La soluzione finale

Al centro della città, come è ormai noto a tutti, ci sono due crateri. Fanno ormai parte dell’arredo urbano ma sono pur sempre due pessimi esempi di “malagestione” del suolo pubblico. Se colpe ci sono state non sta a me cercarle, c’è la magistratura per questo.

Bene, però sempre di due buche si tratta che sono un pessimo biglietto da visita della ns città.

Quindi cosa fare ?

La soluzione che sembra sia stata trovata è questa: nella prima buca (lato ex consorzio agrario, per intenderci) dove doveva sorgere un teatro che sarebbe stato il vanto di Cisterna (parole di chi presentò a suo tempo l’opera) sapete cosa sorgerà ? Non lo sapete e allora ve lo dico io: un bel palazzo di civile abitazioni.

Nella seconda ci sarà si un parcheggio ma ridotto di un piano e poi due ampi locali che, ma non so i particolari, potrebbero essere adibiti a teatro o ad altro.

Si dice anche che siano in corso gli “ultimi accordi” per dare il via ai lavori.

Per maggiori informazioni, visto che quanto affermo è cosa nota ai nostri amministratori di maggioranza e di opposizione, chiedete a loro.

Poi non dite che non sapevate nulla miei cari concittadini.

Buon week a dx  a sx e anche al centro !

Annunci

Informazioni su Redazione

street reporter
Questa voce è stata pubblicata in Personale, Politica. Contrassegna il permalink.

8 risposte a La soluzione finale

  1. nessuno ha detto:

    E vi meravigliate che aumenti la convenienza (chiamiamola col nome giusto: plusvalenza) del privato e diminuisca la parte “pubblica”? Fa parte della storia degli ultimi 20/30 anni: ciò che è privato è efficiente (per la rendita di pochi privilegiati) e ciò che e(ra) bene comune va ovviamente privatizzato.
    D’altra parte non è immorale per i liberisti che si vada in pensione con l’80% della media degli stipendi degli ultimi 10 anni (sistema retributivo in esaurimento) o col 50% degli stessi (sistema contributivo per i giovani- non quelli precari che non percepiranno nulla) mentre è normalissimo che manager o CEO come si dice in inglese percepiscano cifre astronomiche mentre conducono al fallimento l’Alitalia o la Lheman Brothers o, prossima ventura, la Fiat?
    Evviva il (profitto) privato anke sui beni pubblici del centro cittadino…
    Che tristezza!!!

  2. Virghil ha detto:

    Di sicuro, persone incivili e maleducate sono da considerare responsabili per aver scambiato un’area di cantiere come se fosse una pattumiera.

    Ma la vera responsabilita’ rimane comunque della politica,SIA LA PRECEDENTE che ha determinato la demolizione di uno storico edificio ( senza alcuna logica credibile) e affidamenti continuo dei lavori, a ditte diverse che si sono solamente distinte per aver arraffato soldi pubblici e scappare in fretta e furia subito dopo, protette dalle diverse scappatoie come lo stato fallimentare dell’impresa ad es., che ostacola la richiesta di risarcimento,

    SIA L’ATTUALE che gia’ dopo il suo insediamento, e’ rimasta persino indifferente all’apparizione di alcuni manifesti targati carturan, con cui lo stesso dichiarava la sua estraneita’ all’abbandono dell’area.

    E ADESSO, almeno che non ci siano smentite dell’ultima ora, facendo ricorso alla solita politica del cemento ( un nuovo modo per dimostrare l’amore per Cisterna?) l’area sara’ destinata a nuovi edifici abitativi-residenziali.

    ……TALE AREA E’ BENE RICORDARLO, E’ STATA ACQUISITA DAL COMUNE DI CISTERNA SBORSANDO SOLDI PUBBLICI.

    Ebbene alla luce dell’attuale situazione, e alla luce di quello che potrebbe verficarsi ,SI RIESCE A DISTINGUERE CHI E’ PIU’ “ZOZZONE” TRA CHI GETTA CARTACCE E BOTTIGLIE, RISPETTO A CHI FAVORISCE IL
    PRIVATO?

  3. Erico Lasaraga ha detto:

    Quanno ce steva o fosso era n’amore, nconfronto a ste buche che manco ntempo de guera serano mai viste,
    Propio stamatina, me’ so’ voluto pia o sfizio de anna’ a guarda chello che ce sta’ dentro alla buca de o consorzio…..se non e’ la discarica de borgomontello poco ce manca, pe tutta la zozzeria che cianno abbuttato.
    E mmo’ pare che a tutta sta’ zozzeria, ne’ vonno fa’ pure nantra?
    Vonno costrui’ n’antro palazzo alla faccia de CISTERNA……chevepossenompicca’ ao primo arbero!!!!

  4. Virghil ha detto:

    Il MoralizzatoRe sempre prono e sempre ben disposto a leccare i piedi ai suoi padroni evidentemente e’ consapevole che, se cadono i suoi padroni di riferimento anch’egli si ritrovera’ disoccupato o peggio sara’ costretto a trovarsi un lavoro.

    Mentre c’e’ chi si limita a guardare le pagluzze, in tutto il mondo e’ ben evidente la disastrosa situazione italiana e del suo ridicolo rappresentante con tutta la sua schiera di ladri,corrotti e puttane.

