Santo Antonello aiutaci tu…

Oggi, 2 aprile 2011 a Cisterna di Latina
Annunci

Informazioni su Redazione

street reporter
Questa voce è stata pubblicata in Cronaca, Politica, Satira. Contrassegna il permalink.

18 risposte a Santo Antonello aiutaci tu…

  1. carlo B ha detto:

    Grazie Maurizio per la Precisazione. Comunque il decreto del RE , recepiva la deliberazione del Consiglio comunale di CISTERNA (senza nessuna aggiunta). Se puoi pubblicare questo documento ti sarei grato , anche se l’ho letto (me lo hai fatto vedere tu), perchè dimostra che prima di quella data la nostra citta’ si chiamava CISTERNA (e basta) senza altre aggiunte. Ciao Maurizio

  2. maurizio prosperi ha detto:

    Non fu per volonta’ di V. Emanuele II che Cisterna cambio’ nome da Cisterna a Cisterna di Roma , ma del Consiglio Comunale dell’Epoca che stabili che Cisterna assumesse la nuova denominazione .

    Ho la certezza di questo perche’ ho in archivio una copia di questo documento

    Maurizio Prosperi

  3. carlo B ha detto:

    Ribadisco il concetto : ormai siamo al tutti contro tutti . Non si puo’ obiettare , non si puo’ criticare , bisogna applaudire e riverire chi amministra …e basta! Confermo caro Doriano sono nato a Cisterna (e basta) il 03.07.1957 , conosco molto bene Cisterna e i Cisternesi (siamo dei criticoni) . Quello di cui parli è una cosa di minimo 40 anni fa’ . Pero’ come detto , a me non interessa dire chi è stato più bravo a fare “donazioni” o “elargizioni”(personalmente se avevo abbastanza soldi mi adoperavo sicuramente per la storia e la cultura di Cisterna) . Ce c’entra se uno non è nato a Cisterna , ma ci risiede , non puo’ fare l’amministratore locale??? Ricordo che ci sono consiglieri attuali e anche passati che non sono neanche residenti a Cisterna. per quanto riguarda la proposta dell’ Associazione “Esso Chissi” che rappresento, di togliere il “di Latina” , questa deriva da una verita’ Storica. Cisterna per circa mille anni si è chiamata così, solo nel 1878 con decreto del re V.E. II è stata chiamata Cisterna di Roma, poi con la fondazione di Littoria nel 1932 fu chiamata Cisterna di Littoria, ed infine nel 1948 con il cambio di nome della provincia fu chiamata Cisterna di Latina. Quindi come vedi questa Citta’ cambia nome a seconda se cambia il capoluogo di provincia. Se poi si aggiunge che alcune associazioni di Latina vogliono ritornare a chiamarla Littoria , noi che facciamo?? Per questo abbiamo proposto di chiamarla in modo definitivo : ” Citta’ di Cisterna”. Non c’è pericolo di sbagliare comune, in quanto l’unico comune simile è Cisterna d’Asti , l’altra in provincia di Napoli si chiama : Castello di Cisterna , che è ben diverso. Cisterna di Ninfa , come proposto anche dal consigliere Cicchitti, è sbagliata storicamente, perchè è Ninfa che appartiene a Cisterna e non il contrario. Vi suggerisco di leggere il libro di Umberto PICHI “Cisterna non è di Latina”. Per tornare all’attuale , non credo che questa amministrazione ,almeno fino ad oggi possa vantare dei meriti, se ancora non riescono ad assegnarsi le poltrone dopo due anni e questa è una vergogna per la Citta’ e nei confronti dei cittadini ,che aspettano soluzioni ai problemi .Comunque puo’ piacere o no ,questa nuova forza politica IDV a Cisterna c’è e sara’ presente al fianco dei cittadini e fara’ sentire la sua voce !!!

