Vita da ex

Leggo sull’Espresso alcune situazioni relative agli ex ministri del governo Berlusconi.
Questa riguarda un ex che Cisterna conosce bene: Renato Brunetta

…..omissis …Non riesce proprio a farsene una ragione. Eppure glielo hanno detto in tutti i modi. Ma Renato Brunetta, ex ministro per la Pubblica Amministrazione, non si dà pace: lui, nel cuore, si considera ancora un ministro della Repubblica. Il governo dei tecnici? Gente senza mandato elettorale, poco meno di meri usurpatori. Così in Parlamento lo si vede ancora oggi andare in giro per le commissioni con enormi e inutili faldoni accatastati l’uno sull’altro, come quando era ministro. Molto nervoso (pochi giorni fa, in commissione alla Camera, è stato autore di un’incredibile sceneggiata contro i suoi successori), soffre ancora di più nel vedere sfilare l’odiato ex collega Giulio Tremonti in tivù a presentare il suo nuovo libro che occhieggia a sinistra.

Ma non c’è solo Brunetta, naturalmente. Buona parte della classe dirigente del Pdl ha vissuto malissimo il trasloco dai palazzi del potere. Nei corridoi, ‘off record,’ ti parlano di crisi isteriche, di depressioni e di calmanti. Tutto smentito, ovviamente, nelle dichiarazioni ufficiali. Vediamo comunque com’è la situazione.
….Omissis…..
La foto postata è stata da me scattata a Cisterna-aula consiliare- durante una sua visita. L’altro è l’allora sindaco Mauro Carturan

20120621-200548.jpg

Annunci

Informazioni su Redazione

street reporter
Questa voce è stata pubblicata in Curiosità, Persone e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a Vita da ex

  1. Jack ha detto:

    Tutto questo fa sì che io debba votare il tuo movimento di non associati politici? Voi non siete NEMMENO UN PARTITO. Non lo dici sempre come una poesia di Natale? Il Meetup è una BACHECA su un sito internet! FAI PARTE DI UNA BACHECA. Grillo probabilmente non conosce la realtà dell 99,9% dei comuni sul nostro territorio, e ti toglie la parola QUANDO VUOLE. DIMOSTRAMI GIURIDICAMENTE IL CONTRARIO! QUESTO VOGLIO SAPERE. Non la demagogia e cattivoni. Tu credi che se si presentasse un imprenditore forte che porta voti e Grillo acconsente, il “meetup” sarebbe collegialmente in grado di opporsi? Io spero che te non capisca, perchè altrimenti è GRAVISSIMO. I famosi cittadini sono persone stufe, certo, della politica, alla ricerca però del solito leader carismatico. Che ha pieni e TOTALI poteri. Sul Financial Time è stato definito il nuovo Mussolini. Io non voto un movimento ANTIDEMOCRATICO che rappresenta un MARCHIO REGISTRATO di un tizio! Che da solo butta fuori attivisti. Fra un po’ vi dirà pure quale sarà il vostro saluto.

    • Virghil ha detto:

      ***“”Tutto questo fa sì che io debba votare il tuo movimento di non associati politici? Voi non siete NEMMENO UN PARTITO. Non lo dici sempre come una poesia di Natale? Il Meetup è una BACHECA su un sito internet! FAI PARTE DI UNA BACHECA.”””***
      Intanto nessuno viene obbligato a votare il M5S tantomeno te, pertanto e’ inutile che ti scaldi tanto, dando perfino l’impressione che ti stiano perseguitando quelli del M5S.
      Stattene pure tranquillo che come al solito tra le diverse liste dei soliti partiti ,anche sottoforma di liste civiche non avrai che l’imbarazzo della scelta.
      Il meet up,nonostante la tua falsa e deviante convinzione, puo’ anche rimanere una semplice bacheca dove viene evidenziato cio’ che l’informazione non dice, dove vengono segnalate le anomalie e i problemi derivanti da indifferenza e incapacita’ dimostrandosi comunque a lungo andare, strumento fastidioso e sgradito per piu’ di qualche politico. In seguito, come si verifica in tante zone d’Italia,se alla bacheca segue l’interesse dei cittadini il meet up si materializza concretamente,dando l’avvio alle diverse proposte decise collettivamente.

