ARSENICO: MA COME STANNO VERAMENTE LE COSE?

Noi del PD avevamo la speranza che in un momento come questo certi steccati politici potessero essere abbattuti MA DA QUANTO ABBIAMO VISTO NELL’ULTIMO CONSIGLIO COMUNALE….COSI’ NON è STATO.

L’intervento da parte dell’amministrazione è stato comunque tardivo e lacunoso nella comunicazione della non potabilità sia ora che nel periodo di deroga , ricordiamoci che la commissione europea aveva ordinato di avvertire i consumatori che veniva erogata acqua che conteneva più di 10 mcg litro e questo non è stato fatto.CMYK base

Ancora oggi manca trasparenza su dove si riforniscono le autobotti che spesso rimangono incustodite e alla merce’ di chiunque, peraltro carente anche l’assistenza agli anziani e alle persone disagiate nel rifornire l’approvvigionamento.

Suggeriamo al Sindaco il coinvolgimento di quei comitati che spesso abbiamo visto vicino a questa amministrazione e di coinvolgerli per rendere un servizio utile alle categorie di cui prima.

Noi del PD Forniremo assistenza a coloro che intendono intraprendere azioni legali nei confronti di acqualatina.

PD CISTERNA

Il Segretario

MAURIZIO ROSSI

Annunci

Informazioni su Redazione

street reporter
Questa voce è stata pubblicata in Salute pubblica. Contrassegna il permalink.

26 risposte a ARSENICO: MA COME STANNO VERAMENTE LE COSE?

  1. Virghil ha detto:

    Mentre acquatruffalatina spa, continua ad inviare regolarmente le richieste di pagamento tramite bollette ai cittadini di Cisterna.

    Mentre l’acqua continua ad essere erogata all’arsenico.

    Mentre inspiegabilmente ( ma neanche troppo), CONTINUA LA DIFESA DELLA SOCIETA’ PRIVATA DA PARTE DELL’ ATTUALE AMMINISTRAZIONE, ANZICHE’ LA DIFESA E LA TUTELA DEI CITTADINI, ….la soluzione continua ad essere quella della distribuzione tramite autobotti.

    Niente male, per una societa’ privata quotata in borsa e gestita da potenti societa’ multinazionali, a cui E’ STATA REGALATA L’INTERA RETE IDRICA CITTADINA ( pagata da tutti i cittadini) E LA STESSA ACQUA.

    Societa’ che a forza di nomine dirigenziali e poltrone da assegnare si e’ ritrovata indebitata, facendo ricorso a finanziamenti bancari che per decisione degli stessi sindaci ( incluso Merolla) SARANNO PAGATI TRAMITE SOLDI PUBBLICI !!!

    Mentre a Cisterna l’acqua all’arsenico continua ad essere erogata e allo stesso tempo l’amministrazione Merolla continua a difendere la societa’ privata acqualatina spa, anziche’ i cittadini utenti,almeno a livello nazionale una buona notizia:

    La Corte costituzionale, infatti, ha dichiarato ammissibili due dei quattro quesiti presentati, tre dal Forum dei movimenti per l’acqua pubblica e uno dall’Idv di Antonio Di Pietro.

    La Consulta ha infatti ammesso il primo e il terzo dei tre quesiti del Forum. Si tratta del quesito che abroga interamente la legge Ronchi che sostanzialmente permette ai privati di accedere in maniera preponderante alla gestione dei servizi pubblici locali, a partire da quello per l’acqua.

  2. marco ha detto:

    Ma perché non parliamo dei veri ladri.

    ACQUALATINA si prepara ad aumentare le bollette. Mi sembra giusto.

    Altro che codacons o comitati civici.

  3. Fabrizio Consalvi ha detto:

    Mio cuggino. Mio cuggino.
    Mio cuggino mio cuggino
    miocugginomiocugginomiocugginomiocuggino
    miomiomiomiogginogginomiomiomiomiogginoggino

    Mi ha detto mio cuggino
    che una volta si è schiantato con la moto,
    – miiiiiiii –
    mio cuggino mio cuggino.
    Mi ha detto mio cuggino
    che poi si è tolto il casco
    e si è aperta la testa,
    mio cuggino mio cuggino.
    Mio cuggino si è tolto il casco,
    mio cuggino si è aperta la testa.

