LO STADIO BARTOLANI E’ PRONTO. SI GIOCA DOMENICA 28 NOVEMBRE

E’ stata firmata ieri dal Sindaco Antonello Merolla l’autorizzazione all’uso dello Stadio Domenico Bartolani per disputare gli incontri di calcio della Vigor Cisterna. In attesa del perfezionamento della convenzione, è stata anche disposta l’ordinanza per consentire al pubblico di assistere alle partite a partire da domenica 28 novembre.Stadio Bartolani_esterno
“Ringrazio tutti gli uffici comunali, l’Assessore ai Lavori Pubblici Valentino Leone, il già delegato allo Sport Gianni Giarola e tutti coloro che si sono prodigati per il completamento dell’opera – afferma il Sindaco Merolla -. Visti i pochi giorni dalla prossima partita casalinga del campionato d’Eccellenza, fissata per domenica prossima, di concerto con la Vigor Cisterna è stato deciso di inaugurare il campo con la partita del 28 novembre. Questo spazio di tempo consentirà ad entrambi di organizzare al meglio la consegna di uno stadio, totalmente nuovo, al calcio ed a tutta la città”.
“Mi unisco ai ringraziamenti del Sindaco – ha aggiunto il Presidente della Vigor Cisterna, Domenico Capitani – e la società si dichiara pronta all’ingresso nello stadio. Avere più tempo a disposizione per la prima gara consentirà di definire le formalità necessarie per la convenzione tra il Comune e la società così da assicurare una corretta gestione dell’impianto e la stipula delle polizze assicurative per la partecipazione del pubblico alle gare. Questa inoltre ci impegnerà a svolgere quei lavori di rifinitura che renderanno ulteriormente funzionale l’impianto sportivo. Anche dal punto di vista sportivo, questo spazio di tempo darà modo ai nostri ragazzi di praticare il nuovo campo in erba sintetica ed a noi di organizzare al meglio una Giornata Biancoceleste in cui avranno modo di esibirsi tutte le varie categorie giovanili e la scuola calcio prima della partita ufficiale d’Eccellenza”.

Annunci

Informazioni su Redazione

street reporter
Questa voce è stata pubblicata in Cronaca, sport. Contrassegna il permalink.

21 risposte a LO STADIO BARTOLANI E’ PRONTO. SI GIOCA DOMENICA 28 NOVEMBRE

  1. il partito dell'amore . ha detto:

    visto che lo hai notato e’ lo zizino che usa il furbo per inchiappettare i cittadini , e poi non e’ che lo vorresti anche tu a ritmo di bunga bunga?

  2. player ha detto:

    Comunque mentre noi parliamo discutiamo la buttiamo a cagnara c’e’ lui che continuaa fare gli affari cicciotti dove c’e’ da guadagnare alla faccia dei cittadini.Voglio trovare un’altro nick name questi non mi piacciono.

    • dan7m ha detto:

      Faresti meglio a trovarti pure un altro mostriciattolo, che quello attuale mi pare abbia lo zizino di fuori…:-)

  3. ozzy osbourne ha detto:

    Io conoscevo molti anni fa’ una Marisa Boccastretta ma a Cisterna la chiamavano tutti la racchia ma adesso credo sia morta pace all’anima sua .

  4. carmen ha detto:

    X Arsenico

    Grazie per la parentela, ma nn sono la sorella del sindaco
    mi dispiace per te ma, hai preso un grande abbaglio.!!

  5. il male nessuno se lo compra ha detto:

    Certo che fa’ rabbia apprendere le notizie addirittura dall’europa per quando riguarda il valore di accettabilita’ di arsenico disciolti in un lt d’acqua POTABILE erogato da ACQUALATRINA. Tutti sapevano che gia’ qualche anno fa’ i mcg erano di piu’ del tollerabile fecero una modifica sui valori max e tutto filo’ liscio.Dopo un po’l’ente gestore mise dei FILTRI in zona franceschetti riusci ad abbassare lievemente i valori e tutti vissero felici e contenti.. MA NON E’ COSI’ PER LE CENTINAIA DI PERSONE CHE SONO MALATE DI TUMORI ALLA PROSTATA AI POLMONI O DI DECINE DI BAMBINI ANCHE LORO MALATIPER I QUALI GLI SPECIALISTI NON RIESCONO A DARE UNA SPIEGAZIONA LOGICA PARLANO DI EREDITARIETA’ DI PROBLEMI AMBIENTALI DI INQUINAMENTO…MA PUO’ ANCHE ESSERE DOVUTO ALL’ARSENICO DELL’ACQUA CHE SECONDO GLI STUDIOSI AMERICANI SUI BAMBINI HA UN EFFETTO PATOGENO QUINTUPLICATO RISPETTO AD UN ADULTO… QUI CI SONO TUTTE LE CONDIZIONI PER INTRAPRENDERE UNA AZIONE LEGALE COLLETTIVA CONTRO CHI HA TENUTO NASCOSTO QUESTO GRAVE PROBLEMA DI SANITA’ PUBBLICA .CHI HA SBAGLIATO DEVE PAGARE CHI ERA PREPOSTO A TUTELA DELLA SALUTE DEI CITTADINI DEVE ESSERE DENUNCIATO E CONDANNATO IN MODO ESEMPLARE .

