Storia di un figlio di un Dio minore

Oggi voglio raccontarvi una storia, la storia di un essere umano che ho visto personalmente nascere e crescere, un essere umano che come dice il titolo,è nato figlio di un Dio minore. Oggi è un uomo di 28 anni al quale sono state riconosciute le seguenti patologie: incapacità di comprendere, di esprimersi, autismo e DISTURBI DEL COMPORTAMENTO.Fino all’età di circa 17 anni la famiglia è riuscita a gestire la vita di questo ragazzo, ma in seguito ad un aggravarsi di determinate patologie, si è reso necessario il ricovero presso una clinica riabilitativa  in grado di prendersi cura in maniera idonea del soggetto in questione. A tutt’oggi la terapia, che ha permesso fino ad ora al personale operante nella suddetta struttura di gestire la vita quotidiana di questo ragazzo, non è più efficace sicuramente a causa di assuefazione. Inoltre l’estremo aggravarsi delle patologie che lo affliggono, richiedono che vengano effettuate delle indagini mediche particolari per le quali è richiesta la sedazione totale del paziente che altrimenti non collabora. Alla madre di questo ragazzo che da 28 anni vive quotidianamente il dramma della vita non vita del proprio figlio, è stata suggerita una struttura idonea privata, ma con la possibilità di accesso anche attraverso il canale pubblico. La struttura si è dichiarata disponibile ad accettare il paziente e a prestare tutte le cure necessarie, ma la Asl di competenza sono mesi che non riesce a mettere a punto la procedura per farvi  accedere il soggetto. Nostra impressione è che dietro il dilungarsi vago e lascivo della ASL di competenza, ci sia in primis una questione di denaro, quello stesso VILE DENARO per il quale i nostri uomini di potere si scannano fra di loro a danno solo ed esclusivamente di noi poveri esseri umani che ogni mattina ci alziamo e cerchiamo faticosamente di portare a casa il pane quotidiano dopo ovviamente aver pagato tutte le tasse possibili. Mi viene spontaneo domandarmi, amici cari, chi è che in questi casi deve tutelare chi ha la sfortuna di nascere portatore di handicap? In un paese come il nostro, dove la cifra di tasse pro-capite pagata ogni anno è poco inferiore a quella della Francia che però restituisce in servizi sociali molto di più di quello che l’Italia restituisce a noi, una famiglia che vive un dramma simile a chi deve fare appello affinché il proprio figlio venga curato idoneamente? Ah dimenticavo, la madre di questo ragazzo ha chiesto alla Asl, anche una struttura alternativa a quella suggerita dalla famiglia, purché idonea a svolgere le indagini mediche necessarie e mettere a punto una nuova terapia, ma neanche questa richiesta è stata presa in considerazione. In confidenza vi dico che la disperazione da me personalmente letta negli occhi di questa madre, non fa presagire nulla di buono. Ho voluto rendervi nota questa storia, nella speranza che se qualcuno di voi è in grado di suggerirmi una possibile soluzione, lo faccia in nome di quella umanità e fratellanza che spero ancora siano proprie di noi esseri umani. Vi prego se potete aiutatemi ad aiutare. Grazie a nome soprattutto di chi da solo non è in grado di poter fare niente per tutelarsi.

Donatella Bianchi

p.s.: i contatti con la sig.ra Bianchi possono essere riservatamente chiesti anche al sottoscritto. Della sig,ra Bianchi esiste un profilo su facebook tramite il quale si può contattarla. Grazie a tutte le persone che vorranno interessarsi fattivamente al caso. GMB

Annunci

Informazioni su Redazione

street reporter
Questa voce è stata pubblicata in Sanità, Servizi sociali. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Storia di un figlio di un Dio minore

  1. amopo ha detto:

    Veramente cè da piangere leggendo l intervento di Cisternese (finto) bravo belli come sempre ma te lo dico sempre ogni volta che ti incontro,come si dicute anche ma’ questo è il valore di un muro del confronto come è il tuo blog.