    Mi ha detto mio cuggino
    che una volta ha trovato in spiaggia
    un cane e invece era un topo
    – non ci posso credere: pure a mio cuggino! –
    mio cuggino mio cuggino.
    Mi ha detto mio cuggino
    che una volta è stato co’ una
    che poi gli ha scritto sullo specchio
    benvenuto nell’aids
    – uguale uguale uguale uguale –
    poverino mio cuggino
    benvenuto nell’aids,
    mio cuggino topo cane,
    mio cuggino benvenuto nell’aids.

    Mio cuggino mio cuggino,
    mio cuggino è rispettato,
    amico di tutti.
    Mio cuggino ha fatto questo e quello,
    mio cuggino mi protegge
    quando vengono a picchiarmi
    perché chiamo mio cuggino.
    Anzi: io chiamo a mio cuggino.

    Mi ha detto mio cuggino
    che una volta ha visto una senza reggipetto
    – stìghidin, stìghidin, stish stidùn; aaah –
    mio cuggino mio cuggino.
    Mi ha detto mio cuggino
    che una volta in discoteca
    ha conosciuto una tipa
    che però poi non si ricorda più niente
    e alla fine si è svegliato in un fosso
    tutto bagnato che gli mancava un rene,
    mio cuggino mio cuggino.

    Mi ha detto mio cuggino
    che sa un colpo segreto
    che se te lo dà dopo tre giorni muori,
    mio cuggino mio cuggino.
    Mi ha detto mio cuggino
    che da bambino una volta è morto.

    Mio cuggino mio cuggino,
    mio cuggino è ricercato,
    amico di tutti.
    Mio cuggino ha fatto questo e quello,
    mio cuggino mi protegge
    quando vengono a picchiarmi
    perché chiamo mio cuggino.
    Anzi, sapete cosa vi dico:
    io chiamo a mio cuggino.

    Mio cuggino mio cuggino,
    mio cuggino è preoccupante
    e parla coi rutti:
    “ciao, come va?”.
    Mio cuggino ha fatto questo e quello,
    l’autoscontro e il calcinculo,
    mio cuggino ‘o malamente;
    ma è un prodotto della mente.
    Anzi: ha prodotto della menta
    ma non era autorizzato,
    per cui l’hanno imprigionato.
    Ué.

    Sì d’accordo free Mandela,
    free Valpreda e tutti gli altri,
    ma free anche mio cuggino.
    Anzi: free anche a mio cuggino.
    Na na nai, mio cuggino na na nai,
    na na nai, mio cuggino na na nai.

    Non ci posso credere, uguale, uguale!
    Può essere che siamo parenti!
    Tu com’è che fai di cognome?
    Scusa, per vedere se è la stessa persona.
    Anche a tuo cugino quando ha avuto
    le emorroidi gli è partito il tappo
    e ha ferito l’infermiera?
    Quest’infermiera poi la conosco
    perché mi ha soccorso quando, da piccolo,
    una volta mi hanno sparato,
    e non sono morto!
    Però hanno colpito il ragno
    che usciva in quel momento preciso
    dal tronchetto della felicità.
    Allora che ho fatto?
    Col mio amico Coccodrillo Bianco
    delle fogne di New York
    siamo andati al Pronto Soccorso
    a trovare dei nostri amici
    che si facevano togliere delle cose tipo
    arance, bottiglie, maniglie, porte,
    cani, mondi, quando, a un certo punto,
    chi t’incontro?
    Non ci potevo credere!
    Il mio chirurgo plastico del pronto soccorso preferito!
    Che giornata! Che giornata!

  4. Virghil ha detto:

    E’ veramente molto strano, anziche’ considerare scontato l’appoggio del sindaco a difesa totale dei cittadini che egli rappresenta,si tira in ballo l’immaginazione.

    E ancora piu’ assurdo, i cittadini (nella forma di comitati civici) che pagano il prezzo piu’ alto in termini di costi e di salute, vengono persino accusati di irresponsabilita’.

    Ancora piu’ strana la continua difesa delle consorterie per azioni, nonostante le innegabili responsabilita’ e gli ingenti apporti economici (da parte dei cittadini) per ripianare il deficit della societa’ acquatorbidalatinaspa.

    Deficit determinato sia chiaro, non perche’ la societa’ abbia fatto investimenti atti a mgliorare il servizio di erogazione, la rete idrica, del flusso e per garantire controlli regolari, bensi’ per nomine dirigenziali profumatamente renumerate …..DA NOI CITTADINI-UTENTI COME SEMPRE!