  4. Doriano Fieramonti ha detto:

    Concordo pienamente con Libero pensatore tant’è vero che questi sono stati i motivi che mi hanno fatto abbandonare l’idv di Cisterna fatto da esponenti di altri paesi il Seg è Velletrano il Presidente è di Roma il tesoriere è di Roma e solo Carlo Buonincontro credo sia di origini Cisternesi ed ama talmente Cisterna che vuole addirittura togliere la dicitura ” di Latina “cosi nel resto d’italia già ci abbinano a Napoli poi gli si spiega che Latina è a 25 minuti da Roma allora cambiano un pò il loro atteggiamento almeno io che giro’Italia da anni per lavoro ho sempre riscontrato questi problemi poi chiaramente chi non si è mai mosso da Cisterna se non per andare a fare il viaggio di nozze questi problemi non li ha mai incontrati “Cisterna e basta” almeno si poteva proporre Cisterna di Ninfa visto che Ninfa è conosciuta in tutto il Mondo. Occasione sprecata quindi per questi motivi non darò mai fiducia a persone “politicamente Incapaci.

    • U79 ha detto:

      esco un attimo fuori dal tema di questa pagina per commentare un passaggio di Doriano:

      “nel resto d’italia già ci abbinano a Napoli poi gli si spiega che Latina è a 25 minuti da Roma allora cambiano un po’ il loro atteggiamento”

      Questo penso che infici poco il discorso sull’opportunità di “Cisterna – e basta”: l’associarci a Napoli e trarne conclusioni negative è un problema di ignoranza altrui non nostra o di quale sia il nome della nostra cittadina.
      Cisterna ha storia nobile ed antica, a Buonincontro, pur non ritrovandomi nel suo credo politico, non posso non dare atto di quanto stia facendo di buono in questo ambito, come privato cittadino e promotore culturale.

      Come collettività comunque noi dovremo fare in modo che Cisterna sia riconosciuta, proprio per la sua storia ed i contenuti che POTENZIALMENTE può offrire, allora ci sarà “Cisterna” e basta anche fuori dai nostri confini e non ci sarà bisogno di collocarlo “regionalmente”. Un giorno magari si dirà “Cisterna? ah si quella del polo archeologico Très Tabernae”….

  5. Doriano Fieramonti ha detto:

    E’ evidente caro Carlo che tu sai poco di Cisterna e dei Cisternesi e mi spiego i commercianti per anni e anni hanno finanziato il Cisterna calcio portandolo a livelli alti personalmente ricordo la gara che facevano allo storico circolo cittadino di Cisterna per donare più soldi al pro Cisterna.

  6. Libero Pensatore ha detto:

    si, ricordo benissimo la posizione dell’Italia dei Valori in merito alla crisi del Kiwi e devo dire che IDV è stato l’unico partito d’opposizione che se n’è occupato(almeno di facciata)

    Purtroppo però il senatore Pedica (IDV) è venuto a dire a Cisterna, terra del kiwi, quindi sarebbe stato per lui un terreno fertile: “creiamo un tavolo di lavoro nazionale per la crisi del kiwi”

    Purtroppo (come hanno riportato i giornali) il senatore Pedica avrebbe dovuto sapere che il tavolo di lavoro era stato già predisposto all’inizio dell’insediamento della giunta Polverini e sono state approvate in commissione agricoltura due proposte di legge:
    una contro infestazioni per interventi per prevenire le infestazioni parassitarie e l’altra che prevede interventi in favore di organismi collettivi di garanzia dei fidi nel settore agricolo. Una proposta che pesa 2 milioni di euro.

    Poi dite che non vincete le elezioni, e te credo…la gente è stufa delle chiacchiere, e degli spot ad effetto. Probabilmente riconosce i fatti in un altro schieramento politico perchè quando l’opposizione ha proposto il tavolo di lavoro, la maggioranza già aveva approvato la proposta di legge!!
    Questo è il problema dell’Italia: che PD-idv ECC ECc sono radicate nel fare la peggiore opposizione contro l’avversario a discapito del proprio paese.