      **“”Grillo probabilmente non conosce la realtà dell 99,9% dei comuni sul nostro territorio, e ti toglie la parola QUANDO VUOLE. DIMOSTRAMI GIURIDICAMENTE IL CONTRARIO! QUESTO VOGLIO SAPERE.””**
      Gia’ prima della tua affermazione avevo sostenuto che Grillo non conosce la realta’ dei territori dove sono presenti i meet up, ed e’ per questo che le candidature non vengono decise da Grillo bensi’ dai componenti del meet up locale. Il fatto che Grillo non abbia mai interferito in nessuna lista di candidati stabiliti dai meet up locali ne e’ la dimostrazione, che poi impedisca la parola come falsamente affermi, la tesi e’ del tutto campata in aria ed usata come facile strumentalizzazione portando come esempio l’esclusione e l’allontanamento del sig. Tavolazzi (strano che tu non l’abbia fatto), senza aver il buon senso di informarsi su come sia andata realmente la vicenda.

      **“”Tu credi che se si presentasse un imprenditore forte che porta voti e Grillo acconsente, il “meetup” sarebbe collegialmente in grado di opporsi?””**

      Sia che si presenti un imprenditore sia che si presenti un precario, la decisione e’ di competenza del meet up,ossia dei componenti che lo costituiscono. La decisione non sara’ mai di Grillo, ed anche gli stessi regolamenti vigenti nel M5s sono stati decisi con incontri pubblici, uno dei primi fu’ la cosiddetta carta di Firenze, a cui fece seguito il NON STATUTO. Ogni decisione non e’ stata presa dai vertici (che non esistono) come di norma avviene per i partiti, ma tu rimani pure convinto che il male assoluto sia costituito dal M5S, nessuno ti fara’ cambiare idea.

      **“”Io non voto un movimento ANTIDEMOCRATICO che rappresenta un MARCHIO REGISTRATO di un tizio! Che da solo butta fuori attivisti. Fra un po’ vi dirà pure quale sarà il vostro saluto. “”**

      Nessuno del M5S ti costringera’ a cambiare idea, potrai scegliere in modo autonomo per chi votare, potrai sceglierti un partito democratico senza alcun marchio e senza alcun leader che si guardera’ bene dal prendere soldi pubblici per finanziarsi , rinunciando fin da subito a qualunque privilegio. E soprattutto, a differenza del M5S che ti infastidisce cosi tanto, potrai formulare allo stesso modo i tuoi dubbi e le tue certezze avendo la sicurezza di una e piu’ risposte, sono noti infatti i partiti che fanno politica con esperienza , per la loro predisposizione al dialogo e al confronto con tutti i cittadini .
      A differenza dei meet up e dello stesso M5S ,starne pure certo, troverai disponibilita’ e tolleranza specie se farai notare le anomalie (caso mai ne trovassi qualcuna) con le quali si contraddistinguono, come la presenza di veterani della politica o addirittura pregiudicati o indiziati di ogni tipo. La conferma ti viene persino data dall’autorevole Financial Time, la prossima volta non avere dubbi su chi dovrai votare,la scheda sara’ piena di partiti onesti e trasparenti con candidati non imposti e liberamente scelti tra la base.
      Un esempio di democrazia e disponibilita’ al confronto, lo e’ stato proprio l’ex ministro di adozione cisternense ed anche suo cognato ne’ avra’ seguito l’esempio vista la stessa disponibilita’,tutt’altro rango …….mica come quelli del M5S!!!

      • Jack ha detto:

        Vabbè, comincio a convincermi che dici sul serio, lo spero. Almeno lo fai in buona fede. Peccato che non ti vedo preparato.
        “Il meet up,nonostante la tua falsa e deviante convinzione, puo’ anche rimanere una semplice bacheca ”

        prima dici che è deviante quello che dico poi lo affermi che non ha valore il meetup. Idee chiare…

        “Gia’ prima della tua affermazione avevo sostenuto che Grillo non conosce la realta’ dei territori dove sono presenti i meet up, ed e’ per questo che le candidature non vengono decise da Grillo bensi’ dai componenti del meet up locale.”

        Tavolazzi è stato fatto fuori da Grillo e solo da lui, i grillini non erano d’accordo. Era il primo caso di un grande comune, sotto la lente di ingrandimento per la novità, per gli scandali del comune, e per il terremoto. E siamo già a due belle figure. E ti ho chiesto gli aspetti giuridici, e non hai risposto. Quindi o non li sai o li nascondi. Te li ho detti io i tuoi diritti comunque. Non li hai.

