Il pifferaio magico

E no caro sindaco la sua replica all’articolo della giornalista di Latina Oggi, Daniela Del Giovine, fa acqua da tutte le parti e non vale la pena di pubblicarla. Lei deve smetterla con la sua mania di protagonismo. Lei è del PDL e non mi risulta che il suo partito e Lei nello specifico si siano dati molto da fare per invitare i cittadini ad esprimersi nel recente referendum. Non tiri in ballo sempre la storia dell’acqua o del pericolo nucleare i quesiti erano 4 (quattro) e Lei non si è mai espresso chiaramente sul quello che il suo partito fa finta di ignorare. GB_bw 08-05-2011 18-30-48Quello che afferma l’uguaglianza di tutti i cittadini dinanzi alla legge. Poi dice anche di sentirsi attaccato a livello familiare, beh ci vuole una bella faccia tosta ad affermare questo considerando le offese a milioni di lavoratori che suo cognato in un delirio tipico del suo normotipo fisico blatera in pubblici consessi. Capisco che sia una parentela ingombrante (al contrario) ma mi chiedo e si chieda “può costui restare ministro?”
Vergogna ecco cosa dovrebbe provare e Le concedo il silenzio data la parentela. Ma evidentemente l’arte di tacere non fa parte del suo bagaglio culturale.
“Opportunismo” ovvero “comportamento di chi si adegua alle circostanze mirando a trarne comunque profitto; disponibilità a compromessi per ottenere un tornaconto personale:”
La smetta di prenderci in giro con il suo presunto buonismo, il piffero si è rotto ed è tempo che Lei se ne renda conto.

Annunci

Informazioni su Redazione

street reporter
Questa voce è stata pubblicata in Editoriale. Contrassegna il permalink.

10 risposte a Il pifferaio magico

  1. Il Vento ha detto:

    In conclusione sulla storia referendum e festa chiusura:

    Il comitato 4 si = Non ha invitato Antonello Merolla
    Il ragazzo che Merolla mette in mezzo con il comunicato stampa delirante smentisce= Non lo ha invitato alla festa della chiusura referendaria

    Quindi Antonello Merolla = scroccone di visibilita’ , imbucato alla festa non desiderato perche’ quella era una festa del comitato dei 4 si al referendum e ufficiale .
    Quindi Merolla con un solo si ufficiale aveva una linea politica e un senso civico diverso rispetto al comitato quindi non puo’ salire sul palco dove i ragazzi si esibiscono mettendoci la faccia per i 4 si .Antonello Merolla aveva una linea politica diversa era fuori luogo

    La verita’ e’ che Antonello Merolla doveva venire alla festa solo per vedere chi c’era per poi perseguitarlo successivamente con tasse non pagate ,attacchi alla famiglia,minacce e altro
    questo e’ il suo metodo di fare politica trasformare Cisterna in un lagher nazista

    Per quanto riguarda me di FLI sono per la legalita’ e quindi pronto alla prossima festa referendaria o politica di sinistra ad aiutare, creando un servizio d’ordine intorno alla
    festa “armato di buona volonta” il primo fascista della PDL che si avvicina finisce all’ospedale dritto dritto ,saremo invisibili ma presenti giu’ dal palco ma pronti a reagire non vedranno neanche da dove sbuchiamo ci prepariamo ad “un’aguato politico” contro chiuque limita la liberta’ altrui, quelli di sinistra hanno il diritto di esprimersi senza controllo di nessuno, perche’ se oggi lo fanno a loro domani lo faranno a noi e’ chiaro quindi uniti contro quelli che io definisco maf…si della PDL

  2. Marco ha detto:

    Regà non perdiamoci appresso a Craxi.

    Quest’articolo si riferisce ad un assurdo comunicato con il quale Merolla si dichiarava in buona sostanza favorevole ai referendum anche se non ha mosso un dito per l’intera campagna elettorale e giustificava la sua presenza alla festa di fine campagna elettorale tirando in ballo l’Idv e sopratutto il comitato referendario di cui sarebbe un grande amico. Inutile aggiungere che tutto ciò è fasullo come la sua amministrazione.