  6. Arsenico ha detto:

    Io propongo una petizione contro i parenti e le sorelle, magari quelle che si chiamano Rita o Carmen o Marisa ( tanto è sempre la stessa persona con diversi nik, e con i capelli rossi così la potete individuare), pensate al veleno, all’arsenico voglio proprio vedere cosa farà il vostro sindaco ora….pensate alle cose serie e non solo al vostro tornaconto parentelare. Anche quello che sta succedendo è un complotto? Bevici su Marisa acqua di rubinetto a scatafascio ai visto mai che risolviamo il problema? andate su i siti e vedete come stiamo combinati in materia di arsenico a Cisterna….
    Occhio al rubuinetto e apriamo un discussione su queste cose di salute pubblica e non sui problemi d’immagine che chi non sa governare scarica sugli altri.

  7. marisa ha detto:

    Cisterna è piena di SUSSURRATORI. cominciamo a visitare le pagine del Comune, vedere le VERE opportunità che dispone per i residenti e commentare le notizie ufficiali, il tutto senza ascoltare i sussurri.

    le voci girano, forse anche apposta…ma non dobbiamo dar retta! ribelliamoci cisternesii!
    ribelliamoci a quello che su questo sito chiama CISTERNA “terra dei cachi”
    ribelliamoci alla stampa locale che ogni giorno dice quello che gli fà comodo.
    ribelliamoci a molti giornali, latinaoggi in primis che spara sentenze ogni giorno sull’amministrazione comunale, solamente per un mero scopo politico (propongo una petizione su questo argomento, poichè sono minimo 10 anni che compro ogni mattina latina-oggi prima di andare a lavora, ma ora la linea editoriale su Cisterna è diventata illegibile!

    forza Cisterna. abbasso gli anti-cisternesi.

    • Virghil ha detto:

      Finalmente ci mancava proprio l’intervento di MARISA LA RIBELLE !

      Se ne sentiva davvero la mancanza !

      Marisa la ribelle !
      Ovviamente la ribellione deve essere nei confronti di chi evidenza l’immobilismo , l’incapacita’ e il tirare a campare di questa amministrazione che doveva rappresentare il nuovo .

      Invece , nonostante ci sia chi vuol negare l’evidenza , ci si ritrova con una amministrazione di giunta con le stesse persone e con gli stessi obiettivi di ritorno personale da difendere per dimostrare il proprio potere politico e aziendale .

      Pertanto , che i cisternensi facciano tesoro degli inviti di MARISA LA RIBELLE a ribellarsi .

      Ma ribellarsi a chi ?

      ….Se i residenti di Cisterna , si ritrovano a camminare facendo lo slalom tra automobili in doppia sosta posteggiate sui marciapiedi con chi dovrebbero ribellarsi?

      …Se nel centro di Cisterna continuano a dominare “misteriose” buche , con chi dovrebbero ribellarsi ?

      …Se non si fa’ nulla per la biblioteca , che continua ad essere in pieno stato di abbandono , con chi dovrebbero ribellarsi ?

      …Se i disagi sociali sono in aumento senza che si sia dimostrata alcuna volnta’ sufficiente per affrontarli seriamente , con chi dorebbero ribellarsi ?

      …Se si continua a distruggere il territorio , se si continuano ad oltraggiare le aree agricole , con chi dovrebbero ribellarsi ?

      …Se il centro storico e’ sempre piu’ mortificato , ed ogni giorno a rischio crollo (stile Pompei ) , con chi dovrebbero ribellarsi ?

      …Se si concedono ingiustificabili concessioni edilizie insieme ad assurdi indici di edificabilita’ a privati , con chi dovrebbero ribellarsi ?

      …Se poi ci si accorge che i privati costruttori , sono in realta’ imprese non di Cisterna e che si avvalgono di manodopera non locale facendo ricorso ai subappalti , con chi dovrebbero ribellarsi ?

