INCONTRO SULLA SICUREZZA

Leggo su Facebook una nota del consigliere Emiliano Cerro che conferma l’avvenuto incontro e poi   da ai cittadini alcuni “consigli”. Eccoli:

<< Si rammena che, per la vicenda furti a Cerciabella, le Istituzioni locali sono vigili e ben presenti. Dopo l’incontro in Comune di lunedi tra Sindaco e Primo Dirigente della Questura è stato rivolto l’invito ai residenti all’installazione d’impianti d’allarme collegati alla questura locale ed assunto l’impegno per la distribuzione di un “vademecum” informativo contro i malfattori >>

Quindi amici miei istallate un valido antifurto (ovviamente a spese vostre)  e prima di addormentarvi recitate una peghiera ad un santo a voi caro. Dimenticavo leggete anche il vademecum che, naturalmente, sconsiglierà  l’uso delle armi. Anzi lo vietarà  proprio…anche se…

Annunci

Informazioni su Redazione

street reporter
Questa voce è stata pubblicata in Cronaca. Contrassegna il permalink.

7 risposte a INCONTRO SULLA SICUREZZA

  1. Virghil ha detto:

    ….Dopo l’annuncio dell’ incontro- NON- incontro sulla sicurezza da parte del consigliere E.Cerro , un altro annuncio , anzi una proposta almeno che non si tratti dei soliti fraintendimenti , per garantire PIU’ SICUREZZA PER TUTTI .

    Ebbene l’ho appreso quest’oggi , in un fondo pagina ( la n. 20 ) del quotidiano Latina Oggi viene riportata la notizia che , il consigliere Cerro dalla sua pagina di FACCEBBUCCUKKU ha individuato la SOLUZIONE IDEALE per dare piu’ sicurezza per tutti .

    ….. Migliorare la pubblica illuminazione ?

    …… Favorire con speciali convenzioni l’installazione di antifurti , grate portoni blindati ?

    …. Porre bene in vista un cartello di minaccia tipo ” ATTENTI ALLA SUOCERA ” ?

    … Finanziare corsi di autodifesa personale , tipo karate ?

    …. Travestirsi da supereoe , tipo SUPERCIUK ?

    NO ! La soluzione e’ molto piu’ a portata di mano ossia , e non e’ uno scherzo , fare ricorso a presidi militari !
    UN AUTENTICO COLPO DA GENIO !!!

    Di sicuro tale soluzione porterebbe enormi benefici , non solo sul piano della sicurezza . Una soluzione del genere determinerebbe uno scenario da sudamerica oppure da medio oriente infuocato , tale condizione farebbe senza dubbio da calamita a numerosi turisti che affluirebbero a frotte .

    Perche’ ? Perche’ non averci pensato prima ad una soluzione cosi geniale ?

    Poi magari oltre all’esercito si potrebbe fare ricorso anche alla guardia forestale e alla capitaneria di porto insieme alla guardia costiera !!!!

  2. ATTENTO CITTADINO ha detto:

    installazione d’impianti d’allarme collegati alla questura locale SARANNO A CARICO DELL’AMMINISTRAZIONE COMUNALE?

    MA COME SI FA AD INVITARE I CITTADINI AD UNA SIMILE SOLUZIONE

    aTTENTO CITTADINO

  3. Virghil ha detto:

    “SICUREZZA NELLE CITTA'”
    In questo caso , seppur l’unica informazione in merito , e’ stata data da questo sito .

    Non posso che condividere la scelta di non fare ricorso , se ho ben interpretato il comunicato del consigliere , da parte dell’amministrazione comunale alle cosiddette ” ronde cittadine ” anche per evitare conseguenze gravi magari frutto di sviste , di superficialita’ o ancor peggio da smanie da protagonismo .

