PRESENTATO IL 9° PREMIO CISTERNA

Venerdì 19 Marzo si celebrerà il 66° Esodo Cisternese con la cerimonia di consegna del 9° Premio Cisterna.

Il 19 marzo 1944 la popolazione di Cisterna, dopo aver trovato rifugio nelle grotte dalla fitta pioggia di bombe, fu ammassata in piazza e costretta dalle truppe tedesche ad abbandonare la città verso mete sconosciute. Solo al termine del conflitto bellico gli sfollati poterono fare rientro ritrovando, al posto della città, un cumulo di macerie.
Per ricordare questo drammatico capitolo della storia locale vissuto sulla pelle degli anziani cisternesi, venerdì 19 marzo è prevista una serie di appuntamenti. Si inizierà alle 10 con le visite guidate alle grotte Caetani e la deposizione di un omaggio floreale ai caduti civili nelle grotte. Alle 11,30 si terrà la deposizione della Corona d’Alloro in Piazza Savoia presso il Monumento ai Caduti di tutte le Guerre. Nel pomeriggio, alle 17 si svolgerà la cerimonia di consegna della nona edizione del Premio Cisterna e alle 20,30, nel teatro Tres Tabernae, ad ingresso gratuito, la compagnia Avalon presenterà “Cisterna: 19 marzo 1944” per la regia di Tito Vittori.INVITO ESODO 2010_BIS _SML

Una conferenza stampa, questo pomeriggio, ha reso noti i nomi di coloro che la commissione ha ritenuto meritevoli per il 9° Premio Cisterna.
Saranno premiati Fulvio Di Rienzo (figura storica che ha dato un decisivo contributo archivistico nella ricostruzione post bellica ), Leo Giupponi (figura storica che ha trasmesso a tanti giovani la passione per lo sport), Natale Piersanti (figura storica ed esperto ‘stagnaro’ che ha ricostruito la rete idrica comunale dopo la guerra), Benito Trichei (sarto dei più celebri e prestigiosi costumi della storia del teatro, cinema e televisione), Nicola Massimo Gentili (docente universitario dell’Università della Pennsylvania e di studi sul cinema in Italia), Dalla Stazione a Casa di Eugenio (Casa famiglia per disagiati mentali), La Mimosa (associazione che promuove l’arte), Riccardo Perpetuini (calciatore della S.S.Lazio), Giovanni Terrazzino (Calciatore della F.C.Juventus), Stefania Petrianni (imprenditrice e Presidente dell’Imprenditoria Femminile), Giovanni Filippi (sviluppatore di nuove tecnologie meccaniche e brevetti per importanti multinazionali estere), Comunità di San Sebastiano (Amici di Cisterna), menzione alla Confraternita di San Rocco (tradizioni) e al maresciallo Oberdan Castagna (insignito della Medaglia di Bronzo al Valore aeronautico).

Il Premio Cisterna viene assegnato al termine dei lavori di un’apposita commissione presieduta dalla professoressa Patrizia Pochesci e formata da Angela Battisti, Carlo Castagnacci, Quirino Mancini, Adolfo Marini, Romeo Murri, Felice Paliani, Marzio Setini e Mauro Nasi (segretario).

“La Commissione – ha detto il Presidente Pochesci – ha introdotto alcune novità ma soprattutto ha privilegiato l’emotività alla catalogazione per settore. Per questo abbiamo inteso una sorta di continuità tra chi in passato ha promosso la passione per lo sport e chi oggi ne rappresenta la promessa, o chi ha esportato le intelligente cisternesi in luoghi vicini o anche molto lontani da noi. Infine chi tesse la tela della convivenza pacifica senza bandiere. Dunque una scelta basata sulla continuità di tempo, di ruolo, di genere, di generazione”.

Annunci

Informazioni su Redazione

street reporter
Questa voce è stata pubblicata in Costume e società, Cultura, Persone. Contrassegna il permalink.