      …Se l’edilizia popolare o quantomeno convenzionata , e’ lasciata ai magini , ed e’ in forte aumento il disagio abitativo , con chi dovrebbero ribellarsi ?

      …Se si continua a difendere la privatizzazione dell’acqua nonostante essa venga erogata all’arsenico all’insaputa dei suoi cittadini , con chi dovrebbero ribellarsi ?

      …Se i debiti comunali , continuano ad essere affrontati con rinegozazioni che altro non sono ULTERIORI AUMENTI ed allungamenti dei termini di scadenza , con chi dovrebbero ribellarsi ?

      …Se i lavoratori ex Goodyear dopo tante promesse di impegno si ritrovano con un pugno di mosche in mano , nonostante i cospicui finanziamenti concessi ad un privato (tramite l’intermediazione comunale ) , con chi dovrebbero ribellarsi ?

      …Se la preoccupazione principale e’ quella di salvaguardare la maggioranza e non quella di occuparsi dei problemi della citta’ ascoltando i prpri cittadini , con chi dovrebbero ribelarsi ?

      MARISA LA RIBELLE SAPRA’ INDICARVI CON CHI DOVRETE RIBELLARVI .

      …I cittadini che notano le anomalie e l’immobilismo , i giornali ed i mezzi d’informazione che denunciano carenze e giochi di potere !

      I veri responsabili invece , sono da considerare degli INTOCCABILI !!!

      ……Mentre tutti coloro che invece , fanno notare le numerose anomalie carenze e l’invivbilita’ di un intero territorio in cui vivono e pagano le tasse regolarmente SONO SEMPLICEMENTE CONSIDERATI ANTI-CISTERNA !!!

      Un saluto dalla terra dei cachi .

  8. sindaco ha detto:

    domenica si gioca al bartolani ingresso gratuito!

  9. U79 ha detto:

    Si sussurra che non si giocherà in questo fine settimana al Bartolani e sarà tutto rimandato…qualcuno ne sa qualcosa?

  10. Virghil ha detto:

    Senza dubbio il “patto di stabilita’ ” nei confronti degli enti locali , rappresenta un ostacolo agli investimenti di risorse che si dispongono in cassa .

    Purche’ pero’ tale vincolo , non costituisca un alibi per le opere incompiute dimenticando di applicare le penalita’ previste per chi irresponsabilmente ha sospeso la prosecuzione dei lavori .

    E soprattutto tale vincolo non diventi una scusa per affidare al privato opere pubbliche che garantiscono piu’ di altre profitti e vantaggi .

    A maggior ragione in tale momento , in cui con il nuovo rimpasto di giunta sembra piu che probabile l’ingresso di uno degli uomini a rappresentanza di chi , ha gia’ piu’ volte espresso la voglia di volersi occuparsi della realizzazione di importanti ( e redditizie ) strutture pubbliche da destinare all’attivita’ sportiva .

    Ad ogni modo , non sara’ di certo il “patto di stabilita” ad impedire la riduzione dei costi della politica .

    Un saluto al sindaco Antonello Merolla e a tutti voi .

  11. Antonello Merolla ha detto:

    si chiama ” patto di stabilità” cioe la legge finanziaria emanata dallo stato obbliga i comuni di restare all’interno di alcuni limiti imposti da un laborioso calcolo di percentuali che va dalla spesa del personale alla spesa per gli investimenti ( opere pubbliche comprese il rifacimento degli asfalti ect.) questi limiti sono molto ristrettivi per un comune come il nostro, infatti queste percentuali ci danno la possibilità di spendere per investimenti circa due milioni di euro l’anno, considerando che le opere pubbliche in essere (di cui una finalmente conclusa “lo stadio2) hanno dei costi che oscillano fino a quattro milioni di euro circa (palazzetto dello sport) siamo costretti a diluire nel tempo il completamento dei lavori per avere la possibilità di pagarli( cioe i soldi li abbiamo ma non possiamo spenderli), è una situazione difficile da capire sopratutto quando le cose da fare sono molte. quanto sopra è una maniera molto sintetica per spiegare cos’è il patto di stabilità, da non confondere con mutui o cose varie è basata sopratutto con i flussi di cassa.