    • Virghil ha detto:

      Purche’ venga tenuta alla larga il continuo tentativo di rigirar la frittata, tentando di far passare il ladro socialista craxi per un benefattore!

      Le dichiarazioni del sindaco Merolla ormai hanno perso credibilita’, in primis il suo sbandierato “amore” per Cisterna, anche all’interno della sua stessa maggioranza non si e’ mai manifestato un atto di fede si e’ invece vista la difesa ad oltranza dei propri interessi politici, una mezza specie di gioco del monopoli, dove Merolla ha semplicemente svolto il ruolo di pedina.

      Adesso e’ ovvio che tutti siano in guardia affinche’ non stiano sulla barca quando stara’ affondando e come sempre si cerchera’ di dimostrare la propria abilita’ per saltare sul carro dei vincitori. Il solito vecchio vizio.

      Oggi proprio a Cisterna si e’ visto il solito teatrino della politica territoriale inconcludente , zappa la’ , di giorgi, merolla & c in occasione della presentazione del fumetto ispirato al buttero di Cisterna Augusto Imperiali.

      Peccato pero’ che non sia stato possibile far notare alle eccellenti presenze di come si stia riducendo il territorio a scapito del’ambiente e delle antiche tradizioni equestri, in nome del profitto e del potere politico ad personam.

      Dai butteri al cemento …..armato dal riciclo!!!!

  3. Paperinik ha detto:

    Questa è la copia “pari pari” di un articolo scritto da Massimo Mazzucco.

    Questo il link all’articolo originale

    http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?com_mode=nest&com_order=1&storyid=296

  4. amopo ha detto:

    “IL POTERE LOGORA CHI NON CE L’HA !”

    Non si detiene il potere per 1700 anni consecutivi per errore. Specialmente quando l’istituzione al mondo che è rimasta a galla più a lungo, dopo la tua, è l’Impero Romano, che si è fermato a “soli” 500 anni di dominio sul mondo.

    Gli imperi, anche i più potenti, sono comunque destinati a crollare per natura intrinseca: le immani forze che sei continuamente costretto a dispiegare, per tenere il mondo sotto il tuo tallone, prima o poi finiscono per rivoltartisi contro.

    Questo però non accade se hai l’accortezza (e soprattutto l’umiltà) di usare, per stare al potere, le immani forze altrui. Quelle passano, tu rimani. Dopo aver dato l’Estrema Unzione a quella vecchia che muore, tu semplicemente ti cambi d’abito, …

    … ed attendi sereno che quella nuova venga a farti visita.

    E’ successo sin da Costantino, passando per i mille imperatori incoronati in basilica e poi dimenticati nella storia, per arrivare ai nostri Mussolini dell’altro ieri, D’Alema di ieri, Berlusconi di oggi. Una volta erano i loro militi a dare la vita per i tuoi interessi, oggi sono le leggi che loro fanno approvare per tuo conto a farli.

    Solamente chi non avesse letto il Gattopardo si era illuso che il “discioglimento” della Democrazia Cristiana, ufficialmente avvenuto alla fine di Mani Pulite, fosse stato reale. E invece, proprio mentre scompariva sott’acqua, il braccio secolare del Vaticano portava a termine una delle più eleganti manovre di affondamento nella nostra recente storia politica. Lo stritolamento invisibile, a tenaglia, del pericolosissimo Craxi (unico vero governo laico cha mai abbia avuto l’Italia), grazie all’alleanza sottobanco stretta con i cosiddetti catto-comunisti di allora. Con la fuga a sinistra bloccata in partenza, togliere lentamente ossigeno al fenomeno Craxi, da parte della DC di Andreotti, è stato solo questione di tempo. E appena ha iniziato ad apparire corto di fiato, gli si è tirata fra le caviglie la bomba Di Pietro, e l’uomo ha dovuto andarsene a morire letteralmente in esilio.

    Ora è toccato fare lo stesso gioco a destra. La DC si chiama UDC (curiose assonanze, non trovate?), Andreotti si chiama Follini, il catto-fascista è Fini, e la doppietta caso Tremonti – caso Bossi sostituisce onorevolmente le mani pulite di Di Pietro; ma il gioco è identico.

