VITE SPEZZATE – ADDIO VALENTINA, ADDIO GIULIA

Vite spezzate

Vite spezzate

Il mostro ha preteso un nuovo tributo di sangue.  Ubriaco alla guida toglie la vita a due giovani ragazze della nostra città. Quando finirà la mattanza…Vi abbraccio dolci amiche, incolpevoli vittime di un killer spietato, l’alcol. Alle famiglie le mie personali condoglianze.

Valentina Arru, una delle vittime

Valentina Arru, una delle vittime

Ricevo e pubblico

CORDOGLIO DEL SINDACO MEROLLA  PER LE DUE GIOVANI VITTIME

“Ho appreso questa mattina la notizia del tragico incidente avvenuto a Roma dove abbiamo perso altre due giovani vite della nostra città.
Personalmente e come Sindaco sono vicino alle famiglie Arru e Brignone per la tragica e prematura scomparsa di Valentina e Giulia, mentre come amministrazione ci siamo subito attivati per essere di supporto alle famiglie in questo drammatico momento.
Per il giorno delle esequie è mia intenzione dichiarare il lutto cittadino e sono certo che tutta la cittadinanza sarà partecipe al triste evento, soprattutto i giovani cogliendo l’occasione per riflettere su quanto possa essere fragile la propria vita e causa di dolore per chi vi è vicino.
Ho chiesto alla squadra di calcio nel giorno del suo debutto in campionato di scendere in campo con indosso la fascia a lutto e di rispettare un minuto di silenzio. Ho invitato, inoltre, i rappresentanti dei comitati dei festeggiamenti attualmente in corso in alcune nostre borgate di svolgere le cerimonie in un tono più contenuto”.

Cisterna di Latina, 6 settembre 2009

Il Sindaco
Antonello Merolla

Annunci

Informazioni su Redazione

street reporter
Questa voce è stata pubblicata in Cronaca. Contrassegna il permalink.

3 risposte a VITE SPEZZATE – ADDIO VALENTINA, ADDIO GIULIA

  1. U79 ha detto:

    “Al volante ubriaco. Guidava la Punto Giacomo Campanelli. Erano le 5 e mezza del mattino; tornavano da un giro per i pub. Aveva bevuto. Al test alcolimetrico è risultato positivo con un tasso quasi tre volte il consentito (1,30 contro le 0,50 di legge). E’ stato denunciato per omicidio colposo.”

    Il mio cordoglio alle famiglie.
    Erano andati a decine di chilometri di distanza a girare per i pub, con il chiaro intento di bere e molto. Le ragazze decedute di sicuro hanno visto l’autista bere in quantità.
    L’appello ai ragazzi, ma non solo, è doppio: il primo ovviamente di non bere eccessivamente quando ci si mette al volante (possibilmente non bere proprio); il secondo di non salire a bordo di un mezzo guidato da chi ha bevuto.
    Chi si fa dare un passaggio da un autista che ha bevuto è irresponsabile e attenta alla sua vita quanto chi è al volante. Piuttosto chiamate i vostri genitori: svegliateli di notte, magari vi beccherete qualche urlaccio, però a casa ci tornerete vivi. Ma il consiglio che tutti praticamente, dalle istituzioni alle forze dell’ordine e via dicendo, danno di avere a turno una persona che non assume alcool perché rimane isascoltato?
    Qui non è la strada che miete vittime, non è l’acool che uccide, il “mostro cattivo” è la persona che, consapevolmente, decide di rischiare la propria vita e non ha imparato niente da tutti quei ragazzi già morti sull’asfalto.

  2. Virghil ha detto:

    ….Ancora una volta , una tragedia a causa dell’irresponsabilita’ , mi associo alla solidarieta’ di tutti .

    Roma, incidente in centro: due morti
    “Il giovane alla guida era ubriaco”
    – Chi guidava era ubriaco: Guido Campanelli, 23 anni, sottoufficiale della Marina, è risultato positivo al test alcolimetrico –
    http://www.repubblica.it/2009/05/sezioni/cronaca/incidenti-stradali-4/roma-tre-morti/roma-tre-morti.html

I commenti sono chiusi.