  7. carlo B ha detto:

    Ormai siamo al “tutti contro tutti “, oppure c’è la finta solidarieta’ alla Berlusconi (io sono con voi comprero’ una villa in zona) dell’Amministarzione . Se a Cisterna chiude una fabbrica (vedi GoodYear) la colpa è degli operai che “marcavano visita” , mica della multinazionale che dopo aver intascato i soldi della famosa “cassa del mezzogiorno” , non ha piu’ fatto investimenti. Se non si è creata una filiera , e di conseguenza una industria di trasformazione e commercializzazione , la colpa è dei contadini, non del Comune . Sul fatto che tanti si sono “arricchiti” con il Kiwi , posso anche essere daccordo, daltronde all’epoca i contadini se dovevano abbandonare i vigneti perchè c’era la guerra del vino con la Francia, cosa dovevano fare ?? E’ nomale che un produttore impianti un prodotto che gli renda di piu’ . Non è normale che poi si creino delle “cooperative” , che tutto fanno meno che tutelare i contadini – produttori . Se vogliamo poi ricordare i benefattori Cisternesi , ci sarebbe da fare un capitolo a parte. Per esempio i commercianti, Cisterna ne è piena e ai tempi d’oro , anche loro “viaggiavano alla grande”, grandi Villoni, anche qualche yacht , pero’ non risultano donazioni di ambulanze o che so qualche edificio pubblico , un’iniziativa storico-culturale . Con questo voglio dire ,che è un’antica abitudine cisternese darsi addosso l’uno con l’altro (il detto”se me metto a fabbrica’ Cappelli, nasce a gente senza capoccia” è di queste parti) , ma mai prendersela con chi Governa la Citta’ , perche’ poi si offende qualche “libero pensatore” di turno. Per quanto mi riguarda , cerco nel mio piccolo e con il piccolo Partito che rappresento in qualita’ di Vice segretario locale IDV , di portare avanti qualunque battaglia o problema riguardante qualsiasi Categoria di cittadini . Senza fare distinzioni o differenze tra contadini, commercianti ,operai ecc. ma considerando tutti indistintamente , cittadini di Cisterna. Da qui le nostre iniziative , sull’Agricoltura, Sull’Acqua Pubblica, sul Nucleare e sul problema della Variante di Recupero dei Nuclei abusivi . Quest’ultima battaglia merita una pagina a parte , per spiegare come tanti cittadini sono stati presi in giro per anni , facendogli pagare l’ICI sui terreni come edificabili , ma che di fatto ancora non lo sono. Tutto questo per migliorare la nostra citta’ dal punto politico , sociale , culturale ed anche economico . Buona lettura

  8. Doriano Fieramonti ha detto:

    Ricordo un telegiornale degli anni 80 che definiva Cisterna la piccola Dallas riferendosi al boom delle coltivazioni dei kiwi, ricordo le mega ville che fiorirono a Borgo flora ricordo anche qualche Ferrari dei nuovi ricchi coltivatori di kiwi, ricordo anche Fabio Testi che veniva a Cisterna con la sua ferrari ad acquistare il frutto d’oro, poi man mano che passavano gli anni sentivo frequentemente le lamentele delle nostre Donne che venivano mal pagate ed in nero a meno della metà della paga sindacale di quel tempo, poi per anni mentre i bravi coltivatori di actnidia, facevano sempre più soldi, cadde il silenzio sui kiwi le aziende con pochissimo personale quasi sempre tutto a nero e per la maggior parte a conduzione famigliare continuavano a prendere fondi da tutte le parti se grandinava giù soldi se non pioveva giù soldi se si tagliavano le piante per un altra piantagione giù soldi, molto intelligentemente non si faceva la commercializzazione a Cisterna ( cosa che avrebbe certamente dato occupazione in questo paese) perché chi glie lo faceva fare? visto che guadagnavano molto! Però non mi ricordo un’ambulanza o un pulmino per la scuola donato dai nuovi ricchi ne tanto meno una festa paesana sponsorizzata da loro, adesso il kiwi lo pagano pochissimo il kiwi giallo ha la batteriosi perché e’ solo quello giallo almeno per ora ad essere malato invece si generalizza per alzare la posta in molti dicono che la produzione di kiwi a Cisterna coinvolge pensate bene 14 000 persone un po meno della metà della popolazione, chi dice queste cose sicuramente farà uso di sostanze stupefacenti o è da ricoverare. quando nel 2001 in Italia ce’ stata l’invasione dei cinesi il tessile era il 36% del nostro PIL la voce più grossa, nel giro di pochi anni migliaia di commercianti di artigiani e produttori tessili hanno chiuso le loro attività con molti suicidi se ricordate bene nessuno ha avuto una lira dallo stato in molti ancora oggi hanno perso tutti i loro beni. Domanda? Ma se a posto del Kiwi piantassero Broccoletti non sarebbe meglio??

