Apertura cantiere ATER

Lunedì 12 marzo alle 10.00 a Cisterna in Via Falcone, zona San Valentino, si terrà la cerimonia per la “posa della prima pietra” del cantiere edile che vedrà realizzati 42 alloggi popolari.
La cerimonia inizialmente era stata fissata per il 6 febbraio scorso ma, a causa della straordinaria ondata di neve e gelo che ha colpito Roma ed il Lazio impegnando nelle operazioni di coordinamento il Governatore del Lazio, è stata posticipata a data da destinarsi.
Lunedì, pertanto, si procederà all’apertura ufficiale del cantiere alla presenza del Presidente della Regione Lazio Renata Polverini, dell’assessore alle Politiche per la casa Teodoro Buontempo, del sindaco di Cisterna Antonello Merolla, del presidente dell’ATER Gianfranco Sciscione e del CdA dell’ATER.
L’intervento edilizio, realizzato in sinergia con l’Amministrazione Comunale, è l’ultimazione del progetto realizzato nei primi anni ottanta dallo IACP di Latina, l’intento è di realizzare una struttura con una diversità di funzioni che possano contribuire a migliorare la qualità della vita e dei servizi in un quartiere al di fuori del centro abitato di Cisterna di Latina.
L’edificio di 9 piani, 7 destinati alle residenze ed il primo piano e il piano terra a locali commerciali ed uffici, saranno destinati alle associazioni del territorio e ai servizi di quartiere. Dal punta di vista costruttivo, l’intervento rientra nella tipologia energetica classe “A”, il che consentirà agli utenti di limitare l’incidenza dei costi di riscaldamento. Gli alloggi saranno forniti di impianti fotovoltaici e per il recupero delle acque piovane e degli scarichi sanitari, avranno anche caldaie a condensazione per il recupero dei fumi e del calore prodotto.

20120307-170301.jpg

Annunci

Informazioni su Redazione

street reporter
Questa voce è stata pubblicata in Opere pubbliche e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Apertura cantiere ATER

  1. Virghil ha detto:

    La solita attivita’ propagandistica.
    Ormai non e’ mistero per nessuno, ormai si conoscono bene le intenzioni della MAGGIORANZA FORTE E COESA dove il sindaco,anche in questa occasione, sapra’ svolgere al meglio le sue funzioni di camerlengo, al servizio di chi gli ha permesso di indossare la fascia tricolore.

    Intanto CISTERNA tanto amata in campagna elettorale, e’ stata ormai irrimediabilmente devastata da colate di cemento armato,sottoforma di numerose case vuote e invendute. La responsabilita’ di tale stato e’ unicamente da attribuire alla classe politica attuale ( non distinguibile dalla prrecedente) che incurante del territorio e delle esigenze di vivibilita’ dei cittadini ha consentito tutto cio’.

    Ebbene, mentre in altri paesi e citta’ si stanno seriamente attuando delle decisioni atte alla salvaguardia e al risparmio del suolo, come il censimento degli immobili per accertarne l’effettiva occupazione , bloccando quindi ogni famelica intenzione cementificatoria IL COMITATO D’AFFARI DI VIA ZANELLA agisce esattamente al contrario in barba a qualunque logica.

    Il risultato e’ sotto gli occhi di tutti i cittadini,e la presenza di numerosi appartamenti vuoti non si puo’ negare.

    INVECE, nel continuare l’ativita’ di propaganda addirittura promuovono il “giorno dell’inaugurazione della posa della prima pietra” chissa’ se ci saranno le camicie nere a ricordo di tali commemorazioni tipiche del ventennio?

    Di sicuro pero’ ci sara’ la presidentessa dello sperpero della regione Lazio RENATA POLVERINI,pronta ad essere ricevuta dal camerlengo ubbidiente in fascia tricolore a farle gli onori di casa, immancabile sara’ la presenza dell’immensa mole del presidente del consiglio e di altre inquietanti presenze ,come il presidente dell’ATER Gianfranco Sciscione che e’ stato insediato subito dopo che il TAR del Lazio gli aveva cancellato la poltrona. Le indecenti presenze ovviamente non si limitano qui, infatti e’ prevista la presenza der PECORA all’anagrafe Teodoro Bontempo uno di quelli che pur predicando rigore e serieta’ non riesce proprio a rinunciare a piu’ poltrone e a piu’ stipendi, oltre ovviamente ad una modesta pensione di 6963 Euro escludendo la liquidazione di appena 149,792 Euro.

    Massi’, massi’ cosa volete che sia ? Daltronde da quando la POLVERACCHIA polverini si e’ insediata alla regione, gli sprechi per consulenze e attivita’ varie di rappresentanza sono aumentati a dismisura, tant’e’ che dalla stessa giunta POLVERACCHIA polverini e’ stato deciso, mentre si chiudono ospedali e si riducono servizi importanti per mancanza di fondi, di estendere la possibilita’ di usufruire di sobri vitalizi ( a partire da 3900 Euro) ad assessori presenti e passati, ….gia’ a soli 55 anni ( usufruira’ di tale trattamento ad es. il sindaco di Latina Di Giorgi).

    NON CHIUDEREMO GLI OSPEDALI TAGLIEREM GLI SPRECHI, cosi annunciavano gli slogan elettorali insieme alle promesse di riduzione dei costi della politica regionale fino ad allora sostenuti dalla giunta Marazzo.

    Nessun problema per la presidentessa delle tessere facili e delle case a prezzo di favore, a CISTERNA potra’ sentirsi a pieno agio, sara’ accolta con tutti gli onori.

    Di sicuro non si vedranno scocciatori vari,non si vedranno sfrattati, non si vedranno cittadini disagiati senza reddito dignitoso, non si vedranno cassaintegrati,non si vedranno precari, non si vedranno disoccupati, ……TALI CATEGORIE A CISTERNA (come pure in buona parte dell’italico paese) SANNO LAMENTARSI ma al momento che hanno occasione di ritrovarsi i responsabili delle loro sciagure preferiscono ammutolirsi, defilarsi o peggio rimanere indifferenti.

    Venga pure tranquilla quindi la POLVERACCHIA polverini, venga pure in elicottero.
    ….Una volta giunta a destinazione il camerlengo in fascia tricolore, sara’ ben lieto di offrirle un passaggio in autoblu’.
    TANTO SI SA’ ,SACRIFICI PER I CITTADINI ….chi li rappresenta invece puo’ fare un’eccezzione!

  2. Carlo Buonincontro ha detto:

    …..il tutto con la telecronaca dell’Istituto Luce ……..

  3. U79 ha detto:

    …chissà se e quando li finiranno…

I commenti sono chiusi.