EX CINEMA LUISELLI, CONSORZIO AGRARIO, ACQUISIZIONE E RIQUALIFICAZIONE DELL’EX MULINO

Un 2012 determinante per i grandi temi della città.

Nella giunta comunale del 29 dicembre, infatti, l’amministrazione ha dato il via all’esame dei progetti per la riqualificazione dell’ex Cinema Luiselli, de lConsorzio Agrario e dello spazio antistante il comune, nonché dell’ex Mulino Luiselli.

«Abbiamo dato disposizione – spiega il Sindaco Antonello Merolla – affinché gli uffici comunali predispongono la nuova convenzione di rimodulazione e ammodernamento dell’originale programma integrato delle ormai “famose buche”. Nella stessa delibera, pur approvando e confermando la volontà dell’amministrazione all’attuazione del progetto, si ribadisce che non ci sarà nessuna rinuncia alle pretese derivanti anche dal pregresso comportamento della società proponente quindi non si esclude un eventuale risarcimento dei danni subiti dalla città. Mi auguro che al più presto gli uffici predispongano le nuove convenzioni così da consentire l’immediata ripresa dei lavori».

Altro tema importante deliberato nel corso della giunta comunale di fine anno e che nei giorni scorsi ha trovato spazio nelle pagine della stampa locale è la riqualificazione dell’ex Convento di Sant’Antonio successivamente trasformato in Mulino e da anni in stato di abbandono.

«In questi anni -afferma Merolla – l’amministrazione si è prodigata per trovare soluzioni al problema del recupero e riqualificazione dell’ex Mulino Luiselli, una struttura importante per la storia della città e per il futuro dei nostri giovani per i quali potrà diventare uno spazio per socializzare, studiare, per esprimere le capacità in ogni arte e forma. Indispensabile è il ricorso ai finanziamenti regionali ed europei per i quali è necessaria la titolarità del bene. Con la deliberazione di giunta del 29 dicembre scorso abbiamo accelerato l’approvazione dello schema di convenzione in attuazione del programma integrato che prevede l’acquisizione dell’immobile a patrimonio comunale dando mandato agli uffici di espletare l’attività necessaria per il completamento dell’iter di acquisizione nonché indicazioni su alcune immediate riqualificazioni e soprattutto il vincolo degli oneri di urbanizzazione del progetto alla ristrutturazione dell’ex mulino. La convenzione, inoltre, prevede anche l’acquisizione di tutti i macchinari presenti così da poter realizzare un esempio di archeologia industriale funzionante».

«Abbiamo chiesto agli uffici di velocizzare al massimo la firma della convenzione -continua Merolla – così da poterci inserire nei prossimi bandi di finanziamento regionale ed europeo oltre che la possibilità di realizzazione di un bando di sponsorizzazioni private. Inoltre per la progettazione della ristrutturazione e soprattutto gli utilizzi della struttura, inserendolo anche nei PLUS regionali, abbiamo previsto la realizzazione di una progettazione partecipata coinvolgendo direttamente i cittadini affinché la città possa sentire e vivere l’ex Mulino come una struttura propria».

=-=-=-=-=
Powered by Blogilo

Annunci

Informazioni su Redazione

street reporter
Questa voce è stata pubblicata in Avvenimenti, Cronaca, Politica. Contrassegna il permalink.

8 risposte a EX CINEMA LUISELLI, CONSORZIO AGRARIO, ACQUISIZIONE E RIQUALIFICAZIONE DELL’EX MULINO

  1. Cecco Cemento ha detto:

    Sempre le solite malelingue sulla mancata presenza del sindaco Antonello Merolla al convegno sull’ex convento. L’intenzione del sindaco era quella di partecipare ma, cosa poteva fare se l’autista non ha potuto accompagnarlo e se l’auto blu era dal meccanico per il graffittaggio?

