
      Sto messo più o meno come Lei (forse peggio), altra zona, ma stesso problema.
      Un consiglio: cerchi di non adirarsi. L’urbanistica è un problema serio ed in tal senso il Comune ha delle responsabilità oggettive, ma infuriarsi tanto serve a poco se i cittadini stessi, per primi, ignorano quelle semplici regole di buon senso, regole scritte da nessuna parte, ma fondamentali per il quieto vivere.
      Lei ha atteso delle ore per parcheggiare…..io per non attendere delle ore vado a parcheggiare non proprio “sotto casa”….perchè sotto casa mia ci parcheggiano i vicini di casa!!!
      Ma va bene così, i miei vicini lo fanno per me, loro sono persone squisite, sono premurosi, sanno che camminare è salutare, camminare aiuta il metabolismo, serve a prevenire problemi articolari, di circolazione di invecchiamento.
      Così io rimango giovane ed arzillo mentre loro…… parcheggiano sotto casa mia!! 😉

    • Virghil ha detto:

      Gentile Cittadino infuriato

      Perche’ adirarsi cosi’ tanto ?

      Per mancanza di posti auto ?

      Faccia come si vede ogni giorno , lasci tranquillamente il suo mezzo a motore sui “marciapiedi ” del corso , preferibilmente nel tratto adiacente il giardino pubblico , la lasci pure in sosta in spazi pedonali , puo’ andar bene anche la doppia fila ed avra’ anche la tutela dei vigili di turno , che oltre a sorvergliarla altro non faranno !

      Ne’ sono l’esempio concreto , le numerose automobili che OGNI GIORNO sostano tranquillamente sotto i segnali di divieto e l’occhio vigile della polizia municipale.

  77. Kraquele ha detto:

    Grazie
    Saluti e buona serata di cuore

  78. webmaster ha detto:

    L’ordine sembra essere stato corretto. In testa il commento più vecchio e poi a seguire gli altri. Era la solita impostazione che mi auguro rimanga stabile.

  79. Kraquele ha detto:

    PERCHE’ LE E-MAIL NON SONO IN ORDINE DI ARRIVO?
    I DISCORSI SI CONFONDONO!!!!!
    E CHI HA TORTO SEMBRA AVER RAGIONE O VICE VERSA.
    BUONA GIORNATA DI CUORE

  80. U79 ha detto:

    Salve mi avvalgo dello spazio di “lavori pubblici” per segnalare una cosetta che poi proprio un piccolissimo lavoro pubblico è.

    In occasione della processione di San Francesco, che riguarda un grossa fetta dello strato sociale cisternese e a cui ho visto partecipare anche il sindaco Merolla e Don Giancarlo (potere temporale e spirituale di Cisterna, se rispettivamente fate voi), salendo per via Bernini da via Nettuno si poteva notare una forma di “disservizio”.

    Un autentico cono d’ombra, generato da una lampadina fulminata in un lampione, che non illuminava la strada nel tratto sottostante. Si dirà: magari nessuno ha avvisato chi di competenza. Ho preso le mie informazioni ed ho saputo che: 1. dai residenti è stato segnalato il disservizio una gran quantità di volte dal giorno post elezioni ad oggi (quindi parliamo di mesi) 2. A quanto pare la lampadina è stata sostituita più e più volte ed il problema sembra essere a monte, cioè nel vecchio braccio che la sostiene.
    A queste informazioni che già di per se sono allarmanti, aggiungo delle considerazioni: vedendo gli avvisi che intimavano di non parcheggiare le automobili lungo la via e supponendo che una “ricognizione” dei vigili urbani sia stata fatta preventivamente mi stupisce che nessuno abbia notato la cosa. Sta di fatto che in quel tratto il Santo è passato al buio e, mentre Lui, li ci sta circa 5 secondi l’anno, c’è gente che ha la strada non illuminata per tutti i 365 giorni che lo compongono. Gente che ha cancelli facilmente valicabili, persone che immagino saranno preoccupate anche sentendo del caso cerciabella (altrimenti non avrebbero segnalato la cosa n volte, 7?8?).
    Ora che ci è passato anche il sindaco comunque, che sicuramente non potrà non aver notato la cosa, penso proprio che il problema si risolverà in breve tempo.