  9. Virghil ha detto:

    Santo Antonello aiutaci tu …….se riesci ad intercedere con i santi superiori di Fondi Sperlonga e di Roma.

    Nonostante le invocazioni a San Antonello, proprio al comune di Cisterna gli addetti del cosiddetto ufficio stampa, coloro che credo curino la altrettanto cosiddetta “rassegna stampa” del sito comunale, pare invece che gli “girino” le madonne.

    Non e’ la prima volta che capita, ossia le omissioni delle notizie e dei comunicati riportati dalla stampa locale.

    Ebbene nella rassegna stampa del 3 Aprile, tra le pubblicazioni dei vari quotidiani, viene omessa la pubblicazione di pag.22 del quotidiano Latina Oggi.

    O meglio viene omessa la pubblicazione dello spazio inferiore alla pagina dove e’ riportata la riflessione dubbiosa della manifestazione organizzata dalla maggioranza comunale.

    Ecco uno stralcio della pubblicazione omessa, ….e pensare che chi la scrive, ha un orientamento politico ben lontano dal mio:

    – La strana protesta degli agricoltori- di Daniele Lembo

    Se sono solidali con il Pdl che governa perché scendono in strada?

    S T R A NA manifestazione quella che si è
    svolta a Cisterna di Latina.

    Il corteo di protesta, fatto da decine di
    trattori, è stato preceduto dall’affissione di
    manifesti con i quali il Pdl. attestava la propria
    solidarietà ai coltivatori i kiwi ed è questo che
    ha dato alla manifestazione caratteristiche di
    unicità. Se il Pdl è solidale, in un Comune retto
    dal centrodestra, in una Provincia e una Regione
    retti dal centrodestra e con un governo dove,
    meno male che c’è Silvio, a cosa serviva quella
    manifestazione di protesta?

    L’apparato politico,
    vorrei scrivere l’apparato dello Stato ma le
    due cose purtroppo non coincidono, non aveva
    che da muoversi a cascata per venire incontro
    alle esigenze degli agricoltori. La ricerca della
    sostanza (dei fatti e non delle parole) avrebbe
    voluto che il mondo politico agisse con immediatezza,
    invece c‘è stato bisogno del movimento
    di piazza, del «facite ammuina» solo per
    mostrare bandiera.

    …..Quante altre manifestazioni dovranno essere organizzate con la stessa logica?

    Almeno una per ogni punto del programma pre-elettorale.

    …..Amo Cisterna, e’ per questo che aiuto a cementificarla e a renderla invivibile!

  10. Libero Pensatore ha detto:

    per dirla alla DI Pietro: ” ma che c’azzecca ??! “

  11. carlo B ha detto:

    Grande Belli, musiche azzeccatissime ,peccato che non vengono apprezzate dai berlusconidi !!! Eppure erano adatte per la carnevalata rinviata per pioggia . E’ ovvio che la critica non è diretta agli agricoltori , che purtroppo sono vittime di manipolazioni “politiche” . Potevano anche inserirvi un concerto finale, che male c’è. Pero’ non dovevano “sporcare il corso”. Povera Italia e povera Cisterna !!!