23 risposte a PRESENTATO IL 9° PREMIO CISTERNA

  1. CARMEN ha detto:

    Grazie Luciano.
    Pero’ non ti ho visto, alla premiazione. peccato se non mi rispondi, perche’ credo che su alcuni personaggi anche tu approvi pienamente il premio. saluti cari

  2. mike ha detto:

    “….il mio giudizio, in questi anni , sul lavoro e le scelte della commissione del Premio è sempre stato in – rispettoso silenzio-. ”

    a lucià l’intervento era a tua difesa, ma perchè in questo blog state tutti a palla e vedete solo attacchi !!!

  3. mike ha detto:

    tanto più che essendo stato assessore alla cultura poteva segnalarlo direttamente……..

    • luciano chiarucci ha detto:

      Un assessore dovrebbe fare a meno di segnalare amici, parenti, o tutto ciò che lo riguarda in maniera diretta compresi alcuni “gemellaggi” ecc…………..ma forse Lei è di tutt’altro pensiero.
      Comunque quando sono stato Ass. alla Cultura (per alcuni mesi ) non mi sono mai permesso di “segnalare” alla Commissione del Premio delle persone e sicuramente per Lei ho fatto male.
      Punti di vista diversi.
      Buona Giornata

      p.s.: non replicherò ad eventuali risposte

  4. luciano chiarucci ha detto:

    Cara Carmen,
    la mia è solo una segnalazione e non un rimprovero.
    Come ho scritto………………… “di tenere presente per il futuro”.
    Aggiungo, al fine di evitare interpretazioni fantasiose, che
    il mio giudizio, in questi anni , sul lavoro e le scelte della commisione del Premio è sempre stato in – rispettoso silenzio-.
    Buona giornata, e se permetti, serenamente mi associo alla Tua Felicità.

  5. CARMEN ha detto:

    Chiedo scusa per l’a con acca, nello scrivere veloce piu’ capitare di digitare qualche tasto in piu’.

  6. CARMEN ha detto:

    Peccato Luciano , peccato che non lo hai ricordato prima, perche’, come tu ben sai , non si puo’ ricordare qualcuno meritevole del premio il giorno stesso della premiazione. La commissione tutto l’anno e’ abilitata tramite Mauro Nasi , ha ricevere nomi ,non c’e’ bisogno di andare in comune, basta aprire il sito e cercare l’e-mail di Nasi e scrivere!!!!!!!!!!!!!!!
    Io cosi’ ho fatto e la persona da me segnalata mesi fa’
    oggi verra’ premiata con mia grande felicita’! E quindi la tua e-mail non puo’ avere toni di rimprovero!.

  7. luciano chiarucci ha detto:

    Grazie PIERO,
    forse pochi ricordano ma il basket a Cisterna ha avuto inizio GRAZIE ad un certo “PIERO PATERLINI” che avendo ricevuto l’incarico di -allestire- una squadra di basket per rappresentare Cisterna ai Giochi della Gioventù della Provincia di Latina, ebbe la fantastica idea di reperire il materiale umano tra i ragazzi più “vivaci” in quel momento presenti nella scuola media Plinio (scuola ubicata all’interno del palazzo Caetani).
    Pur di non andare a scuola ci lanciammo in questa iniziativa.
    Sei ragazzi su dieci erano della stessa classe e tutti e dieci non avevamo mai visto una partita di basket.
    Un mese di allenamento all’interno della palestra del Palazzo Caetani dove PIERO ci allenava tra urli e flessioni a terra.
    Un’ amichevole prima dei “Giochi della Gioventù” contro
    la soc. Simmental di Aprilia e relativa prima sconfitta.
    Arrivammo a Latina ed alla nostra partita incontrammo la padrona di casa il LATINA (nessuno avrebbe scommesso su di noi).
    Battemmo il Latina ed il giorno dopo lo Scauri, il Minturno ed in finale il Gaeta. Vincemmo i Giochi della Gioventù portammo a casa la prima vittoria Provinciale di una squadra di Basket a Cisterna.
    Voglio ricordare quei ragazzi : Maurizio Cossalter,
    Mino De Marinis, Luciano Chiarucci, Fabio Pirazzi, Gianni Biondi, M. Maggi. Rodo Vito, Luigino Ganelli, Mauro Grimaldi, Rino Alfonsi, Tiziano Capogna. A questo gruppo l’anno dopo si aggregarono Rodolfo Bernardi e Vincenzo Giangrande (amico di tutti noi scomparso alcuni giorni fà). Quella vittoria servi a lanciare il basket a Cisterna l’anno successivo si iscrissero tre squadre ai relativi campionati di categoria. Una squadra, per la prima volta era femminile.
    Noi tutti siamo riconoscenti a PIERO per tutto quello che ci ha insegnato dentro e fuori dal Campo e interpretando il pensiero di molti che lo hanno conosciuto e conoscono chiedo al presidente della Commissione per il Premio Cisterna dott. Patrizia Pochesci di tenere in considerazione per il futuro questa segnalazione.
    Il BASKET a Cisterna deve un Grazie a PIERO e tutti noi che lo abbiamo avuto come istruttore anche più di un GRAZIE.
    Luciano Chiarucci.