    E come se non bastasse, si vuole far finta di non sapere come abbia VOTATO e di chi abbia preso le parti, il 14 Dicembre u.s. alla conferenza dei sindaci, il nostro sindaco Antonello Merolla.

    ……Un voto a favore dei cittadini, o piuttosto a favore degli interessi di una societa’ privata che continua a fare riferimento a noti esponenti politici?

    Nel frattempo si aspetta l’autobotte, sempre che nell’orario di sosta non si sia al lavoro oppure si e’ impegnati in altro!

  5. Peppe ha detto:

    arsenico, non parlare per immaginazione o per sentito dire, leggi i fatti, e quando io leggo che il sindaco di Aprilia che di certo non sta a destra eppure non demonizza acqualatina e non prende x vere le soluzioni del comitato per l’acqua di aprilia…mi fa riflettere! leggi tu stesso!

    “SE AVESSIMO agito come propone
    il Comitato Civico di Aprilia
    avremmo creato più problemi
    di quelli attuali” – Ancora una volta l’esecutivo
    marca la differenza di strategia
    con l’associazione territoriale che
    da anni contrasta la gestione targata
    Acqualatina. Ancora una
    volta si distinguono le prospettive
    di lotta sul tema acqua. «L’ammi –
    nistrazione comunale ha dei compiti
    diversi da quelli del Comitato
    – ribadisce ancora una volta il
    primo cittadino di Aprilia – se
    avessimo installato, come dice
    De Monaco, il dearsenizzatore a
    nostre spese avremmo creato
    molti più problemi di quelli che
    stiamo affrontando in questo momento.

  6. Arsenico Lupen ha detto:

    Io mi chiedo tutti i giorni cosa fanno quelli di centro destra? E la risposta è: vanno in giro, sono dentro i bar , telefonano agli amici e fanno controinformazione. Perché si sa a Cisterna il passaparola è il mezzo più efficace per denigrare l’operato altrui.

    E’ una questione di stile e le ”checche” di paese sono sempre in azione perché sanno che il territorio è pronto a recepire solo le cazzate. Se uno dice: guarda c’è un problema il sindaco non ti sta tutelando ed i suoi non sono un po’ scemi ( esempio). Tutti i vicini al potere e le moglie casalinghe annoiate, parenti, nonni e zii, vanno in giro con la trombetta e dicono : ma lo sai che quello c’ha le corna oppure: ma non l’hai visto che faccia ha e sempre arrabbiato, ma l’hai visto che scarpe e che capelli? Etc etc.

    Così i problemi reali scompaiono e si parla solo delle corna di chi ha sottoposto il problema così scabroso. C’è gente che sta davanti ai bar tutta la giornata ed i cisternesi invece di chiedersi come campano questi? Li stanno pure ad ascoltare e si bevono pure tutte le minkiate che dicono. Fa comodo ascoltarli e dar loro magari ragione, perché loro possono sempre farti avere un favore, se ti ingrazi uno di loro stai a posto. Cari Cisternesi, oggi avete capito quello che fate. Il Comitato acqua pubblica sta creando problemi al potere locale, c’è subito un Peppe che getta fango e dice: ci sono alcuni che chiedono soldi!!! Non lo provano, intanto lo dicono.

    Questi metodi sono da sempre usati in città in tutte le campagne elettorali, ora sono due le cose, o scopriamo pure noi tutte le corna che portate o iniziamo a fare un passaparola dove spieghiamo alla gente come stanno le cose su tutte le questioni fondamentali della città. Le domande cari concittadini, fatevi le domande invece di abboccare. Ci sono le buche in città? Le vedete? O siete ciechi? Ci sono le autobotti in città le vedete o siete rincoglioniti?

    Se una persona domani vi dice: non vi fidate noi siamo amici vostri da sempre, da generazioni, di famiglia, chiudete gli occhi, ricordatevi le buche, ricordate che se uno, sta tutto il giorno in giro a spettegolare sugli oppositori e solo perché ce magna e vuole continuare a fare quello che vuole senza che nessuno gli dica niente. Pensate pure questo se c’èra un altro governo, ed il problema dell’arsenico fosse capitato ad un altra sindaco magari di sinistra questi signori che sostano ai bar, cosa avrebbero fatto o detto?

  7. Peppe ha detto:

    non è stato capito il mio intervento: non ho detto che vanno banditi TUTTI, ma chi decide di affrontare un ricorso almeno stia attento a non far speculare alle spalle di chi già sta subendo un disservizio!