    Felice per il ragazzo e per la mamma,buona fortuna per tutto

    buon week end

  2. soldatino ha detto:

    Cisternese nn capisce quando e’ il momento di parlare e quando e’ il momento di tacere ,fa’ bene a nn intervenire piu’ ci risparmia le cazzate che dice .. e poi costui e’ un cisternese puro sangue ho i miei dubbi. la riprova e’ che la sig. donatella ha ringraziato il sig.belli virghil e chi ha mostrato sensibilita’ vs il suo problema nn ha ringraziato lui che approfitta della occasione per fare politica di bassisima lega, e dice cose come giustamente faceva notare criticus da rozzolo e se e’ cisternese capisce che vuol direquella parola.

  3. Donatella ha detto:

    Grazie Virghil, facciamo capire al nostro amico che si firma Cisternese, che esprimere rammarico non è sufficente e invece sarebbe ora che tutti noi rialzassimo la testa e riiniziassimo a lottare per difendere quei diritti che sempre più ci vengono negati.

  4. Virghil ha detto:

    ” per sciopero non interverrò più in questo sito, quindi tantomeno risponderò a te. ”

    Sarebbe la prima cosa sensata da parte dell’utente cisterne(n)se .
    Magari potrebbe approffittarne per imparare a leggere ed a interpretare cio’ che legge !

    ….Cominciando dal drammatico appello , fatto dalla sig.ra Donatella Bianchi :

    ” Mi viene spontaneo domandarmi, amici cari, chi è che in questi casi deve tutelare chi ha la sfortuna di nascere portatore di handicap? In un paese come il nostro, dove la cifra di tasse pro-capite pagata ogni anno è poco inferiore a quella della Francia che però restituisce in servizi sociali molto di più di quello che l’Italia restituisce a noi, una famiglia che vive un dramma simile a chi deve fare appello affinché il proprio figlio venga curato idoneamente? “

  5. Cisternese ha detto:

    come al solito pura demagogia! almeno l’intervento in questo post potevi risparmiartelo…c’è in ballo la saluto di un nostro concittadino oltre che esprimere il tuo rammarico avevi il dovere di non dire altro.

    Virghil mi fai veramente senso.

    per sciopero non interverrò più in questo sito, quindi tantomeno risponderò a te.

  6. Virghil ha detto:

    Pur non potendo fare molto , non si puo’ rimanere indifferenti davanti a tale testimonianza , a maggior ragione, quando ci viene detto ( e fatto credere) ,di essere residenti in un paese civile ed evoluto .

    Questo ci viene ripetutamente fatto credere , ogni volta che il nostro paese partecipa alle riunioni condominiali planetarie , definite del G8 !

    Ancora piu’ inquitante , dal mio punto di vista personale , quando si risiede in un paese ipocritamente bigotto , dove
    ciascun rappresentante politico ( sia esso nazionale o locale poco importa ) , e’ capace in pubblico di stracciarsi
    le vesti per difendere le proprie ” radici cristiane ” , e spesso ( fateci caso ) sono gli stessi che difendono la logica di scellerate e costose operazioni militari , ignorando completamente il messaggio cristiano che sta’ alla base della loro tanto sbandierata difesa delle proprie radici .

    Sono gli stessi ( fateci caso ) che sono capaci di organizzare feroci barricate al solo scopo di difendere
    i crocefissi da appendere sulle pareti .

    Sono gli stessi ( fateci caso ) che incuranti del deficit nazionale e della crisi attuale che grava su milioni di famiglie italiane , trovano persino la logica per l’acquisto da parte del governo italiano di 131 cacciabombardieri F35 , per una spesa di oltre 14 MILIARDI DI EURO !!!

    Sono gli stessi (fateci caso) , che ritengono opportuno e necessario tagliare le spese sociali più preziose e indispensabili (scuola, sanità, pensioni, ammortizzatori sociali).

    Quanti tagli sociali si potrebbero evitare se si rinunciasse a questi inutili strumenti di morte ?

    A quanti cittadini ,insieme alle loro rispettive famiglie , si potrebbe garantire una serena esitenza da paese civile e evoluto ?

    Quante umiliazioni in meno si potrebbero evitare ?

    QUANTI FIGLI DI UN DIO MINORE SI POTREBBERO EVITARE?

    ….Intanto continuano a farci credere di vivere nel migliore dei mondi possibili , grazie anche alle loro personali battaglie a difesa delle radici cristiane !

I commenti sono chiusi.