  12. Libero Pensatore ha detto:

    anche io la Amo. posso assicurartelo.
    ma tu continui con le frasi trite e ritrite e non dici cosa secondo te dovrebbero fare gli enti locali!

    tutto fumo e niente arrosto! classico elettore di sinistra, antiberlusconiano…e null’altro!

    • Virghil ha detto:

      ….Infatti!

      Si vede l’ammore come lo dimostrano!

      E come quelli che tu definisci “enti locali”, l’impegno e la volonta’ che dimostrano continuamente!

      La premura dei servi fedeli, e’ quella di essere devoti ai loro padroni. Anche perche’ la loro piu’ grande preoccupazione e’ quella di non saper cosa fare senza di essi.

      ….Inchinatevi , baciate mani piedi e culo! QUESTO E’ IL VOSTRO RUOLO!

  13. Libero Pensatore ha detto:

    virghil fare interventi con il tuo solito Terzismo è troppo facile. comincia a dire quello che pensi e come la pensi invece di convincere gli altri su come (secondo te) la pensano altre persone.

    saluti

    • Virghil ha detto:

      ….Il “pensatore” si definisce libero, ma in realta’ si dimostra il LIBERO ZERBINO disposto a tutto pur di difendere l’indifendibile!

      GLI AGRICOLTORI NON DEVONO LAMENTARSI NE’ TANTOMENO PROTESTARE.

      Chi mai avra’ inserito di nascosto, nel programma pre elettorale dell’attuale sindaco, l’impegno a sostegno dell’attivita’ agricola e in particolar modo nei confronti del kiwi?

      Come mai Cisterna di Latina,pur essendo amministrata da una FORTE E COESA coalizione di centro-dx.
      La stessa coalizione che governa la provincia ( dove la poltrona alle ATTIVITA’ PRODUTTIVE e’ riscaldata proprio da un cittadino “multicolor bussines” di CISTERNA), dove il presidente “gentiluomo negazionista” ha ottenuto molte delle preferenze (sic!) proprio da Cisterna,luogo dove egli e’ sempre ben accolto e venerato come la madonnadeimiracoli, insieme al suo illustre compagno di merende proveniente dal miracoloso monastero delle opportunita’ e del clentelarismo di Fondi, che occupa una poltrona nazionale da senatore al servzio del padrone, dell’impunita’, guarda caso nella stessa grande coalizione di centro dx.

      La stessa grande coalizione di centro dx che e’ presente in regione, dove diversi esponenti hanno proprio a Cisterna una sorte di “cittadinanza onoraria” ,vedi galetto oppure di giorgi.

      Nonostante cio’ …..COME MAI CISTERNA IN REALTA’ NON VIENE NEMMENO CONSIDERATA? Abbandonata persino dalle promesse del ministro “nano da giardino” equilibrista dell’efficienza e dell’assenteismo, del circo Barnum degli impuniti!

      Come mai,per Cisterna serbatoio indispensabile di voti, nemmeno un po’ di considerazione?

      Eppure i produttori che vivono della sola attivita’ agricola , da non confondere con gli imprendintori squali che si immergono nelle acque piu’ torbide pur di trarne profitto,chiedono solo un sostegno economico per affrontare questo periodo.

      ……I “bravi” rappresentanti politici, sicuri di poter incassare i loro magri compensi e i loro modesi profitti, scendendo dalle loro modeste automobili (autista incluso), saranno subito pronti a dire e ripetere la solita strofa : E’ CRISI NON CI SONO RISORSE.

      Pero’,non si scandalizzano se si buttano 360milioni di Euro,solo per evitare l’unificazione del voto delle amministrative e dei referendum.