    Portare al potere il gonzo di turno, illuderlo di poter accedere al paradiso terrestre del comando imperituro, dissanguarlo a dovere (fargli fare tutte le riforme che riesce a far passare in tuo favore), e poi gettarlo alle ortiche come un’amante appassita in una notte.

    Quando andiamo a votare, la prossima volta, non illudiamoci di scegliere chi potrà aiutarci a vivere un pò meglio tutti quanti. Scelglieremo solo colui che sarà obbligato – o meglio ancora, convinto – a fotterci una volta di più, per conto di coloro che sono da sempre i nostri veri padroni.

    • Virghil ha detto:

      Citazione della citazione:
      “E appena ha iniziato ad apparire corto di fiato, gli si è tirata fra le caviglie la bomba Di Pietro, e l’uomo ha dovuto andarsene a morire letteralmente in esilio.”

      E’ ovvio che, pur essendo legittimo il copia&incolla, chi lo esegue dovrebbe perlomeno leggere cosa propone, ammesso che sappia leggere , prima di copiare&incollare.

      Dopodiche’ tanto per essere precisi, la citazione si riferisce al ladro latitante BOTTINO CRAXI, che oltre ad essersi dimostrato ladro per non sottrarsi alle normali procedure giudiziarie, se ne’ e’ scappato in Tunisia dove e’ morto in LATITANZA non in esilio, cio’ perche’ suppongo che chi non riesce a capire la scrittura probabilmente non distingue la differenza tra esilio e latitanza, e magari si riempe la testa gia’ ampiamente confusa con leggitimi impedimenti, immunita’ e altre amenita’ senza capirne il senso.

  5. Renato Nanetto ha detto:

    Dal sito del comune si legge questa comunicazione:
    Consiglio comunale in seconda convocazione venerdì 17 giugno ore 10:00

    Stranamente il consiglio oggi si tiene in seconda convocazione altre volte in prima la solita trasparenza ed efficienza della macchina comunale. Anche se a dire il vero pare che sia piu’ efficiente la macchina blu del sindaco Merolla con autista, automobile blu guidata da autista personale usata in ogni occasione …caffettino al bar, prime comunoni, funerali, riunioni e assemblee di condominio.

    OGGI ALL’ORDINE DEL GIORNO I SEGUENTI PUNTI DI DISCUSSIONE, QUALCUNO RIESCE A CAPIRCI QUALCOSA???

    1. Approvazione verbali sedute precedenti. ….CHE CA..O VUOL DIRE?

    2. Adeguamento del vigente P.P.E. “Il Centro della città”. Modifica delle N.T.A. per il reperimento delle aree da destinare a parcheggi privati e spazi d’uso pubblico. Adozione ai sensi dell’art.1 bis della L.R. 02.07.1987, n.36 e s.m.i.. …..E POI DICONO CHE LA COLPA SIA DEI CITTADINI QUALCUNO RIESCE A CAPIRE COSA CA..O SIGNIFICA TALE ORDINE DEL GIORNO?

    3. Presa d’atto dell’appartenenza al Demanio Comunale della Via S. Agostino (già strada vicinale Colli della Villa) ……ANDIAMO PROPRIO BENE!!!???

    4. Consenso alla permuta di aree correlate all’attuazione di intervento edilizio privato nel vigente P.P.E. Il Centro della città. Rettifica dei confini prospettanti la viabilità pubblica esistente. ……CHE CA..O VUOL DIRE? MA COME C..O SCRIVONO? MA PERCHE’ QUANDO LI SENTI PARLARE DIMOSTRANO TUTTA LA LORO IGNORANZA E INCAPACITA’ A METTERE INSIEME UNA SEMPLICE CONGIUNZIONE E POI QUANDO DEVONO METTERE NERO SU BIANCO SI ESPRIMONO CON TALI FORMULE?
    NON E’ CHE SARA’ IL SOLITO CETRIOLO CHE VORREBBE FAR PERVENIRE AD IGNARI CITTADINI SOTTO FORMA DI ESPROPRI PER FAVORIRE COSTRUTTORI E MERCENARI DEL CEMENTO DI NAPOLI E DINTORNI?