    • Gabriele Paterlini ha detto:

      Buongiorno Sig. Sindaco,

      se questo patto di stabilità impone un tetto di spesa ben preciso diventa fondamentale la pianificazione dei lavori.
      E’ corretto affermare ciò?
      Ancor più importante è pianificare la costruzione di opere “su misura” piuttosto che una serie di cattedrali nel deserto.
      Se un palazzetto ha un costo stimato di 4 milioni di euro mi viene da pensare che questo rappresenti un’opera “faraonica”, un’opera “fuori taglia” per un Comune che può spendere un massimale di 2 milioni/anno.
      Cioè, sto palazzetto lo si potrebbe completare potenzialmente in 2 anni se tutti i fondi disponibili venissero riversati solo ed esclusivamente in quel progetto senza sostenere altre spese dovute al rifacimento della pavimentazione stradale, spesa del personale spesa per gli investimenti, spesa per abbattimento piante…
      Voglio dire, dovendo dilazionare quei soldi su tutto quanto da Lei già citato in fatto di spese…..sto palazzetto, quando verrà ultimato?
      Mi punge vaghezza che si possa andare decisamente alle lunghe.
      Senza considerare che, di norma, quando dei lavori vengono interrotti portano i costi a lievitare visto che alla successiva riapertura del cantiere non sempre tutto viene a trovarsi così come lo si era lasciato.

      A meno che non subentrino sponsorizzazioni esterne…e qui mi fermo sennò passo per il solito mal pensante.

      E allora, daccapo, non era meglio pensare ad una struttura meno faraonica, ma a qualche cosa di pratico e funzionale?
      Cisterna ha davvero bisogno delle sue cattedrali nel deserto??
      Cioè, mi viene in mente il tizio che si impegna pure le budella per comprarsi una super vettura e poi si vede costretto a non usarla perchè non ha una lira per metterci la benzina. Magari è pure senza garage e a tenerla esposta alla intemperie se la vede ogni giorno consumarsi senza poterla neppure sfruttare per un giretto domenicale….

      Resta ben inteso che questa non vuole essere una critica a Lei rivolta: questo progetto credo sia figlio della passata amministrazione.
      Se sto dicendo delle castronerie Vi prego di scusarmi.
      Sta di fatto che Cisterna si trova a dover fare i conti con opere pubbliche mai ultimate, pagate anche con i soldi di noi cittadini, e che “rischiano” di finire in mano a dei privati…

      Saluti,
      Gabriele Paterlini

    • U79 ha detto:

      Ok leggendo la risposta del sindaco Merolla ed il commento di Paterlini mi viene da da farmi delle domande.

      Calcolando
      – Che il cantiere del Palazzetto sta aspettando, presumo, il nuovo anno per ripartire (visto che si dovrebbe riazzerare tutto);
      – Che le spese che comporta il Palazzetto per la sua ultimazione potrebbero (questo non lo so perché non so quanti soldi bisogna titare ancora fuori) saturare il limite imposto dal patto di stabilità;
      – Che immagino non sia in programma di ridurre il parametro alla voce “spesa del personale” allo scopo di poter investire di più nella città e nelle opere inconpiute;
      – Che la maggioranza durante il periodo di crisi ancora non concluso ha preso l’impegno di trovare una soluzione per le buche (entro fine anno addirittura?) che necessariamente implicherebbero anche un’esposizione economica da parte del comune, di avviare il polo sanitario;

      1. Che tempistiche dobbiamo attenderci per il Palazzetto?
      2. Com’è possibile che sul cartellone dei lavori del Palazzetto che ho letto tempo addietro ci fosse una data di consegna assolutamente incompatibile con le imposizioni del patto di stabilità (e non è stata neanche corretta)?
      3. Ammettendo per assurdo (e proprio di assurdo mi sa che stiamo parlando) che la giunta oggi cominciasse a lavorarci e domani fosse in grado di definire la soluzione dell’ignobile caso “buche”, quale potrebbe essere l’incidenza reciproca tra soluzione e patto?
      4. Al di la di spese per il personale, per la manutenzione delle strade, per l’organizzazione di eventi (Fiere, Estate Cisternese,…) cosa dobbiamo aspettarci per le opere necessarie per il futuro di Cisterna di qui diciamo ai prossimi 5 anni. Ci sono in sospeso le buche, il palazzetto, l’ex convento di Sant’Antonio da restituire alla comunità, la casa della salute, il polo museale di palazzo Caetani, il polo archeologico incentrato a Tres Tabernae, una pista ciclabile, la Cisterna-Valmontone (per lo meno per le competenze del comune), la questione edilizia popolare, la realizzazione di un circuito ciclabile per favorire il turismo a due ruote,….

