Assemblea pubblica di Confindustria Latina, le parole di Squinzi e Tajani a Fossanova Il Presidente Paolo Marini: “Nessuno può rimanere immobile”

​Si è conclusa l’Assemblea pubblica di Confindustria Latina, la prima della presidenza Marini. Alcuni elementi di novità, ma tante conferme, come la nutrita partecipazione delle aziende associate e delle numerose autorità e la presenza del presidente nazionale di Confindustria, Giorgio Squinzi, patron della Mapei, che proprio a Latina ha uno stabilimento produttivo.
Sul palco, dopo i saluti di benvenuto per il Comune di Priverno dell’Assessore Miccinilli, ha aperto l’assise annuale il presidente degli Industriali di Latina, Paolo Marini, cui si sono susseguiti il presidente della Provincia di Latina Armando Cusani, il presidente di Confindustria Lazio Aurelio Regina, il Vice Presidente della Commissione Europea Antonio Tajani e infine il presidente Giorgio Squinzi.
​”Il periodo che stiamo vivendo, sotto l’ aspetto dell’ economia, è sicuramente uno dei più difficili dal momento della costituzione della nostra provincia – così il presidente di Confindustria Latina, Paolo Marini – ma non dobbiamo dimenticarci la forza, la potenzialità e le eccellenze di questo territorio. Nessuno ha la ricetta giusta per uscire dalla crisi, ma non possiamo perdere tempo o permetterci il lusso di rimanere immobili. Io sono fiducioso che da questa condizione se ne uscirà con coraggio e con audacia. E soprattutto insieme. La capacità e l’esperienza delle donne e degli uomini del nostro territorio – conclude il numero uno degli Industriali pontini – è attualmente il principale motivo per cui molte aziende mantengono qui i loro investimenti, ma il nostro sistema produttivo ha bisogno di investimenti sull’innovazione e la ricerca: la strada per il futuro del nostro sviluppo è questa, ed è chiaro che dobbiamo percorrerla insieme, con tutti gli attori, attraverso un dialogo costruttivo con le istituzioni, con le parti sociali e con tutti gli imprenditori.”

Sulla stessa linea anche il presidente Giorgio Squinzi: “L’ Italia ha le potenzialità per tornare a crescere, e Confindustria è pronta a fare la sua parte, non ci tireremo indietro. Vogliamo che partiti politici e parti sociali abbiano la stessa disponibilità e lungimiranza. O ci muoviamo tutti nella stessa direzione o sarà il Paese a non farcela.”

Annunci

Informazioni su Redazione

street reporter
Questa voce è stata pubblicata in Cronaca, Lavoro, Persone, Società. Contrassegna il permalink.