    5. Adeguamento del vigente P.P.E. delle zone di intervento C5-C6. Modifiche “Ambiti speciali per progetti integrati di intervento n.13 e n.14”. Adozione ai sensi dell’art.1 bis della L.R. 02.07.1987, n.36 e s.m.i.. …..ANCHE QUESTO PUNTO E’ PIU’ CHE CHIARO VERO??? DI SICURO LA MAGGIOR PARTE DEI CITTADINI LEGGENDO TALE ORDINE DEL GIORNO CAPIRA’ LE CHIARE INTENZIONI !!!!

    6. Valutazione inesistenza prevalenti interessi pubblici alla conservazione di immobile acquisito, già di proprietà PETRUCCI Aldo, in applicazione dell’art. 31 del D.P.R. n. 380 del 06.06.2001 e s.m.i. …..CHIARO E COINCISO COME SEMPRE !!!!

    7. Adeguamento del vigente P.P.E. “Il Centro della città”. Modifiche Area per progetti integrati di intervento a carattere prevalentemente residenziale n.1. Adozione ai sensi dell’art.1 bis della L.R. 02.07.1987, n.36 e s.m.i.. …..CHIARISSIMO , ALTRI CETRIOLI DESTINATI A IGNARI CITTADINI.

    Con la firma del mandante esecutore

    IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO
    Dr. Mauro CARTURAN

  6. il vento ha detto:

    Grande Sign Belli sono pienamente d’accordo con lei
    Un salutone a tutti da Danno Collaterale che comunque ci segue ma non puo’ piu’ scrivere “ordini” ma essendo io un normale cittadino e sempre del gruppo di FLI ho piena facolta’ di dire la mia e della base di FLI ,poi al massimo riferisco in caso di problemi ah ah ah ah ah ah ah
    Mettiamo in chiaro per i dementi cosi non ci sono dubbi: non sono la giornalista ,non sono delle forze dell’ordine,
    non sono di FLI Cisterna ma della base nazionale.
    SOLIDARIETA DA TUTTA LA BASE ELETTORALE DI FLI ALLA GIORNALISTA AVANTI COSI PER 3 ANNI NOI FAREMO SEMPRE TIFO SPUDORATO PER TE ,STI CAZZI DELLE CONSEGUENZE
    Si vi spiego Merolla ne ha combinata un’altra ovvero se avete letto e’ andato al comitato referenderio a chiusura della campagna elettorale,comitato per i 4 si quando lui aveva dichiarato solo un si sul nucleare quindi fuori contesto inoltre in mezzo alle bandiere del ernesto guevara (che’) che non mi pare sia un riferimento della PDL ah ah ah ah ah ah ah ah ,neanche il nostro, pero’ non ci andiamo da loro se non espressamente invitati per un dibbattito: ma li sono cazzi ovvero devi rispondere alle domande e a noi ci hanno massacrato (tipo la bossi-fini) e va be’ ,li devi stare al gioco e’ casa loro e devi rispondere educatamente (non puoi pretendere il palco senza rispondere alle domande ma sei matto e poi in questo caso il referendum era meglio non politicizarlo infatti tutti i partiti sono stati giu’ dal palco compresi noi di FLI e zitti.
    Inoltre si prefigurava anche un problema di ordine pubblico Merolla che in consiglio comunale (ho informatori) dichiarava rivolgendosi al PD tanto voi non vincerete mai o io o un’altro di centro-destra ma vinceremo sempre noi . Poi il giorno dopo va tra gli elettori e organizzatori del PD e IDV ma che vuole essere impalato? Non so se lo sa Merolla ma Cisterna e’ molto piu’ vicina ai castelli che a Latina (questione di km) e da quelle parti di solito sono successe cose simili con 24 feriti 2 delle forse dell’ordine ricoverati e botte da orbi per fortuna che a Cisterna sono mosci quelli del PD e IDV altrimenti Merolla adesso camminava sulla sedia a rotelle ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah
    Per la cronaca ebbene dopo tutto sto casino Merolla ha deciso di mandare un comunicato stampa delirante mi aspetto che anche gli altri partiti diano solidarieta’ alla giornalista perche’ non vedo perche’ con soldi del comune Merolla deve insultare chi lavora
    COMUNQUE SONO ORGOGLIOSO DELLA MIA CITTA’ CISTERNA
    SIGNORI ABBIAMO SORPASSATO LATINA Cisterna 58% contro 54% di Latina (che possiede una centrale nucleare) complimenti a tutti!!
    Abbiamo dimostrato di avere piu’ senzo civico di loro (va be’ i coresi ci hanno suonato di brutto 64% di affluenza) ma loro hanno il centro sinistra e li si puo’ parlare liberamente a Cisterna no e’ chiaro.

