“IL PICCOLO DUCATO” NELLA GUIDA MICHELIN 2012

IlPiccolo Ducato” porta il nome di Cisterna per la prima volta nella storica e prestigiosa Guida Michelin, il maggiore riferimento mondiale per la valutazione della qualità dei ristoranti ed alberghi a livello nazionale ed internazionale.

L’ispettoreè giunto in maniera del tutto anonima presso il ristorante che da circa due anni opera lungo via Tivera, angolo via Ninfina, ha consumato il suo pasto, ha pagato il conto e alla fine si è qualificato.

Alla sorpresa, per i fratelli Marta e Emanuele Sibilia, gestori dell’attività, ha fatto seguito la soddisfazione di vedersi inseriti nella prestigiosa guida ed il riconoscimento di due forchette ad indicare al viaggiatore o turista il buon livello di confort nel rapporto tra qualità servizio e prezzo. Subito dopo il diploma presso l’Istituto Alberghiero ed il perfezionamento presso l’Etoile Academy, Emanuele ha collezionato grandi esperienze da chef nelle maggiori strutture in Italia come l’Exedra Hotel Boscolo di Roma, il Grand Hotel Palace di via Veneto o l’incantevole hotel a 5 stelle Villa Las Tronas in Sardegna. Ma il suo sogno eraquello di poter esercitare la sua arte culinaria a Cisterna, in un’attività a conduzione familiare. Per questo, circa due anni fa, è nato “Il Piccolo Ducato”. “E’per noi una grande soddisfazione – hanno commentato Marta edEmanuele – essere inseriti in una guida così prestigiosa a livello nazionale e non solo. E’ certamente il risultato di un grande impegno e di una forte passione in ciò che tutto lo staff fa per soddisfare il cliente. Come cisternesi, inoltre, ci inorgoglisce aver portato il nome della nostra città per la prima volta all’attenzione della ristorazione nazionale”.

“Ho appreso la notizia dell’inserimento del ristorante ‘Il PiccoloDucato’ nella Guida Michelin – ha detto il Sindaco AntonelloMerolla -. E’ la prima volta che un’attività di ristorazione di Cisterna riceve questo importante riconoscimento peraltro ad una giovane attività condotta da giovani. Un plauso e le congratulazioni ad Emanuele per la passione ed il talento nonché la professionalità che mette in ogni suo piatto. Che questo risultato sia di stimolo per i nostri giovani perché quando ci si impegna i risultati arrivano.Anche grazie ai fratelli Sibilia Cisterna aggiunge un altro tassello alle eccellenze di questa città”.

=-=-=-=-=
Powered by Blogilo

Annunci

Informazioni su Redazione

street reporter
Questa voce è stata pubblicata in Avvenimenti. Contrassegna il permalink.

5 risposte a “IL PICCOLO DUCATO” NELLA GUIDA MICHELIN 2012

  1. Virghil ha detto:

    AVREI VOLUTO POSTARE QUESTA MIA CONSIDERAZIONE IN APPROPRIATO SPAZIO MA, LE SCELTE DEL WEB MASTER BELLI ( chiusura definitiva delle discussioni) MI COSTRINGONO AD UTILIZZARE TALE THREAD.

    L’INCOMPETENZA E L’INDIFFERENZA DEI SOLI NOTI:
    Nei giorni delle “stangate salva italia” a carico dei cittadini onesti, inclusi quelli di Cisterna, la nostra amministrazione dalla maggioranza SOLIDA E FORTE continua nell’indifferenza dei problemi sociali, occupazionali e ambientali.

    La maggioranza FORTE E COESA sempre piu’ di frequente deve affrontare delle forti terapie rianimatorie affinche’ venga tenuta in vita ….o meglio in stato vegetativo tramite accanimento terapeutico.

    Non ci vuole molto a recepire l’insoddisfazione dei cittadini nei confronti del comitato d’affari che si e’ insediato da piu’ di due anni nel palazzo di via Zanella, ancor meno per rendersi conto delle continue crisi definite pseudocrisi.