    Aggiungo una cosa: come molte persone che componevano il corteo della processione, noto come sempre che Cisterna ha alcuni monumenti di grande valore che però non tutti conoscono, ma che spero siano tutelati come meritano.
    Sto riferendomi ad una enorme quercia che si trova sempre in via Bernini, penso il più antico albero presente nei pressi del centro cittadino la cui età è nell’ordine di “secoli”. Mi è capitato di vederla più volte anche di giorno e lo spettacolo della sua imponenza è meraviglioso. Che io sappia la sua cura, la potatura che generalmente piante come questa richiedono quando dei palazzi invadono il loro spazio, e la rimozione del fogliame che perde in inverno è a carico dei privati che sostengono un lodevole sforzo. Auspicando che continuino così, spero anche che le istituzioni facciano il possibile per tutelare uno dei più bei monumenti naturali del territorio cisternese, di quelli che hanno visto la Storia di questa terra, probabilmente più di Palazzo Caetani e forse quanto Ninfa. Qualcuno sa qualcosa in merito?

  81. Virghil ha detto:

    Ebbene , eccomi di nuovo tra’ voi , dopo una breve pausa .

    Nel blog non mi sembra che ci siano state grosse novita’ , come d’altronde nella vita politica cittadina ( a quanto pare ) .

    Leggo pero’ con piacevole sorpresa , l’intervento di Luciano Chiarucci , che come ben sappiamo , e’ stato piu’ volte consigliere comunale ricoprendo incarichi di assessore .

    Di Luciano Chiarucci di certo non condivido le sue scelte politiche ma , da comune cittadino posso senza dubbio riconoscergli la disponibilita’ al confronto e al dialogo con i cittadini .

    A differenza , E’ BENE RIBADIRLO , di un certo sindaco che si e’ sempre ben distinto con i suoi atteggiamenti arroganti da satrapo assoluto .

    Atteggiamenti piu’consoni ad una democrazia di stampo sud -americano puttosto che ad una democrazia occidentale , ….indicativa in tal senso , la sua violenta reazione nei confronti del sottoscritto che poneva una semplice e legittima domanda in occasione ( o meglio strumentalizzazione pre-elettorale ) della apertura al pubblico del cantiere nei pressi dell’ex Nalco .

    In tale occasione ci fu’ perfino il celere intervento , del “glorioso” corpo dei vigili urbani , che con solerzia tutta manzoniana non perse tempo ad usare un tipico comportamento da ” BRAVI ” sgherri , al servizio del don Rodrigo della pianura pontina .

    Scrivo cio’ semplicemente per affermare che , nonostante le critiche siano state decisamente piu’ aggressive nei confronti dell’ex consigliere Luciano Chiarucci , quest’ultimo non ha MAI evitato il confronto , ne’ tantomeno facendo ricorso a metodi piu’ che discutibili , per evitare il confronto e il dialogo con il comune cittadino .

    Inoltre , in tema di lavori pubblici , non mi pare che abbia dimostrato indifferenza , anzi per fare un esempio oltre alla questione dell’area archeologica , e’ stato l’unico cittadino a chiedere spiegazioni in merito all’assurda e inqualificabile gestione della sosta a tempo nel parcheggio dell’area commerciale Lamitex ( zona S. Antonio sede della banca S. Paolo ) . Area commerciale riconducibile ad un attuale consigliere comunale di magioranza !

    ….Credo che Luciano Chiarucci , non avra’ fatto fatica a riconoscere uno dei cittadini che piu’ lo abbiano tampinato durante il suo esercizio di consigliere comunale , pertanto non posso che dare il mio personale benvenuto nel blog cittadino .

  82. Gabriele Paterlini ha detto:

    rassegna stampa del 30/09/2009

    http://www.comune.cisterna-di-latina.latina.it/intranet/rass/30_set_09.pdf

    pagine 5 – 10 – 14 – 15

    Ho un tarlo che mi ronza nella testa, sicuramente non scopro l’acqua calda….mah!! Boh!!!!
    Vabbè, il sasso l’ho lanciato, domanda:
    – c’è qualcuno tra i lettori che può spiegare quale tipo di introito può garantire una società sportiva?