    Consalvi, perchè ti scaldi tanto??

    mi fà pensare il fatto che ti sei risentito così tanto sul fatto che mi è arrivata voce che alcuni paladini dell’acqua pubblica chiedono soldi ai privati…per eventuali risarcimenti ecc ecc.

    Sto parlando di prevenzione di TRUFFE niente di più…

    coda di paglia?!??!

  8. Virghil ha detto:

    CITAZIONE in libera arrampicata sugli specchi:
    “Merolla non ha mai negato gli interessi dei consumatori e non diamo retta alla bufale per il quale facendo ricorso a destra e a manca si riescono a prendere dei soldi in risarcimento.”

    …..Tanto per poter essere informati ma, in questa vicenda IN CHE MODO IL SINDACO MEROLLA ha tutelato gli interessi dei consumatori?

    Finora la piena tutela e’ stata presa SOLO ED UNICAMENTE nei confronti della societa’ ACQUATRUFFASPA.Societa’ privata facilmente riconducibile agli stranoti e alquanto squallidi,politici di riferimento del’attuale e della passata ammnistrazione.

    ….Almeno che, la considerazione fatta sulle “mazzancolle” sia da considerare come tutela dei consumatori!

    Grazie per gli interventi di Fabrizio Consalvi,….qui si e’ perfino rischiato di far passare le Direttive Europee come semplici consigli da applicare facoltativamente.

  9. Fabrizio Consalvi ha detto:

    Scusa Peppe, non capisco questa tua frase, che cosa dovrebbero essere banditi? chi parla di acqua pubblica? e per quale motivo, non bisogna distrurbare i manovratori?

    Stanno girando anche ditte private che vendono potabilizzatori farlocchi che non levano l’arsenico dall’acqua, che faresti? bandiresti da Cisterna anche le ditte private?

    Per fare il ricorso collettivo con la Codacons bisogna esserci iscritti e l’iscrizione costa 50 euro l’anno, questi soldi secondo te è lecito chiederli?

    Tutti questi sciacalli stanno agendo così facilmente per colpa dei Sindaci che ci sono stati a Cisterna dal 2003 ad oggi, della ASL e di Acqualatina che non hanno informato bene e a sufficienza la popolazione, nonostante la legislazione in materia era chiara:

    La Direttiva europea 98/83/CE, il D.lgs. 31/2001 e il D.lgs. 152/2006, normative quadro che disciplinano il servizio idrico integrato, evidenziano come l’informazione verso i cittadini sulla qualità delle acque sia centrale;

    Art. 9 comma 6 della DIRETTIVA 98/83/CE recita: “Lo Stato membro che si avvale delle deroghe di cui al presente articolo provvede affinché la popolazione interessata sia tempestivamente informata, secondo le modalità opportune, della deroga applicata e delle condizioni che la disciplinano. Ove occorra, lo Stato membro provvede inoltre a fornire raccomandazioni a gruppi specifici di popolazione per i quali la deroga possa costituire un rischio particolare”;

    l’art. 13 comma 11 del D.lgs 31/2001 recita: “le informazioni e raccomandazioni fornite alla popolazione fanno parte integrante del provvedimento di deroga”;

    l’articolo 162 del D.lgs. 152/2006 recita: “Il gestore del servizio idrico integrato assicura l’informazione agli utenti, promuove iniziative per la diffusione della cultura dell’acqua e garantisce l’accesso dei cittadini alle informazioni inerenti ai servizi gestiti nell’ambito territoriale ottimale di propria competenza, alle tecnologie impiegate, al funzionamento degli impianti, alla quantità e qualità delle acque fornite e trattate.”;

  10. marco ha detto:

    Ringrazio anche io il comitato acqua pubblica di aprilia per le preziose informazioni

  11. Peppe ha detto:

    (apparte tutte le polemiche…apro una parentesi che può essere utile a tutti.)

    gira voce che stanno girando dei gruppi di persone che si definiscono di acqua pubblica che chiedono per fare pratiche di rimborso dai 50 ai 200 euro, promettendo risarcimenti sicuri entro poco tempo.

    il disagio lo stiamo subendo certamente, almeno non permettiamo a nessuno di speculare su questa cosa, quindi secondo me dovrebbero essere bandite tutti quelli che stanno nascendo ora come profeti dell’acqua pubblica…e invece magari certamente rivolgersi alle associazioni dei consumatori, la codacons, altroconsumo, ecc ecc…

    saluti

  12. Arsenico Lupen ha detto:

    Ringrazio gli osservatori esterni, ovvero il Comitati acqua pubblica di Aprilia, ci stiamo facendo una cultura..