  12. !!! ha detto:

    naturalmente il ppalazzetto è un bottino ghiotto! se solo si pensa a tutte le cose che si potrebbero fare li dentro! concerti spettacoli, e chi piu ne ha piu ne metta! sicuramente è solo campagna elettorale o meglio far credere di far del bene alla comunità ma in effetti si fa del bene solo alle proprie tasche! tutti sanno che il nuo plesso dell’istituto, a due passi dal palazzetto, lo sta costruendo un privato e la provincia di cui ne è proprietario, ha fatto un private financialig, cioè cotruisce il privato e gli paga l’affitto finchè nn ha ripagato tutti i lavori…. non sarebbe neanche male come idea, se il privato non è il SOLITO privato!

  13. !!! ha detto:

    i soldi del palazetto sono bloccati causa ” qualcosa d’intesa” ora nn ricordo bene il nome tecnico di questo limite imposto dal governo sulle spese dei vari comuni…. sentivo l’altra sera ad extra tv dove il nostro sindaco era ospite….. in pratica ci sono dei limiti nelle grandi spese, cioè anche se loro hanno in piedi un cantiere di 10mila euro ( facciamo un esempio) e nelle casse comunali ce ne sono 50mila…. il comune è obbligato a dilazionare quei 10mila euro in un mutuo o qualcosa del genere…. spero di aver capito bene… magari il sindaco che è un lettore del blog ci puo spiegare meglio!

    • U79 ha detto:

      Patto di stabilità: vi sono dei fondi bloccati (2mln di euro, che basterebbero x concludere i lavori, se non erro). Allora xché sento di privati (se non ricordo male “politici privati”) che si offrono di dare, per così dire, una mano? Farsi pubblicità? Raccogliere voti? Fare business con la torta ghiotta?

      Qui c’è aria di nuove lungaggini che ovviamente penalizzeranno, financo ad umiliarla, la comunità cisternese.

  14. U79 ha detto:

    Per il momento io indirei un bel concorso: chi imbratterà per primo lo stadio? oppure quale sarà il murale più oltragioso che i writers ci regaleranno sulle mura del Bertolani?

    Vedremo come la collettività cisternese, i ragazzi soprattutto, apprezzerà l’eccessivamente tardivo compimento dell’opera tanto agognata.

    Per il momento mettiamoci comodi, è appena iniziato il periodo di due lustri che servirà per compiere il palazzetto dello sport.

    (P.S.: ma i fondi che furono stanziati in illo tempore sono stati “protetti” dalle grinfie di mal’intensionati? Oppure qualcuno se li è magnati? O ancora sono serviti per mettere pezze qua e la?…io penso ci si potrebbe fare su un bel reportage, pane caldo e fragrante per i giornalisti che hanno un minimo di iniziativa!)

    • dan7m ha detto:

      Intanto il surf delle auto sul marciapiede prosegue proprio sull’area alle spalle degli spalti del Bartolani, cioè all’ingresso.
      Nei giorni scorsi era aperto almeno in un paio di occasioni per gli allenamenti, e ho notato diverse auto comodamente parcheggiate sull’area pavimentata. E’ consentito oppure no?
      Il parcheggio tra lo stadio e la ferrovia era mezzo vuoto, segno che la mamma dei sederi pesanti è sempre incinta…Come diceva quel cantante? “Siamo noi gli inabili”…

      Daniele

  15. Gabriele Paterlini ha detto:

    Il mio ideale politico è decisamente “distante” da quello rappresentato dal PD del Consigliere Sig. Isacco.
    Ciò nonostante trovo opportuno dargli merito per aver preso una posizione ben precisa (vedi rassegna stampa odierna) circa la gestione dello <b<Stadio Bartolani, posizione che, a parer mio, è corretta e va valutata attentamente.

    Non sto certo criticando come verrà gestito lo Stadio e le attività che vi si svolgeranno perchè non ne son gran che.
    Sono certo il ns. Sindaco Sig. Merolla abbia valutato con attenzione come gestire questa “risorsa” così importante per la collettività.
    Dico solo che sarà opportuno, oggi più che mai, che ci sia trasparenza sul “modus operandi” nella gestione dello Stadio e…..di tanto altro ancora.

    Mi rendo conto di passar per monotono giacchè qualche mese fa esprimevo i miei dubbi sempre su questo progetto….., però non posse esimermi dal ribadire un dubbio che ho da mesi pensando alle correnti politiche interne alla maggioranza e a come i lavori di riqualificazione dello stadio siano ricominciati in un periodo ben preciso ed abbiano poi subito un’accelerazione frenetica per essere portati a compimento:
    le chiavi dello Stadio verranno consegnate alla città di Cisterna oppure alla Soc. Vigor Cisterna??

    Buona giornata,
    Gabriele Paterlini

I commenti sono chiusi.