      ANCORA UNA VOLTA, SI DIMOSTRA COME CISTERNA NON CONTI NULLA A LIVELLO ISTITUZIONALE, ….nel periodo elettorale tutte le promesse per impegni concreti , successivamente anche ogni semplice decisione deve essere presa con il consenso della BADANTE DI FONDI o DEL GRAN CIAMBELLANO DI SPERLONGA e semplicemente
      ignorata dal castello (di carte) della regione e da Roma.

      ….IL VERO FANGO NON E’ DI CERTO QUELLO PORTATO DALL’ESAPERAZIONE DEGLI AGRICOLTORI.
      IL VERO FANGO E’ QUELLO LANCIATO COSTANTEMENTE DALL’IRRESPONSABILITA’ E DALL’INCOMPETENZA MENEFREGHISTA DI CHI PRETENDE DI AMMINISTRARCI.

      Bla,bla,bla,bla,bla, cemento,profitto e affari personali….e’ per questo che AMO CISTERNA!!!!

  14. Virghil ha detto:

    Sig. Belli, utilizzare come sottofondo una melodia allegra e festosa? ….Che non accada mai piu’!

    Non si e’ accorto che anche la BELLA NINFA si e’ comossa?

    Non c’e’ piu’ religione CRIBBIO! …Non si poteva proprio rimandare il funerale? Visto che il carrofunebre era proprio d’impiccio e fuori luogo?

    Eppoi questi agricoltori, pur avendo i loro campi ricoperti a moquette, tappeti e parquet si permettono di varcare Corso della Repubblica con le ruote infangate?

    Ma che irriconoscenti, dopo che proprio per essi sono state eseguite le apposite razzaffature d’asfalto!

    Non solo gli si concede l’uso del corso, hanno pure la pretesa di protestare.

    E mica e’ colpa del sindaco se nel programma pre elettorale era stato inserito ( A SUA INSAPUTA) il sostegno all’attivita’ agricola!

    E che caspita !?

    ….E mica e’ colpa del sindaco se quando si tratta di agire FAZZONE CUSANI CAPITANI & C fanno finta di non conoscerlo.

    Volete capirlo o no , che sono solo delle conoscenze occasionali del tipo BUONGIORNO E BUONASERA!

    Ma che ingrati, gli organizzano la protesta, si invitano le testate televisive ,che hanno invaso mezza Cisterna .

    Si pretende la presenza di personcine di un certo tipo, il fior fior dell’incompetenza e dell’indifferenza totale( fazzone capitani carturan ecc ecc ) eppoi ci si lamenta pure!

    ….ECCHEDIAMINE, ma non lo sapete che ultimamente un certo tipo di magistratura espande e diffonde dei batteri insieme a delle infezioni kommuniste?

    A CAUSA DEI TRATTORI AGRICOLI, L’ APPIA ERA PIENA DI TERRA, A DIFFERENZA DEGLI ELEGANTI SUV CHE RIEMPIONO INVECE L?ATMOSFERA DI DELIZIOSI ODORI E PROFUMI DI SOLDI RICICLATI, SOCIETA’ DI COMODO E EVASIONE FISCALE A BUON MERCATO INSIEME AI PROFUMI DI TROIAME VARIO, …..vuoi mettere?

    …..Gli agricoltori si lamentano?
    …..Non riescono piu’ a mettere il pane in tavola?

    CHE MANGINO BRIOSCHES,ALLORA !!!

  15. Libero Pensatore ha detto:

    signor Belli, gli agricoltori piangono crisi e tu metti come sottofondo una canzone allegra e festosa?!?!?

    Ma cos’è una presa in giro o cosa??

    Inoltre fotografare momenti delicati del funerale che era in corso e inserirli nel video mi sembra fuori luogo…almeno x una questione di rispetto! non trovi??

    Ce n’è per tutti….vogliamo parlare dell’inciviltà degli agricoltori che hanno sfilato non pulendo le ruote dei rispettivi trattori?? l’appia era piena di terra!

    chiedono i loro diritti ma non rispettano quelli altrui! e poi di quali diritti parliamo…se il kiwi si ammala non è mica colpa degli enti locali !!

I commenti sono chiusi.