    Personalmente considero i malumori interni della maggioranza, delle semplici scaramucce per poter ottenere qualche privilegio e maggiore visibilita’, ad ogni modo i componenti “ribelli” dell’attuale maggioranza in particolar modo proprio quelli appartenenti al “club di Merolla”, vanno di giorno in giorno crescendo.

    La vera e propria “SORPRESA” e’ che tali personaggi, come se la cosa in se’ non fosse piu’ che evidente, cominciano a lamentare i metodi adottati nei loro confronti.

    Elementi utilizzati semplicemente come strumenti di voto da utilizzare a proprio piacimento, …..ZITTO E VOTA!!!!

    Costoro sembrano cadere dalle nuvole, come se gia’ non erano abbastanza consapevoli del loro ruolo di umili gregari al comando di pochi uomini e in particolare di UNO SOLO dall’imbarazzante stazza corporea resistente ad ogni dieta.

    ORA FANNO FINTA DI CADERE DAL PERO ……ma cosa sara’ mai successo?

    Visto che in tutte le occasioni hanno sempre votato a comando?

    Intanto nell’indifferenza politica che spende e sperpera ( telefonia, auto blu, fondazioni inutili, consulenze, cambiali sottoforma di project financing, mancati rimborsi creditizi e altro) aumentano i disagi sociali legati all’occupazione, alle abitazioni, alla vivibilita’, alla difesa del territorio, si contiuna a ballare sul titanic facendo continuare l’allegra orchestrina inaugurando beceri pacchianerie.

    …..Chissa’ che soddifazione tagliare nastri e fare proclami tra stette di mani e claque!
    LA STESSA SODDISFAZIONE CHE AVRA’ AVUTO IL COMANDANTE DEL TITANIC MENTRE AFFONDAVA IRRIMEDIABILMENTE! Si salvi chi puo’!

  2. Gustavo Dell'acqua ha detto:

    Se l’ispettore,con lo stesso anonimato, si fosse fermato dal porchettaro ambulante avrebbe potuto assegnare un buon giudizio critico …..a buon mercato con il vantaggio di essere all’aperto.
    3 euro per un buon panino con porchetta, ancora posso permettermelo (insieme alla famiglia), ma anche solo pensare di varcare un posto cosi austero sarebbe per me proibitivo, senza contare il costo dei carburanti per arrivarci.
    Per adesso mi accontento, e inganno i miei figli dicendogli, una volta arrivati dal porchettaro ( a piedi dalla 167) che oltre non c’e’ nulla.

  3. fasterbit ha detto:

    bravo Emanuele!

  4. U79 ha detto:

    Peccato che attorno a quest’oasi, così come attorno all’oasi di Ninfa ci sia il deserto istituzionale che tiene il freno a mano ben tirato alle ambizioni di Cisterna. Può sembrare un volersi lamentare sempre e comunque, ma la verità è che il Piccolo Ducato sarebbe in una posizione strategica sul territorio, con distanze molto interessanti dal polo archeologico Tres Tabernae e la stessa Ninfa; nelle adiacenze di una ipotetica pista ciclabile (circuito Cisterna-Filetto-Ninfa). Sarebbe sosta di posta perfetta per un turista che, dopo aver visitato l’oasi ed il polo archeologico, desiderasse, dopo un buon pranzo, giungere nella cittadina per visitare il polo museale Palazzo Caetani e l’ex Convento di Sant’Antonio Abate (e perché no? spendere qualche euro tra i negozi del posto…).
    Invece la strada che prenderà il turista sarà diversa: dopo Ninfa forse un salto al Piccolo Ducato e poi su a Norma o Sermoneta…
    In bocca al lupo al Piccolo Ducato.

  5. carlo buonincontro ha detto:

    Congratulazioni , questa vostra attivita’ , insieme a tutte le altre piccole e grandi iniziative, contribuiscono alla valorizzazione del nostro Territorio . Come Cisternesi , visto che i Fratelli Sibilia , ci tenevano ad aprire la loro’ attivita’ a Cisterna, mettendosi in gioco per realizzare il loro sogno , non possiamo che essere orgogliosi . Auguri di buon lavoro , Bravi !!!
    Carlo Buonincontro

I commenti sono chiusi.