    Ps Continuate a seguirci qui l’unico modo è avere degli osservatori esterni tipo quelli dell’Onu.

    Ma è possibile che a Cisterna non si riesca a fare un Comitato di acqua pubblica che sia chiaro tanto quanto!!!

    Stiamo messi proprio male. Grazie osservatore esterno continua a seguirci . Comunque se ravvede la necissità chiamate pure i caschi blu tanto qui non reagisce nessuno. Dormono, pacioccosi tanto l’acqua è bona… ce la sia sempre bevuta, che so tutte ste storie….Che brutta fine!!!

  13. Fabrizio Consalvi ha detto:

    L’arsenico si trova nelle vostre case perchè acqualatina non ha fatto gli investimenti necessari per risolvere il problema, perchè forte della deroga ha pensato bene di risolvere il problema solamente nel 2012 quando non avrebbe avuto più lo scudo delle deroghe a 50 microgrammi/litro.

    Il dearsenizzatore che fu messo 5 anni fa non era stato progettato per far arrivare l’acqua a 10 microgrammi/litro ma a 50 microgrammi/litro, il massimo consentito all’epoca.

    Nel frattempo sono falliti due piani di azioni di rientro della durata di tre anni ciascuno, e si stanno facendo le gare per il dearsenizzatore solamente adesso, perchè non le hanno fatte prima? come mai i cittadini non sono stati informati?

    Il giochetto gli si è rotto nel momento che l’unione europea ha deciso di non concedere deroghe superiori a 20 perchè queste concentrazioni provano il cancro.

    Inoltre l’acqua all’arsenico superiore a 10 fa malissimo ai bambini, ma i bambini vissuti a Cisterna che adesso hanno 6 anni, che acqua hanno bevuto durante tutta la loro vita? come gli hanno fatto le pappette e le minestrine i genitori? qualcuno li avvisati di questo problema?

    Se andate a vedere l’ultimo programma degli interventi approvato dalla conferenza dei Sindaci nel 2008 vedrete che il vostro vice sindaco di allora Gildo Di Candilo (delegato dal grande Carturan) oltre a procrastrinare di due anni gli investimenti dovuti di Acqualatina, ha votato a favore (e senza protestare minimamente) di un programma che non prevedeva neanche un’euro per la realizzazione del Collegamento del serbatoio di S. Valentino con Dante Alighieri (opera che oggi Merolla ha detto che Acqualatina sta per realizzare, chissà con quali fondi!).

    Mentre l’Acquedotto Ninfa S. Valentino soveva venire realizzato per la maggior parte con i soldi pubblici (2.650.000 di finanziamenti regionali) e 740.000 messi da Acqualatina. Quest’opera sarebbe dovuta inziare nel 2008, quindi a distanza di almeno 5 anni da quando si è scoperto il problema arsenico.

    Ma in piena emergenza arsenico Merolla fa di meglio. Il 14 dicembre 2010 ha avuto il coraggio di andare in conferenza dei sindaci (lo stesso giorno in cui acqualatina aveva detto che avrebbe aperto le buste per la gara del dearsenizzatore, poi misteriosamente slittata…) e votare senza fiatare per la diminuzione degli investimenti che Acqualatina avrebbe dovuto realizzare entro il 2011, portando questa cifra dai 146.120.000 euro previsti inzialmente a 120.000.000 euro.

    Fabrizio Consalvi
    Comitato acqua pubblica di Aprilia

  14. Fabrizio Consalvi ha detto:

    L’arsenico si trova nelle vostre case perchè acqualatina non ha fatto gli investimenti necessari per risolvere il problema, perchè forte della deroga ha pensato bene di risolvere il problema solamente nel 2012 quando non avrebbe avuto più lo scudo delle deroghe a 50 microgrammi/litro.

    Il dearsenizzatore che fu messo 5 anni fa non era stato progettato per far arrivare l’acqua a 10 microgrammi/litro ma a 50 microgrammi/litro, il massimo consentito all’epoca.

    Nel frattempo sono falliti due piani di azioni di rientro della durata di tre anni ciascuno, e si stanno facendo le gare per il dearsenizzatore solamente adesso, perchè non le hanno fatte prima? come mai i cittadini non sono stati informati?

    Il giochetto gli si è rotto nel momento che l’unione europea ha deciso di non concedere deroghe superiori a 20 perchè queste concentrazioni provano il cancro.