    Cordiali saluti,
    Gabriele Paterlini

    • U79 ha detto:

      La domanda mi sorge spontanea: per il costruendo palazzetto dello sport, oltre che per il restaurando stadio Bartolani e, perché no, la scuola che stanno costruendo vicino Olivieri…stanno prevedendo un impianti antincendio a norma??

      Una società sportiva, a livello locale soprattutto, non crea ovviamente introiti di rilievo, a meno che non si colleghino alla sua attività delle iniziative di sponsorizzazione, promozione, pagamento di biglietti che, oltre a contribuire al suo sostentamento (insieme alle quote associative ovviamente), portino fondi per manutere le strutture che le ospitano. Questi ultimi denari sarebbero soldi risparmiati da parte della proprietà della struttura e, se questa è il comune, dalla collettività.

      Se poi vogliamo dire che delle strutture sportive ci si interessa poco perché costituiscono prettamente una spesa e difficilmente ci si può guadagnare sopra…

      • Gabriele Paterlini ha detto:

        No U79, non intendo proprio quello….. la mia domanda è “leggermente” più maligna!
        Ma forse è meglio troncare il discorso sul nascere. Tanto sarebbe fine a se stesso e porterebbe a scoprire l’acqua calda….appunto, e con quest’ultima, lo dico a scanso di equivoci, non mi riferisco affatto al tuo intervento.

        Saluti,
        Gabriele

  83. Kraquele ha detto:

    Luciano ,
    non fare il saccente , il fine comune e’ lo stesso, riportare Cisterna a splendere con le sue eccellenze un po’ annebbiate. la tua ironia non serve a nessuno, ci sono persone che ne sanno molto piu’ di te e me messi insieme o no?.
    Credo sia il momento di farla finita con le critiche. Non a tutti interessa la storia , ai piu’ interessa la notte bianca e la festa di S. Rocco senza offesa x alcuno pero’ e’ cosi’, e dovresti saperlo bene visto che la vita di palazzo l’hai vissuta, e che, accontentare tutti e’ impossibile per lo meno
    contemporaneamente. Cerchero’ i libri e ti faro’ sapere tra queste righe.
    Una buona giornata di cuore

  84. Kraquele ha detto:

    Per Luciano Chiarucci

    Finalmente si risponde ai tanti quesiti che noi cittadini
    poniamo perche’ possiamo conoscere alcuni fatti solo tramite i trafiletti dei giornali e mai dai diretti interessati.
    Non ho posto nessuna questione tra te e il sindaco , ma tra te e Carturan, non ho detto che non hai lavorato in comune sia da assessore che da consigliere, conosco molto bene la tua storia, ma mi e’ sembrato che le accuse sono state fatte a posteriori e non durante . e il fatto di essere “resuscitato” era solo una metafora rivolta proprio al tempo passato. non serviva a me tutta la tua storia ma a qualche altra persona, . Io Cisterna non l’ho mai consegnata a chi non la ama e faccio gia’ parte delle persone che amano il ns territorio e libri su Cisterna ne ho da vendere, e il libro di Carturan l’ho letto per pura curiosita’.
    Un giorno quando mi andra’ mi rivelero’ e ritroverai in me una persona tua amica. Grazie x l’invito per far parte ,senza politica , dei cisternesi rispettosi del loro territorio.
    Posso chiederti quale sono i libri che Carturan non ha mai voluto ristampare o acquistare? hai visto mai che l’unione fa la forza?
    Anche per me BOIA CHI MOLLA e non solo per la cultura….
    Buon proseguimento di giornata di vero cuore

    • luciano chiarucci ha detto:

      Per krachele ed U79
      Vi consiglio “La terra di Cisterna e le sue Chiese” 1992 di Don Fernando De Mei reperibile presso la Chiesa S. Maria Assunta di Cisterna ( ne avevo consigliato l’acquisto per distribuirle alle bibbliot. scolastiche e non solo) avevo dato la mia disponibilità a Don Giancarlo ma mi sono sentito rispondere che non c’erano i fondi per l’acquisto (poi sono stati spesi 170.000 euro per l’estate cisternese).
      Altro libro ” Yo non voglio …… la Cisterna” di Lucia Ployer Mione stampato nel 1995 chiesi di verificare se era possibile acquistare alcune copie (stessa risposta ).
      Stranamente si reperirono poi dei soldi per la Notte bianca.
      L’unica ristampa che mi è stata concessa “Il palazzo Caetani di Cisterna ” 1994 di Antonio Sciarretta prettamente dedicato alla storia del Palazzo.
      Ce ne sono altri ma tanto per iniziare………….poi se ne avete voi da consigliare ve ne sarei grato.