  2. Fernando Pioda ha detto:

    l’attuale amministrazione non sembra differire molto da quella che l’ha preceduta, infatti come piu’ di qualcuno fa’ notare costantemente, non si ferma la corsa al cemento insieme agli interessi di bottega.
    il convegno di ieri e’ stato intressante,cosi come le vicende assurde che si sono succedute nel corso di quest’ultimi anni,e dalla descrizione dei fatti con allegati dichiarazioni di stampa la volonta’ politica non e’ stata di sicuro negli interessi del paese e dei cittadini.
    a dire la verita’, mi aspettavo almeno la presenza del sindaco, soprattutto in seguito al suo comunicato stampa , invece si e’ sentita in aula la sua assenza.
    come d’altronde ci si aspettava, in quanto il nostro sindaco lo si trova immancabilmente presente al compleanno della nonna Adelina, alla festa della fritella, alla mostra dei tappi di sughero,come spiegato bene dal relatore del convegno si preferisce davanti agli interessi economici non sentire,non vedere, non parlare.

  3. Virghil ha detto:

    Resoconto dell’interessante incontro pubblico promosso dal COMITATO CONVENTO DI S.ANTONIO:

    Numerosa la presenza dei cittadini insieme a numerosi consiglieri comunali (non ho pero’ visto quelli del PD), segnale evidente che il “problema” MULINO-LUISELLI non lascia indifferenti, nonostante l’incuria e gli innumerevoli tentativi di tipo affaristico speculativo mascherati da “interventi di riqualificazione” che si sono susseguiti fino ai nostri giorni.

    L’apertura dell’incontro e’ stata tenuta da Maurizio Cippitani che ha illustrato i diversi tentativi,per ora fortunatamente falliti, per modificare completamente sia l’ex convento (mulino Luiselli) sia l’area circostante tramite espropri e aumenti di cubature.

    Notevole curiosita’ ha destato la descrizione dei vani tentativi della politica nostrana di essere incurante e indifferente al proprio passato e ai patrimoni storici esistenti, che invece di prodigarsi per un serio progetto di recupero si sono costantemente impegnati per l’abbattimento e la modifica strutturale facendo ricorso a infiniti sotterfugi, dall’era del sindaco Salvatori fino al sindaco “elegante e educato” mauro carturan (il minuscolo e’ intenzionale) che si e’ saputo vergognosamente distinguere.

    Numerose sono state le fandonie insieme ai tentativi di bassa lega, intraprese dal voluminoso mauro carturan con il solo scopo di infangare coloro che, con serie argomentazioni (frutto di studi e ricerche) hanno dimostrato contrarieta’ agli scempi progettuali previsti.

    L’impegno e le ricerche da parte del WWF ,nella persona del cittadino Maurizio Cippitani,hanno consentito di far considerare l’ex convento come edificio storico vincolato . Tale classificazione, ha fortunatamente impedito le cattive intenzioni di politici sprovveduti e speculatori di ogni tipo.

    Nonostante il vincolo ministeriale a tutela dell’ex convento,sono stati descritti durante il pubblico incontro gli imperterriti tenativi del “mite” ed “educato” orco di Borgo Flora che prima ha esternato la sua intenzione di iscriversi al WWF senza pero’ mai farlo,successivamente mettendo in atto il suo naturale talento al fine di infangare il cittadino Maurizio Cippitani ha perfino tempestato di telefonate l’allora presidente nazionale del WWF Fulco Pratesi.
    Naturalmente tali telefonate non sono servite ad infangare l’onesto e deciso Maurizio Cippitani,infatti e’ stato necessario l’intervento diretto(tramite comunicato stampa) dell’allora presidente F.Pratesi.

    Giunti ai nostri giorni, tra palazzinari e politica del cemento, insieme a tutti gli scempi subiti dal nostro territorio il pericolo a carico del mulino ex convento non e’ del tutto scampato, per questo che durante l’incontro e’ stata presentata una proposta di progetto per il recupero e la conservazione del manufatto senza apportare alcuna modifica esterna, da destinare a tutti i cittadini.

    A tal proposito e’ iniziata una petizione di raccolta firme allo scopo di rendere partecipi i cittadini al destino del mulino.