    • Gabriele Paterlini ha detto:

      Ciao Luciano,

      faccio fatica a trovare le parole giuste per ringraziarti dello splendido pensiero che hai avuto per papà!!
      Sono assolutamente certo che non appena leggerà questo tuo messaggio farà molta, molta fatica a trattenere l’emozione…esattamente come ho fatto io adesso, di prima mattina!
      GRAZIE Luciano, grazie di cuore.

      Gabriele Paterlini

  8. CARMEN ha detto:

    Ci riuniamo in un comitato per tenere vive le tradizioni di Cisterna?
    traspare nei ns scritti tanta gioia per aver vissuto quei momenti, malinconia per non viverli ma forte e’ il sentimento per tramandarli!!!!!!!!!!!!!!!

    • U79 ha detto:

      Non sarebbe affatto male come idea, solo mi chiedo…”Esso chissi de Cisterna storica e popolare”, che già esiste, non ha già queste finalità?

      Io comunque sarei ben felice di apprendere/recuperare tradizioni cisternesi; pur avendo onestamente poco tempo da dedicarci in questa fase della mia vita.

  9. CARMEN ha detto:

    Forse intendi dire che cerchi di mantenere una tradizione cisternese, il falo’ non si puo’ fare se non in campagna,per ovvie ragioni di sicurezza , non ci sono piu’ spazi aperti in citta’ e i palazzi sono vicini e alti.
    Pero’ che bello! mi ricordo da bambina le ricerche dei rami , legni di ogni genere per fare il falo’ e i ns genitori ci aiutavano per non farci bruciare !

    Scusatemi se approffitto di fare gli auguri a tutti i papa’ del blog e non , e a tutti i Giuseppe.
    AUGURI!

    • U79 ha detto:

      Esatto…ed invito a chiunque abbia un pochino di campagna, o magari conosce chi ha della campagna e può prestargli 3-4mq per un’oretta, a perpetuare questa tradizione. Io ricordo le corse attorno al fuoco mie e dei miei amici (bambini festanti che razzolavano e si divertivano senza giocare con la playstation) attorno al falò urlando a squarciagola “Evviva San Giuseppe” (ma anche Sa’ Rocco che a Cisterna non ci sta mai male diciamocelo). Poi magari ci scappava la braciata con le tavolate di amici e parenti, altro che discoteca e locali glamour.

      • Virghil ha detto:

        Grazie U79

        Grazie per aver rievocato questa bella tradizione ormai scomparsa .

        Il falo’ di S. Giuseppe , … si inizia gia’ nel mese di febbraio per la raccolta di legna da ardere .

        E non si vedeva l’ora di vederlo incendiare riunendo tutto il vicinato con grigliata finale e zeppole fritte all’uva passa !!!

        A quanti bei ricordi !

        U79 , …..MA CHE TE POSSINO !!!!