    Non dimentichiamo , e non sottovalutiamo , che ultimamente si e’ fatto ricorso all’uso delle armi che pur non avendo avuto gravi conseguenze non possiamo , non considerare la pericolosita’ di quest’ultime , specialmente quando vengono impiegate impropriamente per la ” giustizia fai da te ” .

    Personalmente , mi sembra una proposta ragionevole , quella di dotare le abitazioni di impianti antifurto collegate alla Questura .

    Inoltre si potrebbe potenziare la rete di illuminazione pubblica e collocare nuovi dossi artificiali sulle strade periferiche , per limitare la forte velocita’ di cui potrebbero avvantaggiarsi i ladri d’appartamento .

    La sicurezza sono convinto che debba essere garantita dalle forze dell’ordine , e non dalle iniziative di gruppi di cittadini . Inoltre vorrei ricordare , da quanto letto sulla stampa locale ,che nonostante le numerose ” visite ” a diverse abitazioni , di fatto sono state poche le denunce esposte agli organi competenti .

    Quale sarebbe la soluzione ?
    Fare ricorso a un gruppo di pensionati ?

  4. Emiliano Cerro ha detto:

    Spett.le redazione

    Informo che il sottoscritto è ben a conoscenza del problema “sicurezza nelle città”, ed ha decisamente a cuore l’incolumità dei propri concittadini.
    Tuttavia, come notorio, la questione non investe soltanto il Comune di Cisterna, ma è di tale levatura e portata che attualmente è anche oggetto di un decreto ministeriale (8 Agosto 2009 – sugli osservatori volontari).
    Detto ciò, il sottoscritto, intende in primis esprimere vicinanza e solidarietà ai residenti di Cerciabella, per i fatti accaduti in questi ultimi giorni, ma al contempo anche elogiare l’impegno profuso delle forze dell’ordine locali, che sappiamo essere costantemente impegnate in zona, circostanza questa che ha consentito alla città, fino ad oggi, di collocarsi tra quelle a più basso indice di criminalità della Provincia.
    Quanto detto sopra porta, altresì, il sottoscritto ad esprimere vicinanza all’iniziativa del Sindaco Merolla, che partecipe del disagio avvertito dai residenti di Cerciabella, nonostante la pausa feriale estiva, ha deciso, comunque, di riunire le forze dell’ordine per una disamina attenta del problematica “furti in villa”.
    Per le risposte, considerata la contrarietà del sottoscritto alla “giustizia fai da te” è bene che le stesse siano oggetto di valutazione delle forze dell’ordine locali in considerazione della normativa vigente a livello nazionale.

    Il Consigliere Comunale
    Emiliano Cerro

    • Emiliano Cerro ha detto:

      Voglio chiarire a scanso di ogni possibile equivoco che tra Amministrazione e Primo Dirigente di P.S. non vi è stato un incontro ma raggiunto un accordo verbale. (Fonte di notizia: Quotidiano IL TEMPO del 25.08.2009 a firma Augusto Baccari)

      • Virghil ha detto:

        ….Ecco quando si dice ” fare i conti senza l’oste”, eppure dal comunicato precedente oltre a percepire dell’avvenuto incontro si capiva altrettanto delle misure decise .
        Salvo in seguito averne la smentita .

        – ALIUD EST FACERE , ALIUD EST DICERE –

        …Nel frattempo ,in giardino faccio “sgranchire” Rocco , il mio fedele antifurto a quattrozampe ( un tenero bianco pitbull- terrier ) , non sara’ collegato con la questura ma e’ capace di collegarsi efficacemente a qualunque sconosciuto .

      • Virghil ha detto:

        – ABSIT INIURIA VERBIS –

        Purtroppo , che lo si voglia considerare o meno , l’equivoco c’e’ stato .

        In seguito ad un comunicato letto su facebook :

        <>

        Come deve essere interpretato tale comunicato ?

        Se non quello di leggere che Lunedi’ scorso si e’ tenuto un incontro presso il comune tra il sindaco e la questura ?

I commenti sono chiusi.