La legalità violata

La situazione politica qui a Cisterna peggiora sempre di più e ci troviamo ad affrontare una crisi politica senza precedenti.
Stavolta ci riferiamo alla storia che ha come protagonisti: Claudio Massaroni, Ciro Santi e Gino Gagliardini della lista “Nuovo PSI”.
Questo episodio disegna bene la cultura politica della maggioranza comunale volta quasi sempre ad azioni poco trasparenti e di bassa lega.
La questione fondamentale della vicenda non stava tanto nel fatto di non sapere ancora quali fossero le surroghe dei consiglieri comunali e voler sospendere l’attività politica per questo, ma quanto nel fatto che Massaroni è stato consigliere comunale per ben tre anni senza esserne legittimato.
I verbali della commissione elettorale attestano chiaramente che Ciro Santi ha preso più voti sia di Gagliardini che dell’ex consigliere Massaroni.
Adesso noi Giovani Democratici esigiamo spiegazioni in merito dalla maggioranza tutta, compreso i neopartecipanti dell’UDC, che da buoni partner di governo hanno acconsentito a questa follia.
È una cosa vergognosa quella che è successa, calpesta la nostra Costituzione e i diritti fondamentali dei cittadini.
È una sconfitta per tutta la cittadinanza che mai avrebbe pensato ad arrivare a questioni del genere.
Adesso la domanda sorge spontanea: l’attività dell’assemblea comunale è da ritenersi valida e regolare anche se, i consiglieri comunali legittimati dal voto dei cittadini sono 29 anziché 30?
Domanda che faremo direttamente al Prefetto con una lettera che invieremo nei prossimi giorni, questa è una situazione che non si può risolvere nel silenzio e andremo fino in fondo.

Lorenzo Tedeschi
Segretario dei Giovani Democratici di Cisterna

Annunci

Informazioni su Redazione

street reporter
Questa voce è stata pubblicata in Politica. Contrassegna il permalink.

Una risposta a La legalità violata

  1. Jack ha detto:

    e che sarà mai… so ragazzi

I commenti sono chiusi.