VISITA A SORPRESA DEI “GEMELLI” AMERICANI ?

Greetings from Fort Smith. Mercoledì scorso il Sindaco Antonello Merolla ha ricevuto i saluti per la sua carica dall’America e precisamente dalla città gemellata di Fort Smith.
A recapitarli non è stato il servizio postale o una email ma direttamente due cittadini di Fort Smith, il dr. David Hunton e sua moglie Terry con i loro due figli John e Tory.
Greetings from Fort Smith. Mercoledì scorso il Sindaco Antonello Merolla ha ricevuto i saluti per la sua carica dall’America e precisamente dalla città gemellata di Fort Smith.
A recapitarli non è stato il servizio postale o una email ma direttamente due cittadini di Fort Smith, il dr. David Hunton e sua moglie Terry con i loro due figli John e Tory.
…………………………………………………………………………………..
Questo è una parte del comunicato ufficiale appena pervenuto in redazione.  Non ci sono immagini, così come della presentazione del Pro-Cisterna avvenuta nei giorni scorsi, perchè sembra che si stia instaurando una nuova ma pessima abitudine: comunicare “a posteriori” l’evento. Non voglio pensare che sia una precisa strategia del nuovo staff appena insediato nelle sacre stanze. Se così fosse, e visto che il primo cittadino afferma di essere un attento e giornaliero lettore di questo sito (e alcuni suoi commenti qui pubblicati lo dimostrano), mi permetto di segnalargli la cosa onde evitare che  i cittadini-lettori (ma anche elettori) non vengano immotivatamente ed arbitrariamente privati di questo apprezzato servizio al quale, da tempo, sono affezionati.
Annunci

Informazioni su Redazione

street reporter
Questa voce è stata pubblicata in Cronaca, Personale. Contrassegna il permalink.

Una risposta a VISITA A SORPRESA DEI “GEMELLI” AMERICANI ?

  1. antonello Merolla ha detto:

    come anticipato verbalmente caro Belli, la conferenza stampa per il pro cisterna è stata organizzata direttamente dalla società, per la visita dei gemelli americani non siamo stati avvertiti da nessuno della loro presenza a Cisterna, mi scuso se ci dovesse essere qualche nostra responsabilità anche se il comune in questo caso non c’entra nulla.
    Saluti Antonello Merolla

I commenti sono chiusi.