    Inoltre l’acqua all’arsenico superiore a 10 fa malissimo ai bambini, ma i bambini vissuti a Cisterna che adesso hanno 6 anni, che acqua hanno bevuto durante tutta la loro vita? come gli hanno fatto le pappette e le minestrine i genitori? qualcuno li avvisati di questo problema?

    Se andate a vedere l’ultimo programma degli interventi approvato dalla conferenza dei Sindaci nel 2008 vedrete che il vostro vice sindaco di allora Gildo Di Candilo (delegato dal grande Carturan) oltre a procrastrinare di due anni gli investimenti dovuti di Acqualatina, ha votato a favore (e senza protestare minimamente) di un programma che non prevedeva neanche un’euro per la realizzazione del Collegamento del serbatoio di S. Valentino con Dante Alighieri (opera che oggi Merolla ha detto che Acqualatina sta per realizzare, chissà con quali fondi!).

    Mentre l’Acquedotto Ninfa S. Valentino soveva venire realizzato per la maggior parte con i soldi pubblici (2.650.000 di finanziamenti regionali) e 740.000 messi da Acqualatina. Quest’opera sarebbe dovuta inziare nel 2008, quindi a distanza di almeno 5 anni da quando si è scoperto il problema arsenico.

    il prog degli interventi si trova a pag 17 di questo file http://www.acquabenecomune.org/aprilia/IMG/pdf/DELIBERA_N.2_MODIFICA_PIANO_degli_INTERVENTI-_DETTAGLIO_OPERE_x_COMUNE.pdf

    Ma in piena emergenza arsenico Merolla fa di meglio. Il 14 dicembre 2010 ha avuto il coraggio di andare in conferenza dei sindaci (lo stesso giorno in cui acqualatina aveva detto che avrebbe aperto le buste per la gara del dearsenizzatore, poi misteriosamente slittata…) e votare senza fiatare per la diminuzione degli investimenti che Acqualatina avrebbe dovuto realizzare entro il 2011, portando questa cifra dai 146.120.000 euro previsti inzialmente a 120.000.000 euro.

    http://www.acquabenecomune.org/aprilia/article.php3?id_article=4747

    Fabrizio Consalvi
    Comitato acqua pubblica di Aprilia

  15. Peppe ha detto:

    no vabbè quì c’è una questione di fondo che non è stata colta. o almeno i ben pesanti del PARTITO DEMOCRATICO ci stanno facendo la campagna elettorale sulle spalle dei cittadini, prendendoli x i fondelli.

    Merolla non ha mai negato gli interessi dei consumatori e non diamo retta alla bufale per il quale facendo ricorso a destra e a manca si riescono a prendere dei soldi in risarcimento.

    L’arsenico sta nella natura a chi vogliono fare causa questi del PD?? A madre natura per aver fatto un manto vulcanico ricco di arsenico??

    L’idea poteva passare se per esempio l’acqua era inquinata a causa di una cattiva manutenzione dell’impianto o per altri disguidi tecnici. poteva passare se i tubi arrugginiti emanavano sostanze nocive.

    Non per altro…
    il tutto equivale a far causa al governo se un terremoto ti fa cadere la casa.

    ma poi vabbè, si sà. per voi:
    PIOVE: GOVERNO LADRO!

    povera Patria.

  16. Arsenico lupen ha detto:

    Caro peppe allora c’e’ l’arsenico nell’acqua evviva lo avete amesso ce l’avete fatta ,la campagna di disinformazione alle mazzancolle e’ finita!!!!!!!!!!!!!!
    Oppure come ha detto il Sindaco non ci sono piu’ 20 ugl (traduzione 20 sindacalisti sciolti vivi in un litro d’acqua cisternese) ma qualche micro grammo di arsenico in piu’ rispetto alla legge europea che gi obbliga ad uniformarci.
    Il motivo di questo adeguamento e’ che troppo arsenico nell’acqua causa a lungo andare tumori……………….etc

  17. Virghil ha detto:

    Citazioni a ruota libera:

    1-“COMUNQUE NOI DEL QUARTIERE SAN VALENTINO RICEVIAMO L ACQUA DALLE AUTOBOTTI E CI SONO ASSOCIAZIONI CHE PORTANO ACQUA ALLE PERSONE ANZIANE…”

    Ma che EFFICIENZA! ….E pensare che anche le bollette spedite da acquatruffalatina spa, arrivano regolarmente(insieme all’ufficiale giudiziario se non vengono saldate) fino alla cassetta delle lettere.

