CISTERNA RICORDA I 4 GIOVANI E TUTTE LE VITTIME DELLA STRADA

Atmosfera di grande commozione, questa mattina nella Palestra dell’Istituto Scolastico Superiore Darby di Cisterna. Quest’oggi, infatti, ricorre il primo anniversario della morte dei quattro giovani cisternesi, di età compresa tra i venti ed i ventidue anni, Stefano Taborro, Alessio Simonelli, Daniele Danieli, Gianluca Giarola.vite-spezzate

All’indomani del tragico incidente stradale e dei funerali con lutto cittadino, si tenne un Consiglio comunale straordinario all’interno della scuola ed alla presenza degli studenti sul tema della sicurezza stradale. In quell’occasione venne avanzata la proposta di installare una targa in ricordo dei quattro ragazzi. Nel giorno dell’anniversario, quindi, l’Amministrazione ha fatto realizzare ed installato quella targa per ricordare Alessio, Daniele, Gianluca, Stefano e tutte le giovani vittime della strada.

Sono intervenuti il Presidente dell’Associazione Europea Vittime della Strada, Giovanni Delle Cave, il Sindaco Mauro Carturan, i Presidi Onorato Marzano e Pasquale Gionta, l’ex Preside del Darby, Romualdo Patrei. Presenti in prima fila i genitori dei quattro ragazzi scomparsi e dietro di loro una foltissima e silenziosa presenza di giovani.

“Cisterna – ha detto Giovanni Delle Cave – insieme a Firenze, è la città che maggiormente ha dimostrato attenzione e sensibilità verso il grande problema delle giovani vittime della strada. E’ un’emergenza sociale che deve essere affrontata massicciamente ad iniziare dalla prevenzione. Tutti dobbiamo sentirci impegnati, istituzioni, cittadini, scuole e soprattutto voi, giovani”.

La palestra del W.O.Darby

La palestra del W.O.Darby stamane

“Siamo stati colpiti – ha detto Carturan – da tanti, troppi lutti, recentemente. Eppure non si tratta di stragi del sabato sera o abuso di sostanze alcoliche o altro. E’ il tragico gioco del fato. Basta poco per trasformare un momento di gioia, il piacere e divertimento nello stare insieme, in tragedia. Chi non è più giovane, lo è stato. E quindi non possiamo chiedere a chi lo è oggi di vivere in una campana di vetro, di non divertirsi. Pero’, quando siete in auto, in gruppo o da soli, pensate a questi quattro ragazzi, a ciò che gli è stato negato, al dolore che provano le loro famiglie ed i loro amici, ed usate prudenza”.

Dopo lo scoprimento della targa, il Sindaco ha offerto quattro mazzi di rose bianche ai genitori di Alessio, Daniele, Gianluca e Stefano da recare sulle tombe dei quattro ragazzi da parte dell’Amministrazione comunale e quindi di tutta la città.


Annunci

Informazioni su Redazione

street reporter
Questa voce è stata pubblicata in Avvenimenti, Cronaca. Contrassegna il permalink.

2 risposte a CISTERNA RICORDA I 4 GIOVANI E TUTTE LE VITTIME DELLA STRADA

  1. webmaster ha detto:

    Concordo pienamente con quanto scritto dal lettore. L’articolo su questo sito infatti titola ” …e tutte le vittime della strada.” Per quanto scritto sulla targa ricordo giro il suo post al Sindaco o chi per lui leggerà quanto scritto.

  2. U79 ha detto:

    Probabilmente sarò criticato per quanto sto per scrivere ma, non avendo mai avuto timore di esprimere il mio pensiero, lascerò comunque il mio commento.
    Le strade di Cisterna, sarebbe meglio forse dire della provincia, sono state la tomba per molti ragazzi morti essenzialmente per loro incoscenza, per loro disprezzo della vita e per leggerezza di genitori che gli hanno messo sotto il sedere potenti bolidi. Lo dico senza entrare nel merito specifico della vicenda dei quattro giovani, tragica comunque per ovvi motivi. Arrivo al punto: secondo me non è corretto mettere una targa “A tizio, caio e sempronio e tutti gli altri giovani morti sulla strada”. Come se loro sia “più speciali” degli altri… E tutti i ragazzi morti in precedenza? La loro dipartita non è stata abbastanza tragica dal giustificare una targa che, sia bene inteso, reputo giusta e giusto metterla in una scuola in modo da esser vista da altri giovani. Io in buona sostanza avrei scritto “Alle giovani vittime della strada” o giù di li, senza fare i nomi, senza dire che quattro sono più importanti delle decine che le hanno precedute e delle altre decine che, purtroppo sicuramente ci saranno in futuro.

I commenti sono chiusi.