        “Sia che si presenti un imprenditore sia che si presenti un precario, la decisione e’ di competenza del meet up,ossia dei componenti che lo costituiscono.” NON E’ VERO.
        Sai leggere? Prova:

        “In occasione ed in preparazione di consultazioni elettorali su base nazionale, regionale o comunale, il MoVimento 5 Stelle costituirà il centro di raccolta delle candidature ed il veicolo di selezione e scelta dei soggetti che saranno, di volta in volta e per iscritto, autorizzati all’uso del nome e del marchio “MoVimento 5 Stelle” nell’ambito della propria partecipazione a ciascuna consultazione elettorale.
        Tali candidati saranno scelti fra i cittadini italiani, la cui età minima corrisponda a quella stabilita dalla legge per la candidatura a determinate cariche elettive, che siano incensurati e che non abbiano in corso alcun procedimento penale a proprio carico, qualunque sia la natura del reato ad essi contestato.
        L’identità dei candidati a ciascuna carica elettiva sarà resa pubblica attraverso il sito internet appositamente allestito nell’ambito del blog; altrettanto pubbliche, trasparenti e non mediate saranno le discussioni inerenti tali candidature.
        Le regole relative al procedimento di candidatura e designazione a consultazioni elettorali nazionali o locali potranno essere meglio determinate in funzione della tipologia di consultazione ed in ragione dell’esperienza che verrà maturata nel tempo.”

        Questo è l’articolo 7. Parla solo di “raccolta” di candidature, e che alla lista verrà “prestato” il SUO MARCHIO DEPOSITATO (se gli va). La parola “meetup” nemmeno c’è!!! Le regole di candidatura e designazione potranno essere “meglio”(?) determinate… da chi? DA CHI GLI PARE A LUI. Sennò te leva il marchio. Te banna dal sito e te saluto!

        e te saluto pure io.

        Nel paese dei ciechi, colui che ha un occhio solamente è Re! Cit.

  2. Virghil ha detto:

    Citazione:
    “il lamentarsi che ci sia un nick o un nome non dovrebbe fare alcuna differenza.”
    Tanto per precisare,la mia non era di certo una lamentela ne’ tantomeno un’accusa nei tuoi confronti che posti le tue considerazioni legittimamente tramite un nick.

    La precisazione era stata fatta nei riguardi di me stesso,per specificare che quando e’ necessario il confronto o chiarimenti diretti ai responsabili di scelte fatte a carico dell’intera comunita’,non le mando di certo a dire.

    In merito alle tue considerazioni non faccio una piega, pur non condividendo nulla di cio’ che hai espresso, a magior ragione quando vigono numerosi tentativi di imitazione dell’autentico Movimento 5 Stelle …..l’ultimo di casa nostra e’ il movimento trestalle,tanto per farne un esempio.

    ….Nessuno vuole convincere a condividere il “metodo” 5 Stelle, altri lo sanno fare di sicuro meglio tramite manifesti,cene elettorali e promesse di lavoro varie.
    Di sicuro non farai fatica ad identificarsi nelle liste che saranno presenti a Cisterna alle prossime elezioni.

    • Jack ha detto:

      sempre fatta una gran fatica tanto da non votarne una, tranne alle ultime elezioni che ho votato persone che hanno la mia fiducia personale, e non negli attuali partiti di maggioranza.

      “Inoltre, non mi sono MAI e dico mai nascosto dietro un nick name, ” ti cito.
      No no, la tua era un’allusione al mio anonimato. Ma te saprai chi ti ha votato o meno? Beh virtualmente sì per una volta. E cioè io non di sicuro.

      Come al solito non ci sono argomentazioni. Proteste vibranti, ministronzoli, stalle… contraddittorio niente eh? Hai un buon maestro in effetti.

      • Virghil ha detto:

        Quali sarebbero le argomentazioni e i contraddittori che ritieni tali?

        Chiedere (invano)chiarimenti in merito a spese folli a carico della collettivita’,chiedere(invano) chiarimenti su finanziamenti destinati a fantomatiche fondazioni, chiedere(invano) chiarimenti in merito a tagli ingiustificati di alberi urbani (per poi vederci automobili in sosta il giorno dopo) alla cementificazione e a varianti urbanistiche che interessano piu’ di 80 ettari di territorio agricolo,chiedere(invano)che fine hanno fatto le intenzioni di estendere la rete wi.fi, di realizzare piste ciclabili, di valorizzare il territorio e l’ambiente ….probabilmente sono questioni di poco conto.

        Cosi come e’ solo un piccolo e insignificante particolare che l’attuale sindaco sia il cognato di un ex ministro.

        …Puoi sempre ricorrere al democratico confronto con le gentili persone che ci rappresentano in via Zanella, vedrai che saranno ben disposti al confronto e aperti ad ogni contraddittorio, se i buoni maestri ci sono non serve cercarne altri.

        Il Movimento 5 Stelle,cosi come i gruppi locali dei meet up,consentono l’accesso e la partecipazione a tutti i cittadini,senza richiesta di tessere o atti di fede alcuna che lo si creda o meno.