      Sapevate che nel 307 d.c. a Tres Tabernae venne ucciso l’imperatore romano SEVERO FLACCO VALERIO a seguito di un’imboscata tesagli da Massenzio ?
      Buona serata.

  85. maurizio prosperi ha detto:

    Ritornando sul problema del sito archeologioco di tres tabernae o tres tabernas, una domanda mi viene spontanea , ma dove sono finiti tutti i reperti che erano nella biblioteca , erano custoditi in apposite vetrine c’era di tutto , monili, monete, terracotte, vasellame vario , oggetti di ogni specie , anche dei mosaici .
    e le vetrine non erano cosi piccole da ” viaggio” ma vetrine di una certa consistenza e si trovavano nella prima stanza all’ingresso della biblioteca dove ora c’e il caffe’ letterario.
    e nessuno parla di questo, neanche l’archeoclub.

    COMUNQUE RIMANE UN FATTO CULTURALE VERGOGNOSO
    Maurizio Prosperi

    • U79 ha detto:

      Palazzo Caetani, salendo al piano del museo del buttero, appena salite le scale sulla destra (in direzione opposta al museo insomma) sono sistemati dei reperti archeologici e, se non ricordo male, dei pannelli informativi.

      Che io abbia sentito dire comunque molti reperti archeologici del territorio cisternese e limitrofo è stato “trafugato” da tombaroli più o meno professionisti, gente comune ad esempio che si è imbattutta in qualcosa di interesse e se lo tiene gelosamente a casa o l’ha venduto.

  86. elleci ha detto:

    lavori pubblici

  87. Kraquele ha detto:

    sono d’accordo nel valorizzare il ns sito archeolgico, il sindaco lo conosce bene perche’ e sempre stato attivo nelle varie associazioni di Cisterna culturali e non, e credo che sara’ nel suo programma di governo la risoluzione del problema, ma una domanda mi gira nella testa da un po’ di tempo da quando chiarucci e risuscitato con le sue accuse , non sa fare di meglio, ma lui dove era quando governava con Carturan ? quando era assessore ? quando COMANDAVA? io lo vorrei proprio sapere si predica bene e razzola male?
    B uona giornata di cuore

    • Gabriele Paterlini ha detto:

      Senza nulla togliere alle capacità del Sindaco Merolla e a quelle del suo entourage, c’è un Consigliere tra le fila dell’opposizione che sull’argomento specifico, oltre che esserne tremendamente appassionato, ne sa davvero molte, ma tante.
      E’ cultore ed esperto della storia di Roma, dell’Impero Romano ed ha condotto ricerche autorevoli sui legami storici tra la civiltà Romana ed il ns. territorio, nello specifico proprio quello di Tres Tabernae.
      Sto parlando del consigliere Alfio Cicchitti.
      Parer mio si intende, ma ritengo che per valorizzare “anche” il sito archeologico di Tres Tabernae, la maggioranza di Governo farebbe bene ad scoltare il suo parere e le sue idee in merito.
      Sarebbe certamente un caso di prestigiosa e proficua collaborazione amministrativa.

      Cordiali saluti,
      Gabriele Paterlini

    • luciano chiarucci ha detto:

