LA DEMOCRAZIA PERDUTA

Scrivo a notte inoltrata quello che non avrei mai voluto scrivere ma l’indecoroso consiglio comunale di ieri mattina non riesce a farmi dormire. Mai si era scesi così in basso eppure li seguo da molti anni. Arroganza, volgarità, spregio delle più elementari norme comportamentali, un sindaco assente, sperduto ed incapace di far sentire la propria voce, una maggioranza muta, si muta, distratta, latitante dall’aula e spesso ridanciana tanto da essere richiamata ad un comportamento più consono dalla consigliera Eleonora Della Penna, cartelli, proteste dentro e fuori, il tutto condito dai tonanti e  immotivati interventi del presidente  del consiglio Carturan, insomma di tutto e di più. Io non credo che Cisterna ed i cisternesi meritino tanto squallore così come non lo merita una certa parte politica presente ma inerte difronte a quanto é avvenuto. La seduta si è protratta ben oltre le 15, ma era importante, e come ciliegina sulla torta sapete cosa ha detto il sindaco Merolla? Ve lo dico senza timore (ne esiste la registrazione integrale fatta da Tele Etere) “…e basta…è tardi..mi sono rotto il cazzo!….”  Evviva la famiglia, la città e l’educazione. Ma forse aveva ragione tutto sarebbe stato più semplice e tranquillo senza una opposizione che non faceva altro che reclamare il rispetto delle regole.

Non si tratta ne di destra ne di sinistra si tratta di un modo di governare nel quale il sottoscritto non si riconosce.

P.S.:  aggiungo che siccome ho sentito parlare di “par condicio” nelle riprese video se l’avessi rispettata avrei dovuto pubblicare una foto dei rappresentanti della maggioranza in quanto tranne che dire “si” a comando altro non sono stati in grado di  fare.

Annunci

Informazioni su Redazione

street reporter
Questa voce è stata pubblicata in Personale. Contrassegna il permalink.

3 risposte a LA DEMOCRAZIA PERDUTA

  1. Luana ha detto:

    Ho provato un senso di vergogna nel vedere questo filmato, e ancora di più nel leggere i commenti.
    Siamo al limite dell’inverosimile … ed io che volevo fare qualcosa per la mia città, mettere a disposizione le mie competenze per migliorarla. Ora mi chiedo solo se ne vale veramente la pena e quanto altro ancora dovremo subire prima di riuscire a vedere la città governata con il rispetto ed il buon senso del buon padre di famiglia.

  2. Gabriele Paterlini ha detto:

    Con una certo imbarazzo ed un pizzico di vergogna confesso di non aver mai, mai partecipato ad un Consiglio Comunale.
    I filmati che Lei ha riportato mi hanno messo di fronte ad un “imbarazzante” confronto che di fatto rende il mio, di imbarazzo, uno quisquilia, una pinzellacchera… come direbbe il Principe della risata.

    Probabilemente son stato solo sfortunato ad imbattermi, proprio nella mia prima volta in cui me ne interesso, in uno spettacolo abbastanza deprimente, sfortunato io, però….. pure Lei Belli, eh? Di tanti filmati in tante ore di consiglio…..proprio e solo questi…..eh?
    Ma ci può stare, ci può stare, Le va dato comunque atto di dar voce a tutti.

    Quello che invece ci tengo ad esternare è il pensiero sulla Democrazia.
    Questa non sarà stata perduta se ognuno dei presenti in aula, appellandosi a delle sane regole di buon senso oltre che ad osservare rispetto ed educazione per i partecipanti tutti al Consiglio Comunale, avrà dato la possibilità ad ognuno dei partecipanti di esprimersi liberamente senza rischiare di far apparire un consiglio comunale come una piazza da mercato.
    A me sembra che al di là degli “intrecci” ideologici di chi fa politica, ieri sia mancata soprattutto della sana e fondamentale educazione civica, è mancata tanto dentro quanto fuori.
    Aberrante vedere le forze dell’ordine deover rimanere immobili ed impassibili di fronte a gente che urlava rivolgendosi al prossimo per lo più con insulti e minaccie sotto il naso delle stesse Forze dell’Ordine.

    Ai voglia a parlare di educazione nelle Famiglie, nelle scuole, di educazione stradale…..

    Gabriele Paterlini

    • U79 ha detto:

      Parola sante…quelli visti nel video sono “animali da talk show o rality”, ma dove sono cresciuti? In un branco di scimmie urlatrici?!

I commenti sono chiusi.