Merolla e la chiarezza

Ecco il manifesto fatto circolare da Mauro Carturan

20120510-204335.jpg

Annunci

Informazioni su Redazione

street reporter
Questa voce è stata pubblicata in Politica. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Merolla e la chiarezza

  1. Acchille Racconti ha detto:

    …..il teatrino della politica cisternese,….. anche per questa volta si recita e si governa a soggetto.
    Meglio tirare a campare che tirare le cuoia,si vorrebbe far credere che Antonello Merolla non sia consapevole che Carturan costituisce l’uomo per tutte le stagioni ? Anche se Merolla non ha mai troppo brillato per doti intellettive e autonomia ,non bisogna dimenticare che e’ per volonta’ di Carturan se oggi Merolla puo’ occupare la poltrona da sindaco, cosa mai ci sara’ veramente sotto? Con molta probabilita’ qualche affare personale che non stara’ andando nel giusto verso.
    Figuriamoci, se Carturan possa farsi intimorire dal ragazzo che ha tenuto a sostegno,come si puo’ immaginare che il ragazzo di bottega cacci a pedate il padrone?
    Le solite liti da condominio, tutto sara’ placato al piu’ presto anche con gli inciuci annunciati,una volta stabilite le quote millisimali. Tanto come si dice proprio a Cisterna? …Fra cani n’se mozzicheno!

  2. Virghil ha detto:

    C’eravamo tanto amati
    CISTERNA DI LATINA:ELEZIONI 2009
    Questi quelli che furono i risultati elettorali del 2009,
    dopo una orrenda campagna elettorale fatta prepotentemente con affissioni
    di innumerevoli manifesti abusivi che hanno imbrattato ogni spaziodella citta’,
    cene elettorali in ogni quartiere, feste con musica lazzi e balli,comizi con nani ministeriali
    e ballerine di burlesque …insieme a promesse di posti di lavoro sorrisi e canzoni!!!

    MEROLLA ANTONELLO 12.303 voti di preferenza che corrisposero al 54,7%
    sostenuto da:
    – IL POPOLO DELLA LIBERTA’
    – LISTA CIVICA MEROLLA SINDACO
    – NUOVO PSI
    – LISTA CIVICA RIFORMISMO E LIBERTA’
    – FIAMMA TRICOLORE
    Una maggioranza FORTE E COESA sosteneva allora commosso il neo sindaco Antonello Merolla,
    una commozione in cui non nascondeva lacrime spontanee a favore di flash e videocamere,
    le stesse lacrime di commozione che lo avevano distinto quando ebbe la solenne benedizione
    del socio di maggioranza dell’attuale amministrazione comunale, l’allora sindaco (uscente)
    MAURO CARTURAN, che nomino’ la candidatura dell’attuale SINDACO CHE “AMA” CISTERNA!
    Nel frattempo, Cisterna ha continuato a peggiorare,gli unici che possono dirsi soddisfatti infatti
    sono le COMPAGNIE DELL’OPERA CEMENTIZIA lasciati indisturbati anzi, incoraggiati a deturpare
    il territorio,insieme ad altri speculatori di ogni tipo.
    La vivibilta’ di Cisterna e’ stata resa del tutto inqualificabile,la mancanza di servizi e’ diventata cronica,gli unici impegni presi seriamente sono stati quelli per mantenere il proprio EQUILIBRIO POLITICO.
    CISTERNA insieme ai suoi CITTADINI e’ stata completamente ignorata da una classe politica famelica di potere e poltrone di comando, totalmente indifferente ai numerosi problemi della citta’ che avrebbero dovuto difendere.
    Continui rimpasti per continue infornate di nuovi assessori,nuove figure,nuove formazioni di squadra INSIEME A SPERPERI a bordo di auto blu.
    I cittadini ? …Mai, mai come in questi ultimi anni si sono visti comitati di quartiere cosi numerosi che invano hanno bussato alla porta del SINDACO CHE AMA CISTERNA per descrivere i loro disagi,problemi e proposte.
    Neanche il formidabile risultato referendario ha smosso il SINDACO CHE “AMA” CISTERNA,che ha continuato a difendere gli interessi della societa’ acqurapina spa e i loro compari (del sud pontino),anziche’ tutelare gli interessi dei cittadini, nemmeno quando veniva erogata acqua all’arsenico.
    La maggioranza forte e coesa …..COMUNQUE NESSUN ALLARME, nonostante i manifesti abusivi a firma di Mauro Carturan (che vorrano essere solo un promemoria probabilmente) PROPRIO COME I LADRI DI PISA FANNO FINTA DI LITIGARE DI GIORNO PER POI RUBARE DI NOTTE.
    CONTINUANDO L’ARRAMPICATA SUGLI SPECCHI.
    Evviva la terra dei cachi!

I commenti sono chiusi.