    Hanno dimostrato serie intenzioni anche i diversi consiglieri presenti , intenzioni atte alla tutela dell’edificio storico e dell’intera area ……staremo a vedere cosa seguira’ alle serie intenzioni .

    Un saluto dalla terra dei cachi.

  4. Marco ha detto:

    Oggi a Cisterna c’è stato un convegno in cui è stata raccontata la vera storia del Mulino e perché quest’annuncio del sindaco è un gran boiata. Ma non vedo nessun articolo a riguardo su questo blog. Dopo la figuraccia con Sciarresi, un’altra scivolata.

  5. Marietto ha detto:

    virghil candidati tu a sindaco.
    ah no, ci ha già provato e hai preso 3 voti. Con la lista di Grillo che proprio ieri ha candidato una pornodiva….quando la moralità non è propria si può far sempre quello che si pare.

    avanti così

    • Venanzio Rossitelli ha detto:

      A marie’ ma sta risposta che ca… centra?
      E poi com’ e’ che ti rode ogni volta che ti toccano la casta?

  6. Virghil ha detto:

    ……MA E’ MAI POSSIBILE CHE GLI AMMINISTRATORI-POLITICI LOCALI, ABBIANO LA CONVINZIONE CHE I CITTADINI DI CISTERNA SIANO DISPOSTI A BERE TUTTO, ANCHE LE FAVOLETTE?

    C’era una volta
    Una cittadina che sorgeva ai piedi dei Monti Lepini, dal clima mite e caratterizzata dalla morfologia pianeggiante. Oltre alla via principale che attraversava la cittadina, vi era un vecchio ma solido edificio denominato consorzio agrario che dava spazio anche ad un cinema ,ed un campetto da calcio attinente alla parrocchia.
    …..UN GIORNO GLI ABITANTI DELLA CITTADINA, AL LORO RISVEGLIO TROVARONO INSPIEGABILMENTE DELLE ENORMI VORAGINI AL POSTO DEL VECCHIO SOLIDO EDIFICIO E DEL CAMPETTO DA CALCIO.

    Ma e’ andata proprio cosi’?
    Neanche lo studente all’ultimo banco, svogliato e ripetente di seconda media,crederebbe a tale fandonia.

    Allora PERCHE’ ancora una volta, VENGONO IGNORATI I RESPONSABILI DEGLI SCEMPI ESISTENTI? ….ANZI PERCHE’ CONTINUA AD ESSERE IGNORATO L’UNICO RESPONSABILE DEGLI SCEMPI ESISTENTI?

    Il sindaco Antonello Merolla (pur essendo indiscutibilmente cordiale) persiste negli annunci di imminenti soluzioni. Non importano le soluzione che si intendono adottare , ….che siano di tipo speculativo,….. che mostrino evidenti conflitti d’interesse, ….che siano di impatto disastroso nel tessuto urbano esistente ….. L’IMPORTANTE E’ L’ANNUNCIO DELL’IMMINENTE SOLUZIONE.

    Ancor meno importante e’ riconoscere il RESPONSABILE delle voragini.
    Eppure non e’ mistero per nessuno associare l’attuale disastro al corpulento presidente del consiglio!!!!!

    Pero’ come il segreto di Fatima,il presidente del consiglio(stranamente?) non viene mai citato, come se egli fosse estraneo alla vicenda, proprio come ha sfacciatamente tentato di fare con un suo comunicato di qualche ferragosto fa’.

    L’omerta’ insieme al timore e’ TOTALE!!!

    …..Continuano pero’ le belle (e impossibili) intenzioni, pur di non citare mai l’innominabile presidente del consiglio.

    Altre favolette sono pronte per essere raccontate, ad es. quella di costruire altri edifici destinati all’edilizia popolare come se non fossero gia’ abbastanza i numerosi appartamenti vuoti ed invenduti.
    VIVA LA TERRA DEI CACHI

  7. U79 ha detto:

    Parole incoraggianti ora da cittadino aspetto i fatti. il Convento di Sant’Antonio Abate ai Cisternesi!

I commenti sono chiusi.