      Cara Kraquele,
      pur seguendo da tempo questo sito e i e i dibattiti su i vari problemi della vita cittadina che di volta si proponevano ho sempre evitato di intervenire
      non per mancanza di rispetto o per scarsa considerazione ma per non correre il corso il rischio di essere frainteso in virtu’ della mia militanza politica.
      Sono costretto in questo momento perchè chiamato in causa.
      Premetto che le mie accuse non erano rivolte al Sindaco
      attuale, di cui apprezzo l’interessamento e come ben
      specificato nell’interviste rilasciate.
      Ti premetto, così sgombriamo il campo da qualsiasi pregiudizio se qualora vi fosse, che il suscritto non ha nulla di personale nei confronti del Sindaco Merolla persona sempre stimata ed apprezzata anche quando ho avuto occasione di collaborare con Lui nell’Amministrazione Salvatori.
      Non aggiungo altro di positivo perche sareì costretto a fare dei riferimenti che appartengono alla vita privata di ciascuno di noi.
      Mi dispiace che Lei dica che io sia “resuscitato con le accuse (grazie a DIO non sono ancora morto)……… quando governavo con Carturan ecc ecc. ”
      Forse Lei è una persona distratta.
      Quello che dico adesso lo dicevo anche prima e durante
      l’Amministrazione Carturan e SALVATORI in qualità di Consigliere Comunale e anche come semplice cittadino. Ci sono decine di interviste e filmati che testimoniano il mio impegno nei confronti della cultura Cisternese ed in particolare dell’ ARGHEOLOGIA sul nostro territorio.
      Come, e mi rivolgo al SINDACO MEROLLA, di ritrovamenti importanti che bisogna tacere per non metterne a rischio
      il risultato finale.
      Lei sà che se oggi c’è un regolamento sulla CORSA ALL’ANELLO approvato in Consiglio Comunale lo deve al sottoscritto ? Purtroppo quest’anno per “mancanza di fondi” non si è tenuta la Corsa in divisa da buttari (mi risulta che il Sindaco Merolla abbia apprezzato il mio lavoro)
      Si è mai chiesta perchè l’allora Sindaco Carturan mi ha tolto la delega di Assessore alla Cultura ?
      Le ricordo anche che nei pochi mesi del mio assessorato (senza far spendere soldi all’Amministrazione) per una settimana abbiamo avuto una Mostra storica sul Calcio
      Convegni nelle scuole con la presenza del pugile
      medaglia di bronzo alle olimpiadi ed esposizione della COPPA DEL MONDO DI CALCIO (mondiali di calcio 2006)
      con un’affluenza di cittadini provenienti da tutta la provincia stimata in migliaia di persone.
      Non la voglio annoiare con altre cose da me relizzate a fatica in una Amministrazione dove si PENSAVA SOLO COME FAR COSTRUIRE (combattere con chi ha interessi diversi è sempre stato difficile) .
      Fare accuse ecc……….. mi permetta di darLe un consiglio difenda, come faccio io ed altri (di varie estrazioni politiche Cippitani, Prosperi, Borgetti, De Bonis…) quel sito ed altri siti importanti a Cisterna non per un interese politico (le elezioni sono lontanissime) ma per amore di questo territorio bistrattato e offeso fermo alla cultura del Buttaro e alla vittoria su Bufalo Bill.
      Se Lei ritiene di aggiungersi a quel gruppo di persone
      (non siamo mai abbastanza) su scritte io le sarò molto grado perchè entrerà a far parte di coloro che
      “PRENDONO IN CONSEGNA QUESTO TERRITORIO DAI PADRI E LO DIFENDONO PER CONSEGNARLO AI PROPRI FIGLI”. Se poi vorrà le potrò consigliare la lettura di qualche libro che parla del ns territorio e che purtroppo Carturan non ha mai voluto ristampare o acquistare
      SE POI CARTURAN MI VORRA’ SMENTIRE SONO SEMPRE DISPONIBILE…………. AL LIMITE PER PUNIZIONE MI FARA’ RILEGGERE IL LIBRO QUELLO DOVE LUI E’ CON L’ASINO.

      Un saluto a tutti e mi permetta un BOIA CHI MOLLA ………sull’archeologia a Cisterna
      Luciano Chiarucci

      • U79 ha detto:

        “Se poi vorrà le potrò consigliare la lettura di qualche libro che parla del ns territorio” …mi intrometto…io penso che sarebbe bene consigliarli qui: più gente conosce, più si può difendere e diffondere questo tipo di cultura…

      • Gabriele Paterlini ha detto:

        Interessante anche “l’appello” di Maurizio Cippitani, pagina 6 della rassegna stampa odierna .

        Domanda: ma se “solamente” in questa sessione abbiamo messo insieme delle civilissime proteste con rishieste di risarcimenti per opere OGGETTIVAMENTE incompiute e/o mal gestite tipo lo scempio dei sanpietrini e, non ultimo per importanza, questo del sito archeologico (senza considerare altri casi di SCOTTANTE attualità….), ma a quanto ammonterà mai ‘sto bendetto’ IPOTETICO risarcimento GLOBALE che la precedente amministazione dovrebbe quanto meno considerare? Di che cifre stiamo parlando?
        Chi troverà il coraggio di comunicarlo ai cittadini (ammesso che qualcuno vorrà mai farlo per davvero)?

