PROGETTO MECCANO: CAUTO OTTIMISMO DI MEROLLA

Al termine della conferenza stampa odierna il primo cittadino ha riferito alla stampa presente quanto emerso nella riunione di ieri al Ministero per lo sviluppo economico sulla vertenza “Meccano”. Il comunicato riporta fedelmente quanto riferito dal sindaco Merolla ed infatti non pubblico il filmato relativo, pubblico invece quello che ha dato il via alle sue affermazioni. Tutto è iniziato con una domanda della collega di Latina Oggi Daniela Del Giovine, domanda che fa irritare Merolla che la giudica “riduttiva” rispetto ai risultati raggiunti. La domanda verteva sul contenzioso I.C.I. che l’imprenditore Veneruso ha con il comune di Cisterna.

Questo il comunicato ufficiale:

Moderata soddisfazione al termine dell’accordo raggiunto sulla vertenza Meccano dopo la riunione fiume di ieri al Ministero per lo Sviluppo Economico.
Il Sindaco Antonello Merolla, a margine della conferenza stampa di oggi sul raduno regionale dei Bersaglieri, ha tenuto a ringraziare quanti si sono adoperati per quello che, seppure non è un risultato definitivo, è comunque un buon passo in avanti verso una soluzione all’annoso problema.
“Ringrazio il Ministero dello Sviluppo Economico ed in particolare il dottor Castano – ha esordito il Sindaco Merolla – che ha dimostrato di essere una persona molto vicina ai problemi dei lavoratori ex Good Year, come pure l’Assessore provinciale Silvio D’Arco, il dottor Polichetti delegato del Prefetto di Latina. Ieri c’è stata una grande dimostrazione di collaborazione tra istituzioni. Una riunione difficile, estenuante, a tratti anche caratterizzata da momenti di forte tensione ma con tutti i soggetti tesi verso una risoluzione del problema. Un ringraziamento va anche alle organizzazioni sindacali ed ai lavoratori che hanno compreso e operato affinché si potesse affrontare in modo propositivo la difficile vertenza. Va dato atto anche che Veneruso e di suoi collaboratori, nonostante il ruolo della parte imprenditoriale, hanno dimostrato disponibilità affinché il progetto Meccano non naufragasse definitivamente.
L’obiettivo della cassa integrazione straordinaria non ci fa esultare ma dà la possibilità di riaprire la trattativa tra la Regione Lazio e l’azienda per capire e decidere definitivamente le sorti della vicenda Meccano.
C’è stata la massima disponibilità a trovare, sia da parte delle istituzione che dell’azienda, ogni possibile soluzione, anche alternativa al progetto Meccano, perché venga comunque garantito il reimpiego dei lavoratori ex Good Year. E’ questo forse l’obiettivo più importante raggiunto ieri: l’impegno del Ministero e della Sviluppo Lazio di vagliare in via prioritaria ogni possibile progetto di industrializzazione del sito ex Good Year”.
“In riferimento al contenzioso emerso tra il Comune di Cisterna e la Meccano sul pagamento degli oneri relativi all’ICI – ha aggiunto il Primo Cittadino – c’è l’impegno dell’amministrazione e dell’azienda ad un confronto volto all’individuazione di un punto d’incontro. E’ un fatto importante perché giungere alla risoluzione definitiva del contenzioso non consentirà ad alcuno di utilizzare questo a pretesto del rallentamento o eventuale blocco del progetto di reindustrializzazione.
Stamattina, a questo proposito, ho già avuto un incontro con i dirigenti dei settori coinvolti e l’assessore al Bilancio, Gildo Di Candilo, per la predisposizione di una proposta da sottoporre all’azienda.
L’impegno massimo è quello di non perdere d’occhio il completamento del progetto di reimpiego dei lavoratori. A mio giudizio è un fatto importante che si siano aperte tre possibili soluzioni ad altrettanti livelli istituzionali: Ministero, Regione, Comune”.
“Nel corso della riunione al Ministero – ha concluso Merolla – ho sottolineato come il progetto Meccano abbia umiliato i lavoratori ex Good Year e l’intera città di Cisterna. Adesso dobbiamo lavorare tutti insieme per rimarginare questa profonda ferita”.

Annunci

Informazioni su Redazione

street reporter
Questa voce è stata pubblicata in Lavoro, Politica. Contrassegna il permalink.