Scatole cinesi

Protesta

A presto….e grazie all’acuta Daniela Del Giovane che ha portato di nuovo il caso all’attenzione del pubblico…il caso….e già….un caso che sembra lontano e invece è vicino, molto vicino. Non c’è bisogno di andare a caccia di notizie ne a pesca di novità. E’ storia vecchia, è sempre la solita storia, purtroppo.

Annunci

Informazioni su Redazione

street reporter
Questa voce è stata pubblicata in Cronaca, Persone, Politica. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Scatole cinesi

  1. U79 ha detto:

    Il sindaco non interviene perché giustamente la questione tra lavoratori e azienda non lo riguarda e non lo deve riguardare. Già sbagliò a mio avviso qualche tempo fa quando si offrì di occuparsi, come mediatore, di questo tipo di vicende. Tintisona sta li perché è stato votato: la colpa non è la sua ma degli allocchi che gli hanno dato (a Cisterna spesso il termine più consono da usare in questi casi è “venduto”) il voto. Morale: sono i cittadini che leggittimano la sua presenza nel consiglio e, per questo, si punti il dito verso di loro e nessun altro.
    Nella vicenda riportata mi fa piacere che le parti lese, i lavoratori cui manca il dovuto, abbiano avuto il buon senso stavolta di non disturbare i lavori consiliari ma si sono limitati a protestare ai cancelli del consorzio.
    Fulvio Poli…questo nome non mi è nuovo, se non ricordo male buon amico di Isacco…ma che centra? anche lui è nel consorzio?

  2. il Caimano ha detto:

    Ma tu guarda che novità!!!! per chi ancora avesse avuto dubbi….questa volta però non si intravede l’intervento del “nostro” “loro “buon sindaco….forse se ne vergogna anche lui?…p.s. sbaglio o nella florida e fiorente società un “pezzo” importante è il compagno…il democratico…il noi di sinistra siamo tutti onesti…Fulvio Poli…non ha nulla da dire?…ma certo il denaro è sempre il denaro…viva l’Italia!!!

  3. Virghil ha detto:

    Ripropongo quanto gia’ riportato :

    I riflettori sul mancato pagamento degli operai sembravano essersi spenti dopo la civile “incursione ” durante la seduta di consiglio .

    Mentre invece , leggendo le cronache locale nei quotidiani odierni , si scopre che il consigliere e’ sempre lo stesso .
    LA MIA CITTA’ LA MIA IMPRESA lo slogan con cui si e’ fatto conoscere e riconoscere durante la campagna elettorale , …ed anche il mancato pagamento nei confronti dei lavoratori E’ SEMPRE LO STESSO !

    Si apprende che continua il gioco delle scatole cinesi , un’abile astuzia in cui l’altrettanto abile ” imprenditore ” riesce sempre a trovare il modo di sfruttare ( e’ proprio il caso di dirlo ) i lavoratori facendoli lavorare senza erogarne i salari !!!

    La nuova scatola cinese , prende il nome di ALLIANCE e non e’ nient’altro che l’ ” evoluzione ” di una societa’ gia’ conosciuta l’ex CONSORZIO SVILUPPO FUTURO dove ancora una volta l’unico denominatore comune fa’ capo in un modo o in un altro , al consigliere Gabriele Tintisona , nominato assessore alla caccia e pesca probabilmente per le sue abilita’ nel tiro al piccione con l’uso dello specchietto per le allodole !

    Per reclamare il loro mancato pagamento ( stipendi di Novembre e Dicembre ) diversi lavoratori si sono riuniti per una protesta civile davanti ai cancelli del consorzio al KM 56 della SS Appia , e’ stata necessaria la mediazione del sostituto Commissario PS di Cisterna per poter almeno ottenere le legittime spiegazioni .

    Inutile dire che ancora una volta sono emersi i rimbalzi delle responsabilita’ e che l’imprenditore ( con l’hobby della doppietta ) continui a dichiararsi estraneo alla vicenda .

    ….LA MIA IMPRESA LA MIA CITTA’ , chissa’ se per le prossime elezioni la campagna elettorale potra’ fare ancora presa su questi onesti lavoratori beffati e sulle loro famiglie ?

    LA MIA IMPRESA LA MIA CITTA’ IL MIO PROFITTO !!!

I commenti sono chiusi.