  7. Gino Cavillo BUTTERO PRECARIO ha detto:

    Salve, SONO UNA DELLE TANTE PERSONE che in questo strampalato paese, essendo costrette ad accettare lavoretti,lavorini stagionali, progetti a contratto, lavori a termine, lavori a chiamata interinale ed altre amenita’ imposte dai nostri bravi ed efficienti politicanti E’ INSERITA NELLA LISTA DELLA PEGGIORE ITALIA.
    L’inserimento nel catalogo dei peggiori e’ ad opera del cognato del sindaco, che abbiamo visto e sentito a Cisterna piu’ volte, promettendo miracoli e tagli agli sprechi afavore dell’efficienza.
    Il risultato lo vediamo tutti i giorni, un sindaco cognato del ministro antispreco e antifannulone ( A BELLE PAROLE) che se ne’ gira in auto di rappresentanza con autista al seguito, un bilancio comunale approvato con inserite folli spese telefoniche, portaborse e damerini al seguito dello stesso sindaco…..CHI PAGA? CHE TIPO DI EFFICIENZA HANNO PORTATO CERTE SCELTE? ….E’ FORSE QUESTA L’ITALIA MIGLIORE? Quella disposta a inchinarsi e arruffianarsi al vincitore di turno per sistemarsi e ottenere vantaggi?
    L’Italia migliore CHE INTENDE IL MINISTRO E’ FORSE QUESTA? ….Visto che ha sempre sostenuto che avrebbe “lavorato” per Cisterna?

    E’ QUESTA L’ITALIA MIGLIORE? …Quella che non fa’ domande, quella che evita chiarimenti diretti, quella che non si interessa e non si accorge delle ingiustizie e degli abusi, quella che chiude sempre gli occhi, che non sente e che non parla.
    L’ITALIA MIGLIORE PER CERTI INDIVIDUI, incluso il sindaco evidentemente, E’ QUELLA DELL’INDIFFERENZA , e’ quella che accetta passivamente ogni decisione presa dalla politica per curare gli interessi personali di questo o di quello.
    Chiaramente anche il comitato spontaneo della rete refeferendaria di Cisterna E’ DA INCLUDERE NELLA LISTA DELL’ITALIA PEGGIORE.
    Ed anche lo stesso inaspettato risultato e’ allo stesso modo da considerare frutto della peggiore Italia, specie quando per tutto questo tempo si sono ignorati i cittadini TENENDO UNICAMENTE CONTO DEI POTENTI E PREPOTENTI RAPPRESENTANTI POLITICI COME FAZZONE E CUSANI.
    Senza tenere conto inoltre che PROPRIO il ministro-cognato si e’ opposto allo scioglimento del comune di Fondi per infiltrazioni mafiose.
    MOLTO MEGLIO L’ITALIA PEGGIORE CHE IL PEGGIOR MINISTRO E PEGGIOR GOVERNO CHE L’ITALIA ABBIA MAI AVUTO.

  8. Io ha detto:

    ..bravo! bravo bravo ben detto!!!
    Questi personaggi che farebbero bene a tacere e invece parlano parlano non hanno capito che più fanno così e più la gente si rende conto di chi sta al governo e di chi ha votato!Poveri loro
    Bravi continuate così che per noi è meglio!!
    io

I commenti sono chiusi.