    Infatti e’ una vera fortuna, pagare le bollette dell’acqua e recarsi all’autobotte per la fornitura!

    2-“POI COME SEMPRE IN ITALIA SIAMO TUTTI CAPACI AD ATTACCARE SENZA CONOSCERE OPPURE RISOLVERE ,ANCHE SOLO PER PURO SENSO CIVICO….”

    ….Ma che stupore insieme a tanta genialita’!
    Probabilmente AMOPO, quando acquista qualcosa non si preoccupa minimamente se l’acquisto corrisponda alle sue aspettative,….MICA E’ UNO CHE SI METTE AD ATTACCARE IL FRUTTIVENDOLO PERCHE’ GLI HA VENDUTO LE MELE MARCE O LE PERE CON LA MUFFA, d’altronde e’ il suo ALTO senso civico.

    ….Se in qualunque momento, dovesse abbassarsi la tensione domestica a casa di Amopo, con la conseguenza di dover buttare tutti gli alimenti del frigo e del freezer, AMOPO continuerebbe ad essere BEN FELICE di pagare una bolletta per un servizio scadente, d’altronde bisognera’ considerare il suo ALTO senso civico.

    3-“maleinformati tendenziosi e anche un po’ ignoranti….se ce’ qualcuno che deve assumersi le responsabilita’ non è certo questa attuale amministrazione ma tutti coloro che erano presenti nelle passate…”

    In effetti, siamo talmente tali informati che lo stesso sindaco Merolla ha sempre ribadito la sua intenzione di continuare sul solco tracciato precedentemente dalla passata amministrazione.
    E continuiamo ad essere tendenziosi, non facendo nient’altro che verificare che la continuita’ finora e’ stata garantita. ….Incluso l’ex sindaco!

    LA CHICCA FINALE LA NUMERO 4:
    4-“e comunque se andate sul sito della comunita’ europea noterete che non sono questi i valori che creano problemi”

    Come mai AMOPO con la sua INDISCUTIBILE preparazione non specifica che la qualita’ e le caratteristiche dell’acqua E’ STABILITA DA UNA APPOSITA DIRETTIVA.

    Tanto per specificare le DIRETTIVE EUROPEE equivalgono a LEGGI che devono essere osservate da tutti gli stati membri.

    Andando sul sito della UE, come suggerisce l’ineguagliabile AMOPO, non si nota proprio nulla di cio’ di cui e’ convinto AMOPO:
    http://europa.eu/geninfo/query/resultaction.jsp?page=1

    Quando si paga per avere un servizio, e’ INDISPENSABILE che tale servizio venga reso nel rispetto delle regole.
    Specialmente nei riguardi dell’acqua a tutela della salute.

    PERCHE’ IL SINDACO CONTINUA A DIFENDERE TALE SITUAZIONE?

    PERCHE’ A TUTELA DEI SUOI CITTADINI NON RICHIEDE IL RIMBORSO PER L’UTENZE E IL BLOCCO DELLE BOLLETTE?

    …..AMOPO non lo sa’ ma’, tutto avviene nel rispetto della “passata amministrazione”!!!

  18. Peppe ha detto:

    marco ma quale rivolta popolare! sembra che è colpa del sindaco e dell’amministrazione se c’è l’arsenico dentro l’acqua.

    ma per favoreeee

  19. marco ha detto:

    Senza contare amopo che sei tu il male informato: il nostro sindaco è stato l’ultimo ad intervenire (prima di noi Aprilia, Cori, Velletri, Rocca Massima) e solo dopo una mezza rivolta popolare

  20. marco ha detto:

    amopo ma per favore…paghiamo una super bolletta per andare a prendere l’acqua all’autobotte!

    Siamo tornati indietro di due secoli quando nelle case non arrivava ancora l’acqua corrente…

  21. Arsenico Lupen ha detto:

    Mi sembra che ci siete voi al governo con la passata amministrazione e visto che la citate sempre, o vi incollate le responsabilità anche dei vostri cari colleghi o vi distaccate da loro ufficilamente.

    Per prendere i voti vanno bene, per le responsabilità sono solo degli altri. Siete la continuazione della Giunta Carturan e non mi sembra che vi siate mai dissociati dalle decisioni prese in materia di acqua privata. Le chiacchiere stanno a zero!!!