        Colui che definisci MAESTRO di certo non potra’ conoscere la realta’ territoriale di Cisterna ne’ tantomeno i numerosi problemi e le scelte politiche che non hanno migliorato la vivibilita’, pertanto la responsabilita’ non puo’ che essere dei cittadini che conoscono la realta’…..tirare in ballo il guru e’ solo un pretesto, dimenticando cosa hanno combinato le attuali organizzazioni politiche del nuovo che avanza e del rinnovamento,formato sempre dalle stesse persone .

        Strano che anziche’ prendersela con i veri responsabili, si voglia incolpare un movimento di cittadini ancora in fasce o in molti casi ancora non nato!

  3. Virghil ha detto:

    – “”…Non riesce proprio a farsene una ragione. Eppure glielo hanno detto in tutti i modi. Ma Renato Brunetta, ex ministro per la Pubblica Amministrazione, non si dà pace: lui, nel cuore, si considera ancora un ministro della Repubblica.””-

    Cosi’ come non si da’ pace suo cognato a Cisterna, che ancora si illude di essere il sindaco piu’ amato,piu’ bravo, piu’ competente.

    Eppure se ai tempi della candidatura a sindaco, voluta fortemente dall’attuale rappresentante del movimento 3 STALLE, non ci fosse stata la parentela (alla lontana) con l’ex ministronzolo della finzione pubblica, cosa avrebbe potuto fare l’attuale sindaco che ama (distruggere) Cisterna?

    Siamo sicuri? Siamo sicuri che se non ci fosse stato di mezzo il nano ministeriale la candidatura a sindaco sarebbe stata la stessa?

    La verita’ ora viene a galla tutta, il nano ministeriale fantuttone e prepensionato d’oro ha costituito un fondamentale elemento (per le becere menti italiote in stile cisternense) da esibire in piazza durante la campagna elettorale ……dopodiche’ tra promesse, proclami e miracoli sappiamo bene come l’innovazione tecnologica la trasparenza e l’efficienza amministrativa sia stata migliorata.

    …..Con l’inutile (e probabilmente costosa) esposizione all’ingresso del municipio del totem multimediale, una vera innovazione tecnologica che l’Italia intera ci invidia.

    Memorabili le straordinarie foto che Giuseppe Belli ci regala su questo sito, una documentazione fotografica di tutto il ridicolo che Cisterna non si e’ fatta mancare!!!

    ….Buche, voragini,spese folli,esposizioni di formaggi e latticini,puzzle di giunta impensabili,cementificazioni a tutto spiano, grattacieli,consiglieri delegati all’ippica,nani e ballerine ,non ci siamo fatti mancare proprio nulla.

    IL CIRCO BARNUM NON AVREBBE SAPUTO FARE MEGLIO!

    • Jack ha detto:

      Ritengo questo modo di commentare, tra l’altro da un rappresentante di un movimento che nemmeno ha uno statuto per deliberare democraticamente (con la parola democrazia sempre in bocca) e in cui gli stessi membri non contano una beneamata ed arricchischino una semplice azienda, un po’ sopra le righe. Questo modo di fare politica offendendo pure gli aspetti fisici, e dando dello stronzo e in altri post del “losco” alle persone, chiunque esse siano, fa veramente schifo. La nuova frontiera della politica in cui se La Russa urlava in televisione, allora bisogna urlare ed offendere di più. Bisogna regredire all’età della pietra, fomentare i popoli alla violenza, al momento, solo verbale. Penso tra l’altro che disprezzare questo movimento che non si prende responsabilità politiche a priori e a prescindere, non faccia danno all’opposizione. Visto che ad ogni modo i grillini non fanno patti per amministrare con altre coalizioni. E sperare che vinca un movimento del genere solo per buttare giù altri mi fa orrore.
      In video invece sei più tenerone.

      • Virghil ha detto:

        Di sicuro non mi impegnero’ per cercare di capire l’astio che l’utente Jack nutre nei confronti del Movimento 5 Stelle.

        A tale riguardo posso solamente invitarlo ad informarsi meglio,sulle attivita’ del movimento che contrariamente a quanto scritto,sono decise e discusse democraticamente e in piena trasparenza dai cittadini che decidono di farne parte, senza arricchire alcuna azienda ne’ tantomeno la casaleggio se e’ questa l’ilazione infondata e strumentale.

        In merito alle ironiche e innocenti descrizioni, interpretate come offese degli aspetti fisici dall’utente Jack, ho il dubbio che costui non conosca i metodi comportamentali solitamente utilizzati da chi e’ oggetto di “attenzione” del sottoscritto.