        Saluti,
        Gabriele Paterlini

  88. GMB ha detto:

    A proposito di beni culturali consiglio la visione dell’inchiesta di Riccardo Jacona “Oro buttato” andata in onda ieri sera.

    http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-f10cea7e-5374-4f4a-9cde-01cedee93c5a.html

  89. Gabriele Paterlini ha detto:

    Visto che la stampa è al servizio del Cittadino, mi permetto di riportare qui il link della rassegna stampa presente sul sito del Comune di Cisterna di Latina.

    Ovviamente, essendo questo area del blog dedicata ai lavori pubblici, l’intento è giusto quello di dare risalto all’abbandono, che sembra essere totale, dei lavori di ricerca e di scavo della zona “Tres Tabernae”.

    Qui oltre al danno si rischia la beffa perchè oltre ai soldi già spesi fino ad ora, si rischia che vadano perduti reperti di inestimabile valore artistico/culturale.

    Buona letura….

    Tres Tabernae abbandonata….

    • U79 ha detto:

      Io sono stato uno dei pochi a vedere con il mio povero padre il sito quando a suo tempo fu “dissotterrato” per una iniziativa se non ricordo male della FAI. Sentivo di essere in un posto importante, dove c’erano le origini della nostra terra e forse ancora più importante lo era per papà che a Cisterna c’era nato ed amava la storia.
      Proprio per queste ragioni e perché condivido assolutamente il punto di vista di Chiarucci più di qualche volta ho speso l’argomento su questo blog e io dico che dobbiamo chiederci per quale motivo, tra tutti i soldi spesi per fare tante cose (più o meno bene più o meno condivisibili) non è stato MAI MAI MAI SPESO UN EURO in direzione della valorizzazione del sito archeologico. Altrove ci sono comunità che ci campano su queste risorse: ristorazione, ospitalità, “merchandising”, editoria… Qui non stiamo parlando di fiorellini, di ciliegine sulla torta, ma di qualcosa che può cambiare la nostra economia, renderla meno permeabile agli sbalzi di umore delle multinazionali che stanziano dalle notre parti. Che che se ne dica io, come penso molti di voi, questa estate sono stato in località turistiche e non una ne ho vista che aveva ristoranti e alberghi vuoti…in più parliamo di qualcosa che può viaggiare sulla portante del successo che ogni anno riscuote la non lontana e “concittadina” Ninfa.
      Vogliamo capire che questi non sono soldi a perdere ma autentici investimenti che possono avere un ritorno enorme?!
      SVEGLIA!

  90. U79 ha detto:

    Mi associo a Gabrile nel richiedere chiarezza in merito alla questione sollevata e, aggiungo: se questa gente, come penso io, la mano sulla coscenza non se la metterà mai spero che nel portafoglio ce la metta il nuovo governo cittadino, appena superato il terremoto attualmente in corso.

    Condivido purtroppo le considerazioni di Angelo sulla netta differenza tra mondo ideale e reale. Il prospetto sarebbe un inizio cmq…e se questo blog si facesse mezzo per stilare un prospetto “parallelo” (ma anche per realizzare una cronostoria, con tanto di nomi e cifre, per lo meno dei 4 maggiori cantieri in corso: Ground Zero, la Piscina, il Palazzetto ancora non agibile, e lo stadio) potrebbe dare un buon contributo, seppur con il rischio di creare confusione.

  91. Angelo Sirgiacco ha detto:

    Il prospetto di cui parla Franco, se non pubblicato sul sito del Comune di Cisterna, potrebbe comunque essere pubblicato proprio su questo sito Cisternaonline.net e tenuto aggiornato anche grazie alla collaborazione dei cittadini.

    Per rispondere a Franco: purtroppo non viviamo in un mondo ideale ma in un mondo reale in cui le più grosse corruzioni e concussioni del mondo politico avvengono proprio negli appalti pubblici.
    Non credo che basti un prospetto online a bloccare questo tipo di crimine.