  22. amopo ha detto:

    maleinformati tendenziosi e anche un po’ ignoranti….se ce’ qualcuno che deve assumersi le responsabilita’ non è certo questa attuale amministrazione ma tutti coloro che erano presenti nelle passate…il problema dell arsenica esiste da sempre…ma guarda caso mai nessuno ne a parlato!!!!! anche personaggi pd nelle precedenti amministrazioni…..

    e comunque se andate sul sito della comunita’ europea noterete che non sono questi i valori che creano problemi,fermorestando la necessita’ di acqua pura il comune di cisterna è stato il primo ad emettere ordinanza per tutelare i cittadini…

    ripeto siete tendenziosi ,se poi il problema è politico allora ok…

  23. Arsenico lupen ha detto:

    se non era per il PD voi sareste tutti morti avelenati di arsenico….se non lo siete già

    Hai raggione la prossima volta il PD deve lasciare morire i Cisternesi sotto il vostro malaffare se non era per il PD col cavolo che veddevi le autobotti in giro.

  24. amopo ha detto:

    BASTA VEDERE LA REGISTRAZIONE VIDEO DEL CONSIGLIO FATTA DA LAZIO TV E IL PD E’ SBUGIARDATO….CAMPAGNA ELETTORALE CON L ARSENICO…VABBE’ L ARMATA BRANCALEONE SEMBRANO .

    COMUNQUE NOI DEL QUARTIERE SAN VALENTINO RICEVIAMO L ACQUA DALLE AUTOBOTTI E CI SONO ASSOCIAZIONI CHE PORTANO ACQUA ALLE PERSONE ANZIANE…

    POI COME SEMPRE IN ITALIA SIAMO TUTTI CAPACI AD ATTACCARE SENZA CONOSCERE OPPURE RISOLVERE ,ANCHE SOLO PER PURO SENSO CIVICO….

    BEN TORNATA PICCOLA ARMATA BRANCALEONE (SIETE SEMPRE DI MENO)

  25. marco ha detto:

    Ottima iniziativa. Ho votato controvoglia il Pd alle ultime comunali ma devo dire che finora stanno facendo bene l’opposizione, molto più della spenta Nuova Area.

    Se posso darvi un consiglio però cercate di diffondere di più queste notizie fra la gente, fate come sta facendo De Marchis a Latina: riempite Cisterna di manifesti e volantini, fate gazebo in piazza, fateve vede un po’ di più.

  26. Virghil ha detto:

    La proposta e’ piu’ che sensata, oltre che semplice allo stesso tempo!

    Si paga per ricevere un servizio !

    Si paga regolarmente la bolletta(salata) ad acquatruffalatina, affinche’ grantisca l’erogazione e la distribuzione di acqua CONTROLLATA,POTABILE E NEL RISPETTO DELLE NORME EUROPEE VIGENTI!

    Si paga la bolletta ad acquatruffalatina, perche’ ci si aspetta che quest’ultima esegua controlli regolari e periodici per garantire la qualita’ dell’acqua erogata!

    TUTTO CIO’ NON SI E’ VERIFICATO,SI E’ INVECE MANTENUTA LA DIFESA DELLA SOCIETA’ PRIVATA ACQUALATINA!

    SI E’ RITENUTO OPPORTUNO FAR FINTA CHE LA SOCIETA’ PRIVATA ACQUALATINA, NON FOSSE RITENUTA RESPONSABILE DI TALI GRAVI MANCANZE!

    L’ATTUALE AMMINISTRAZIONE, HA PREFERITO PRENDERE LE PARTI DELLA SOCIETA’ AQCQUALATINA ANZICHE’ TUTELARE E DIFENDERE I DIRITTI DEI CITTADINI!

    ….Quale sarebbe la reazione del nostro sindaco se domani acquistando ad es. del pane, scoprisse in seguito che tale pane sia vecchio e ammuffito?

    Forse lo mangerebbe gustandolo senza problemi( visto che le muffe hanno generato le pennicilline), e senza fare storie dal proprio panettiere?

    PERCHE’ NON PRENDERE LA DIFESA DEI CITTADINI CHE IGNARI DELLA CONTAMINAZIONE, HANNO UTILIZZATO L’ACQUA EROGATA(dichiarata a norma di legge) A PAGAMENTO?

    COSA CI SAREBBE DI TANTO STRANO E DI TANTO SOVVERSIVO PRETENDERE UN EQUO RIMBORSO DA CHI NON HA MANTENUTO GLI IMPEGNI BASILIARI?

    …..ACQUATORBIDALATINA e la complicita’ degli amici degli amici?

I commenti sono chiusi.