PROBLEMA ARSENICO NELL’ACQUA POTABILE

Oggi pomeriggio, alle ore 15, è stata indetta dal sindaco Merolla una conferenza stampa nella quale verrà affrontato e discusso il problema.

Ed ecco quanto è stato detto ai giornalisti presenti.

II^ parte

III^ parte

IV^ parte

Fine

Questo è quanto. A voi i commenti

Annunci

Informazioni su Redazione

street reporter
Questa voce è stata pubblicata in Salute pubblica, Servizi. Contrassegna il permalink.

Una risposta a PROBLEMA ARSENICO NELL’ACQUA POTABILE

  1. Virghil ha detto:

    Grazie Giuseppe Belli, per le preziose informazioni e per l’eventuale resoconto di quest’incontro.

    Chissa’, se ci verra’ finalmente detto da QUANTO TEMPO persiste tale situazione e da quanto tempo stiamo assumendo acqua inquinata oltre ogni limite.

    Chissa’, come giustificheranno tale silenzio.

    ….Chissa’?

    Oppure la colpa sara’ data all’U.E., che si e’ opposta all’innalzamento dei parametri inerenti alla quantita’ di arsenico ammissibile nelle acque?

    La giunta comunale, continuera’ a ritenere estranea la societa’ privata acqualatina?

    La giunta comunale, continuera’ a giustificare la societa’ acqualatina?

    La giunta comunale, continuera’ a difendere la societa’ acqualatina nonostante la diffusione di dati non veritieri ed in contrasto con quelli della ASL?

    La giunta comunale, qualora le indagini e le ispezioni evidenzieranno le responsabilita’ e le imprudenza avra’ il coraggio di tutelare i cittadini?

    Avra’ il coraggio di fare ricorso tramite una class-action, verso la societa’ acqualatina ?

    Intanto, si potrebbe benissimo ipotizzare che la complicita’, nel nascondere i risultati delle analisi dell’acqua erogata, sia duplice .

    Da una parte la societa’ privata Acqualatina spa, a cui e’ stata REGALATA la nostra acqua insieme alla rete idrica realizzata dai contribuenti cisternensi, dall’altra lo stesso comune di Cisterna il quale, inutile nasconderlo, ha da sempre favorevolmente sostenuto la societa’ privata Acqualatina ….se non altro perche’ custodita gelosamente dai due promotori d’eccellenza : IL FEUDATARIO DI FONDI C.FAZZONE e il suo FEDELE SCUDIERO A. CUSANI da Sperlonga .

    Ad ogni modo, le inadempienze e le omissioni sono da considerare imperdonabili, il risanamento doveva essere tempestivo, mentre invece si e’ proceduto con il solito pasticcio all’italiana .

    Continueranno come sempre a darcela a bere?

I commenti sono chiusi.