  10. mike ha detto:

    sarà curioso vedere quanti qui criticano qualsiasi cosa si faccia a cisterna, domani sera andranno allo spettacolo serale gratuito al teatro tres tabernae…

    • U79 ha detto:

      non so gli altri, io nel mio piccolo (perché allargarsi non si può per ovvi motivi), cercherò, come ogni anno di mantenere una di alcune famiglie cisternesi che si è persa negli anni per regole + o – discutibili (perché un fondo di verità ce l’hanno devo ammetterlo) e per perdita di interesse: il falò di San Giuseppe. Il falò riunirà alcune famiglie vicine di casa, rinsaldandone i rapporti, laddove ormai i nostri vicini sono per lo più degli sconosciuti di cui diffidare (sfortunatamente in molti casi a ragione). ci sono stati degli anni in cui si gareggiava a chi faceva la fiammata più alta, ora per ragioni di sicurezza noi facciamo un fuoco piccolo, ma dal grande significato penso. Qualcun altro lo fa ancora il falò?

  11. CARMEN ha detto:

    Gabriele forse non mi sono spiegata, la lunga lista era riferita ai ragazzi che secondo U79 non devono ricevere il premio, in quanto regalato.

  12. CARMEN ha detto:

    Il premio, (che possa essere il primo di una lunga lista) puo’ incentivare i ragazzi a dare sempre il loro meglio, nella vita e nello sport ,

    • Gabriele Paterlini ha detto:

      Beh, la lista è già abbastanza lunga….questo di Venerdì sarà quello della nona edizione.
      Sul sito del comune è possibile vedere la lista dei premiati nelle precedenti edizioni.

      Saluti,
      Gabriele

  13. U79 ha detto:

    I premiati sono tutte persone che hanno alle spalle delle carriere, secondo la commissioni, esemplari e degne di rilievo. Tranne due: i due calciatori giovanissimi. Per questi due ragazzi, sul cui talento non mi sogno minimamente di discutere, io penso che sia un premio “reagalato” e non “meritato”: entrambi devono dimostrare ancora tutto nella loro professione. Penso lo meriti più una vecchia gloria di Cisterna che magari non è andato oltre i dilettanti che un ragazzetto alle prime armi.

    • Gabriele Paterlini ha detto:

      Tutto sommato sarei d’accordo, ma il comunicato specifica che “La Commissione – ha detto il Presidente Pochesci – ha introdotto alcune novità ma soprattutto ha privilegiato l’emotività alla catalogazione per settore. Per questo abbiamo inteso una sorta di continuità tra chi in passato ha promosso la passione per lo sport e chi oggi ne rappresenta la promessa, ….”

      Saluti,
      Gabriele

      • U79 ha detto:

        A me sembra un modo per fare comunque una cosa che a rigor di logica, non avrebbe tutto questo senso. A rigor di logica infatti il premio dovrebbe andare a chi ha conseguito risultati esemplari nella sua carriera (anni e anni di vita), pertanto non sarebbe questo il caso. Però ci sono sicuramente, e giustamente, molte famiglie e concittadini orgogliosi per questi due ragazzi per cui qualcuno avrà voluto menzionarli, e quindi piegare (sotto forma di “novità” e premio alla “promessa”) la logica a questa onda “emotiva”. Va bene, in finale non stanno ammazzando nessuno, non sono certo questi i guai di Cisterna, però lasciatemi rimanere della mia idea: questi ragazzi non sono secondo me delle “personalità” di Cisterna, ma dei giovani che stanno provando a farsi strada nello sport professionistico (come altri giovani della loro età ce la stanno mettendo tutta e stanno faticando per ottenere risultati nello studio o nel mondo del lavoro “qualunque” ma che, sono sicuro, non riceveranno il premio Cisterna per una laurea da 110 e lode o un diploma da 100/100).

        Credo non faccia male ripetere che:
        1. non metto bocca sul grande talento di due giovani che si affacciano ai massimi livelli professionistici dello sport che praticano, di cui uno nella mia amata Juventus:)
        2. come cisternese e appassionato di calcio, anche a me una punta d’orgolio la suscitano (e assolutamente senza invidia)
        3. non dubito che i ragazzi e le loro famiglie abbiano fatto dei sacrifici per arrivare dove sono

  14. CARMEN ha detto:

    Complimenti ai premiati.
    Almeno questo premio ci mostra il volto nobile della ns cittadina.

I commenti sono chiusi.