L’assessore Betti: «L’asse del carro era corroso dalla ruggine»

L’assessore alla protezione civile regionale apre il consiglio con un’informativa e spiega che l’asse del carro che non ha retto era corroso dalla ruggine. Conferma anche dal sindaco Lunardini e dal ministro Matteoli alla Camera

MATTEOLI ALLA CAMERA CONFERMA – «Un asse del carro cisterna da cui è fuoriuscito il Gpl che ha provocato l’esplosione a Viareggio si è spezzato e la superficie di rottura presenta un aspetto liscio con tracce di ruggine». Lo ha detto anche il ministro dei Trasporti, Altero Matteoli, alla Camera. Il ministro ha spiegato che sono stati condotti i primi accertamenti su una «sala montata» (vale a dire il complesso composto dall’asse e delle ruote) del primo carro, quello che si è ribaltato. L’asse si è di fatto spezzato nella parte che sporge dalla ruota – detta fusello – che è coperta dalla boccola, la quale consente all’asse stesso e alle ruote di girare. La sezione di rottura, ha detto il ministro, ha evidenziato una «cricca esterna», cioè una fenditura sottile e profonda, «che ha portato la sezione esistente a ridursi notevolmente fino al totale cedimento». La superficie di rottura, poi, è «liscia con tracce di ruggine». In presenza dell’autorità giudiziaria, ha affermato ancora Matteoli, «è stato aperto il coperchio della boccola distaccatasi, per rilevare la sigla presente sulla testata del fusello, relativo agli ultimi ultrasuoni eseguiti sull’asse». Questi controlli con gli ultrasuoni servono proprio a verificare l’integrità dell’asse, che non può essere accertata altrimenti.

Annunci

Informazioni su Redazione

street reporter
Questa voce è stata pubblicata in Avvenimenti, Cronaca, Politica, Servizi e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a L’assessore Betti: «L’asse del carro era corroso dalla ruggine»

  1. Virghil ha detto:

    “Abbiamo il primato al mondo per la sicurezza delle ferrovie. E per mantenerlo abbiamo speso un pozzo di soldi. La nostra impresa è sanissima, un baluardo in Italia. Chi ci critica, guardi all’estero dove gli incidenti sono all’ordine del giorno ”

    Mauro Moretti, Ad Ferrovie dello Stato (Agi, 29 Novembre 2008)

I commenti sono chiusi.