    • Franco ha detto:

      Sicuramente un “prospetto” non può bloccare i crimini di cui parli, ma può essere un deterrente e soprattutto può contribuire ad informare maggiormente i cittadini sull’operato dei responsabili dell’amministrazione.
      I cittadini possono avere quindi più elementi da prendere in considerazione quando andranno nuovamente a votare.

  92. Gabriele Paterlini ha detto:

    Era da tempo che attendevo un’occasione valida per riproporre un quesito al ns. Sindaco su una questione che credo sia di interesse comune.
    Il Sig. Franco con il suo post (sul contenuto del quale mi trovo assolutamente d’accordo) mi da il “pretesto” valido per porre nuovamente in evidenza (a tal proposito ho già scritto un appello nel blog del Sindaco qualche mese fa….) un altro grosso, gravoso e costosissimo problema per la cittadinanza tutta:

    – quanto è costato il rifacimento del manto stradale del Corso della Repubblica (leggasi anche strada APPIA!!!) quando l’asfalto venne sostituito con i “sanpietrini”?

    – quanto è costato il 2° rifacimento di alcuni tratti dello stesso Corso della Repubblica?

    – dopo tutti i soldi spesi per i lavori di cui sopra (evidentemente si parla di una cifra con una coda di zeri molto lunga…..) chi è che ha avuto la brillantissima idea di sostituire nuovamente i sanpietrini con delle toppe di asfalto (tanto valeva lasciare quello vecchio 😦 )

    – di chi è la colpa di quanto accaduto? del progettista? Delle ditte appaltatrici? Della qualità dei materiali? Della qualità della mano d’opera……o delle acque reflue che passerebbero appena sotto il manto stradale come “simpaticamente” ipotizzato da alcuni tecnici del comune?

    Ma soprattutto, chi pagherà ora per risanare quel disastro?
    Pagherà il progettista? Pagherà/nno la/e ditta/e che ha eseguito i lavori?…..Oppure pagherà la cittadinanza?

    So che trattasi di lavori approvati ed iniziati dalla precedente giunta……e che probabilmente non competono per responsabilità alla nuova giunta comunale, però RIpropongo l’appello al Sig. Sindaco ad affrontare il problema cercando di far trasparire le responsabiltà oggettive di chi ha prodotto quello scempio sperando che una volta tanto “sta gente” si metta una mano sulla coscenza…..ed una sul portafoglio!!

    Ben venga dunque il “monitoraggio dei lavori”, ma che si faccia chiarezza, una volta tanto, anche sulle responsabilità di chi certi lavori li ha fatti male, riparati peggio e finiti indegnamente!

    Cordiali saluti,
    Gabriele Paterlini

  93. U79 ha detto:

    Mi associo a Franco in ogni parola

  94. Franco ha detto:

    “MONITORAGGIO DEI LAVORI”

    Ho constatato con amarezza che alcune importanti problematiche inerenti gli appalti di opere di primaria necessità per la nostra città, dopo alcuni brevi “lampi” di interesse, vengano “inevitabilmente”riposte nel cassetto.

    E’ possibile che un onesto cittadino solo attraverso “voci di corridoio” possa sapere (o meglio ipotizzare) le cause che impediscono l’utilizzo, il completamento o addirittura la realizzazione di alcune infrastrutture essenziali per la propria città?

    Mi spiego meglio: il palazzetto dello sport del quartiere San Valentino è pronto da oltre 1 anno, perchè non viene utilizzato? E lo Stadio Bartolani? Il nuovo Mega-Palazzetto in zona Ex-Nalco? E le “buche” in centro?

    In un mondo ideale, vorrei avere a disposizione sul sito del comune di Cisterna, un prospetto (aggiornato frequentemente) che illustri lo stato di avanzamento di tutti i lavori dati in appalto, con almeno l’evidenza della data di consegna prevista, dello stato attuale dei lavori (“in linea con quanto pianificato”- “in ritardo di xx giorni con quanto pianificato”, etc.) e delle CAUSE che stanno modificando il piano dei lavori.

    Questo strumento, se messo a disposizione di tutti i cittadini, sarebbe una chiara manifestazione di “trasparenza” dell’operato dell’amministrazione.

    Chiedo troppo???

    Cordiali saluti
    Franco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...