    Proprio oggi, il plurindagato corruttore e favoreggiatore della prostituzione bciamano di gheddafi e amico di lettone di putin, ha chiesto all’Europa di essere accolto.

    La richiesta e’ stata accolta, per doveri istituzionali, con stupore e imbarazzo da parte delle alte cariche europee ben consapevoli che proprio oggi, il nano incatramato si sarebbe dovuto presentare in aula di giustizia.

    Ma tanto si sa’, che il paladino del partito degli onesti diversamente, e’ allergico ad ogni forma di indagini che lo riguardano.

    L’Italia va a picco, e questi ladri irresponsabili vogliono farci credere la loro estraneita’, vogliono imporci sacrifici, tagli e rinunce, lasciando invariati i loro privilegi.

    Non vogliono mettere mano agli evasori fiscali, alla chiesa cattolica e tutti i benefici concessi, alle missioni di guerra estere, alle folli spese militari, alle inutili spese per la gestione delle inutili e costose provincie.

    COMINCIAMO NOI CITTADINI A PRENDERCI LE NOSTRE RESPONSABILITA’.

    ULTIMI GIORNI PER FIRMARE LA CAMPAGNA REFERENDARIA ANTI-PORCELLUM, PER L’ABOLIZIONE DELLE PROVINCIE E PER l’USCITA DEFINITIVA DA ACQUALATINA.

    PROSSIMO BANCHETTO RACCOLTA FIRME, VENERDI 16 SETTEMBRE, PRESSO L’AREA DEL MERCATO ZONA S. VALENTINO.

  5. carlo B ha detto:

    fra non molto ,questi signori avranno le “giuste risposte ” dai loro concittadini , e saranno risposte molto robuste , alle quali non potranno sottrarsi !!! Noi ci siamo tra la gente , e non sembra molto soddisfatta di queste ultime ” approvazioni ” decise dall’attuale Amministrazione .

  6. Otto Dedotto ha detto:

    MACCHEBRAVI!!!! BEN VI STA’ GRULLI CISTERNESI, PIU’ LI BECCATE CON LE MANI NEL SACCO, PIU’ LI BECCATE CON LE MANI NELLA MARMELLATA, PIU’ LI BECCATE CON IL SACCO IN SPALLA, PIU’ VI ACCORGETE CHE L’ARGENTERIA STA’ SPARENDO PER VIA DI QUATTRO CIALTRONI e piu’ non vi frega niente!
    NON VI FREGA NIENTE NEMMENO SI SIETE CON LE PEZZE AL CULO.
    NON VI FREGA NIENTE NEMMENO SE SIETE RIDOTTI ALLA CANNA DEL GAS.
    NON VI FREGA NIENTE NEMMENO SE SIETE IN BOLLETTA PER CONTINUARE A PAGARE GLI ORRORI DELLA VOSTRA CLASSE DIRIGENTE!!!
    BEN VI STA’ E GODETEVI PURE LE PROSSIME PUTTANATE DEL CALCETTO IN PIAZZA, ACCONTENTATEVI DELLE PIAZZATE DEL CAMPUS E DEI PIAZZISTI CHE SI STANNO ARRICCHENDO ALLE VOSTRE SPALLE ::::ACCONTENTATEVI PURE!!!!!

  7. U79 ha detto:

    Che cani, gira che te rigira alla fine il cetriolo va a fini sempre li…una pseudo soluzione che danneggia nuovamente la cittadinanza privata definitivamente della possibilità di avere non tanto un “giusto” quantitativo di parcheggi (che secondo me a Cisterna non c’è tutta questa penuria che tanti millantano) quanto di una istituzione teatrale. Già me lo vedo il possibile teatrino in uno dei due presunti locali: uno stanzone con le “poltrone” (leggasi sediole) tutte sullo stesso livello stile quello della chiesa (un doppione quindi a soli zero metri di distanza).
    Se la soluzione è questa allora vergogna, col disonore di aver venduto un’altro pezzo di Cisterna, la storica area dell’ex Consorizio Agricolo (palazzo appunto storico il cui abbattimento era a malapena accettabile con la premessa e promessa di ottenere almeno un teatro degno di questo nome) a dei palazzinari. Di quanto lo vogliamo fare sto palazzo? Vista la base su cui può contare penso che almeno 14-15 piani li possa tenere.
    A trio (e qua faccio una mitica citazione 🙂 ) ma che c’avete in testa? Il circo con i clown e i giocolieri?

    Ah vorrei ricordare che se poi si volesse ancora fare veramente un teatro e magari una vera biblioteca (non quella delle bambole che sta a Palazzo Caetani per capirci) c’è un “Palazzone” che aspetta ancora Giustizia, senza doverla temere: l’ex Convento di Sant’Antonio Abate: si quello che volete fare crollare per poterci finalmente fare un centro commerciale cari politicanti.

    Ma che diamine..sarebbe una vergogna: un teatro e una biblioteca con affreschi in un palazzo storico…che schifo che figura ci faremmo con Aprila e Fondi??

  8. invredulo ha detto:

    Ma dici sul serio? se e’ vero e’ una presa per il culo a noi cittadini

I commenti sono chiusi.