        Visto che esprimo le mie considerazioni con cognizione di causa, avendo in piu’ occasioni verificato il livello di educazione di alcuni pubblici personaggi,non trovo alcun disagio alcuno nel descriverli cosi come sono nella realta’.

        Inoltre, non mi sono MAI e dico mai nascosto dietro un nick name, ho sempre agito in maniera diretta e con estrema educazione,sia nel linguaggio sia nel comportamento,nei confronti di lor signori, capaci pero’ di perdere violentemente le staffe senza mezzi termini facendo ricorso a veri e propri abusi,anche per semplici ed educate domande poste dal comune cittadino.

        Contrariamente all’utente Jack ,la mia sensazione di orrore persiste nei confronti del presente,non nel futuro di possibili nuove realta’, nel rendermi conto di come sia stato permesso ad una classe politica arrogante di agire indisturbata,con la complicita’ dei
        cittadini indifferenti.

    • Jack ha detto:

      Partendo dal presupposto che se vuoi rappresentare un partito che inneggia alla comunicazione tramite internet, il lamentarsi che ci sia un nick o un nome non dovrebbe fare alcuna differenza. Soprattutto perchè non sono io che mi espongo per motivi politici, non mi candido e non rappresento nessuno. Sono un elettore. E te direttamente o indirettamente rappresenterai questo partito non-partito alle prossime elezioni. Quindi il nascondersi dietro la solita scusa non serve a nulla. Soprattutto perchè non commetto il reato di opinione e non sto offendendo, minacciando, e non sto commettendo ALCUN REATO. Giustificarsi dietro: “perchè loro a me fanno la bua e allora la rifaccio anch’io”, è proprio quello di cui parlavo. Ma questa è una filosofia comune che sento in giro. Come dire: “ma quello ruba! E io so scemo allora?”. E’ un occhio per occhio che non ha nulla a che fare con la civiltà moderna e con i metodi democratici. Ma con il giustizialismo dell’ultima ora, roba populista.
      Ma il problema è che lo stile è proprio del tuo leader non-leader. Solo che lui può difendersi dicendo che comunque è un comico e uno showman. Te?
      Perchè dovrei votare uno strillone invece di un altro? Per la famosa regola del meno peggio? E soprattutto, il tuo movimento è il meno peggio?
      E’ un movimento democratico? Questo giochetto del non-statuto può ammaliare chi non sa cosa sia il “diritto”. E non come materia noiosa da studiare a scuola.

      Art. 1 Il “MoVimento 5 Stelle” è una “non Associazione”. Rappresenta una piattaforma ed un veicolo di confronto e di consultazione che trae origine e trova il suo epicentro nel blog http://www.beppegrillo.it. La “Sede” del “MoVimento 5 Stelle” coincide con l’indirizzo web http://www.beppegrillo.it. I contatti con il MoVimento sono assicurati esclusivamente attraverso posta elettronica all’indirizzo MoVimento5stelle@beppegrillo.it.

      Il primo articolo, dunque, FONDANTE. Rinnega la natura ASSOCIATIVA. Cioè tu non sei socio di nulla, non sei NULLA. Non sei disciplinato dalla legge e nemmeno tutelato. Rifiuta quindi una qualsiasi composizione di organi sociali, un’assemblea, un diritto legittimo di voto. Gli unici indirizzi a cui comunicare qualcosa, e tutto ciò che è costituito è un sito internet (di proprietà tua?). Non essendoci una sede nemmeno fisica non c’è nemmeno un’organizzazione legittima. C’è solo un sito e quello che tu chiami voto non ha valore. Sei un “nick” che scrive su un forum, e legalmente se foste un milione, sareste solo dei nick.

      Non mi vorrai far mettere ad elencare quei quattro articoli del nulla spero, per dimostrarti che non avete alcun diritto decisionale e di voto… Voi lavorate per il marchio depositato di Grillo. Quando lancia una fatwa contro un candidato scelto dagli altri, ti puoi sbattere pure per terra. La tua è una partecipazione attiva, fino a quando ti fa partecipare. Molto democratico.
      L’art. 4, se lo avessi letto, spiega che voi “utenti” (semplicemente utenti di un sito), siete il megafono delle iniziative di Grillo, e non viceversa.

      • Jack ha detto:

        naggia… nemmeno è entrato tutto il commento. Vabbè lascio il resto per un bis 😀

        P.S. @Belli: ehm avevo sbagliato ad indicare la mail di riferimento, questa è quella giusta 🙂

  4. Jack ha detto:

    la meio resta quella col quadro, un cult

I commenti sono chiusi.